Ford testa la nuova stampante 3D Infinite-Build di Stratasys

Progettata per produrre componenti di qualsiasi dimensione e forma, la stampante è stata scelta anche da Boeing

ford-stratasys
Ford Motor Company realizza componenti di grandi dimensioni con la nuova stampante 3D Stratasys Infinite-Build nel suo stabilimento di Dearborn, negli Stati Uniti

Ford ha annunciato che sarà la prima casa automobilistica a testare una nuova stampante 3D in grado di costruire parti di dimensioni illimitate. Si tratta della stampante 3D Infinite-Build di Stratasys, una delle due nuove macchine industriali presentate dalla società lo scorso autunno. La stampante può costruire oggetti utilizzando materiali come la fibra di carbonio per realizzare parti con un peso più leggero e maggiore resistenza rispetto ad altri processi di produzione.

L’utilizzo di una stampante 3D in grado di produrre parti di dimensioni illimitate e di qualsiasi forma potrebbe essere una svolta per la produzione di veicoli”, ha dichiarato Ford in un comunicato stampa. Per esempio, uno spoiler realizzato con un processo di stampa 3D può pesare meno della metà del suo equivalente in metallo pressofuso. “Sempre più conveniente ed efficiente, la stampa 3D può portare beneficio sia a Ford che ai consumatori”.

Il produttore di auto intende utilizzare la tecnologia di stampa 3D per la produzione di attrezzature, prototipi o componenti a basso volume, come veicoli Ford Performance, o parti di automobili personalizzate.

Webinar Cloud Ibrido Azure Stack HCI

Webinar 23/06: accendi il potere dell'ibrido

Scopri come con Fujitsu PRIMEFLEX per Microsoft Azure HCI puoi creare facilmente un cloud ibrido su infrastruttura iperconvergente, gestibile con gli strumenti di amministrazione di Windows REGISTRATI ORA >>

Il nuovo sistema di stampa 3D è situato presso il Centro Ricerca e Innovazione di Ford a Dearborn, nel Michigan. La stampante 3D Infinite-Build è stata progettata specificamente per soddisfare le esigenze dei settori aerospaziale e automotive e permette di costruire parti complete con proprietà meccaniche ripetibili. Anche Boeing sta testando una stampante 3D Infinite-Build per esplorare la produzione di componenti leggere e in bassi volumi.

La stampante utilizza un estrusore a “vite” che consente di stampare con materiali compositi, come la fibra di carbonio, che non si restringe o deforma quanto i materiali termoplastici più comuni. Tipicamente, le stampanti 3D si basano sul procedimento della modellazione a deposizione fusa (FDM, Fused Deposition Modeling), nel quale il materiale polimerico fuoriesce da un ugello di estrusione riscaldato e viene depositato strato per strato attraverso una coppia di ruote o ingranaggi.

La stampante 3D Infinite-Build utilizza una piattaforma di costruzione orizzontale, a differenza della maggior parte delle stampanti 3D che utilizzano una piattaforma verticale. Ruotando la piattaforma in orizzontale, la Infinite-Build può costruire parti di lato; in questo modo è possibile stampare oggetti senza limiti di dimensioni.

 

Se questo articolo ti è stato utile, e se vuoi mantenerti sempre aggiornato su cosa succede nell’industria ICT e ai suoi protagonisti, iscriviti alle nostre newsletter:

CWI: notizie e approfondimenti per chi acquista, gestisce e utilizza la tecnologia in azienda
CIO:
approfondimenti e tendenze per chi guida la strategia e il personale IT
Channelworld: notizie e numeri per distributori, rivenditori, system integrator, software house e service provider

Iscriviti ora!

AUTORELucas Mearian
FONTEComputerworld
Lucas Mearian
Senior Reporter a Computerworld.com Lucas scrive per Computerworld riguardo le tecnologie per i servizi finanziari (tra cui la blockchain), l'utilizzo dell'informatica nella sanità e sull'utilizzo enterprise delle tecnologie mobile, per quanto riguarda hardware, softweare, la gestione centralizzata dei dispositivi mobili aziendali e le problematiche relative alla cybersecurity. Pubblichiamo le traduzioni dei suoi articoli in virtù dell'accordo di licenza con l'editore americano IDG Communications. E' su Twitter come @LucasMearian