Si torna a parlare di Google Glass

Secondo il Wall Street Journal Google ha consegnato a circa 50 aziende una nuova versione dei Google Glass indirizzata a settori come la sanità, il manifatturiero e l’energia.

wearable

Già alcune settimane fa avevamo riportato la notizia che i nuovi Google Glass (Enterprise Edition) sarebbero stati dedicati espressamente a un’utenza business e non consumer. Di fatto l’ambizioso progetto di Google non è mai morto e non si è nemmeno mai arenato, a differenza di quanto hanno sempre sostenuto alcune voci dell’industria.

Semplicemente la grande G ha voluto cambiare caratteristiche e utenza di riferimento e la nuova notizia, rilasciata ieri dal Wall Street Journal, è che Google ha consegnato a circa 50 aziende interessate una nuova versione dei Glass, progettata appositamente per essere utilizzata in settori come la sanità, il manifatturiero e l’energia.

Questa nuova release degli occhiali intelligenti di Mountain View sarebbe la stessa di cui si parlava già in precedenza, ovvero dei Google Glass con processore Atom per assicurare un’autonomia maggiore che riesca a coprire un’intera giornata lavorativa. Google avrebbe inoltre migliorato la capacità del modulo Wi-Fi aprendo a un modello dual-band capace di lavorare anche sulle frequenze dei 5 GHz e lo stesso streaming dei contenuti video sarebbe più fluido.

adv
Cloud Communication Business

Nell’era digitale il centralino va in Cloud

La telefonia di nuova generazione è in software-as-a-service: non richiede di installare centralini hardware, gestisce fisso e mobile, e consente di attivare nuove linee o filiali con un clic, abilitando Smart Working e Unified Communication. SCOPRI DI PIÙ >>

Un modello insomma più performante e con un hardware più potente rispetto alla prima versione di alcuni anni fa, ma anche il design è andato incontro a qualche modifica, grazie soprattutto alle dimensioni più generose e a un comfort maggiore per chi utilizza gli occhiali per più ore di seguito grazie anche a un peso minore. Per questo nuovo modello Google ha pensato anche a un pacco batteria in grado di supportare la ricarica wireless, senza quindi costringere l’utente a utilizzare un classico connettore USB per ricaricare gli occhiali.

Nonostante ciò la grande G non ha affatto rinunciato a puntare anche su un modello destinato al mercato di massa. Stando sempre al Wall Street Journal, i Google Glass Explorer Edition destinati a un pubblico consumer sono infatti in fase di sviluppo, anche se questa variante non si sa praticamente nulla né come tempi di uscita sul mercato, né come caratteristiche tecniche.

AUTOREFrancesco Destri
Francesco Destri
Collaboratore Francesco segue il mondo della tecnologia dal 1999, scrivendo per numerose testate online e cartacee. È specializzato soprattutto in tecnologia B2B, hardware e nuovi media.