La realtà virtuale (VR) è stata protagonista del keynote d’apertura della quarta Samsung Developer Conference (SDC). Con l’accompagnamento di video futuristici, la società sudcoreana ha presentato vari prodotti VR, tra cui l’auricolare Gear VR e la nuova fotocamera Gear 360 VR, che consente agli utenti Galaxy S7 di catturare video a 360 gradi. Samsung ha parlato anche del suo servizio Milk VR, progettato per aiutare gli utenti a scoprire interessanti contenuti VR.

samsung-gear-vr

Tra i miglioramenti annunciati per i kit di sviluppo c’è una funzione che consente agli sviluppatori di aggiungere l’equivalente di link ipertestuali all’interno dei loro video 360, che permettono il collegamento ad altri video.

Samsung è un leader nel settore VR”, ha dichiarato Injong Rhee, vice presidente e responsabile di ricerca e sviluppo, software e servizi per il segmento della comunicazione mobile di Samsung. “La VR è incredibile, ma l’industria è ancora agli albori”.

Potenziale infinito per la VR, ma rimangono ancora molte sfide

Samsung ha rilasciato il primo auricolare VR nel 2014, una versione per sviluppatori di Gear VR. Un anno dopo, è arrivata sul mercato la versione consumer. E grazie al debutto della nuova fotocamera Gear 360 VR “il 2016 si preannuncia come l’anno della realtà virtuale”, secondo Andrew Dickerson, director of software engineering di Samsung.

Samsung sta chiaramente puntando sulla VR, ma Rhee è stato realistico sugli ostacoli che ancora frenano l’offerta di soddisfacenti esperienze di VR. “Le attrezzature per la realtà virtuale oggi sono ancora molto pesanti”, ha spiegato Rhee. “A volte possono causare vertigini, e il miglioramento richiede molta potenza di calcolo. Anche la mobilità è limitata, perché i dispositivi VR devono avere un filo”.

samsung-gear360-vr-camera

La nuova fotocamera Samsung Gear 360 VR è in vendita dal 29 aprile a Singapore e in Corea del Sud

Tra le attuali carenze dei dispositivi per la realtà virtuale, sulle quali Samsung sta lavorando, Rhee ha nominato anche la qualità delle immagini , la larghezza di banda e lo storage di grandi file video sono anche preoccupazioni, secondo Dickerson.

La visione di Samsung sul futuro della VR

Oggi, molte delle applicazioni più evidenti di VR sono nel mondo business, secondo Rhee, in particolare nel settore immobiliare (per esempio per tour virtuali di proprietà) e dell’intrattenimento, dove le aziende stanno già sperimentando la VR per la musica e lo sport. “Ma telecamere come la Gear 360 consentiranno ai consumatori di creare i propri contenuti VR”, ha commentato Rhee, “e potranno accelerare il processo di adozione”.

La visione di Samsung per VR include non solo auricolari dedicati, ma anche video immersivi su smartphone e monitor TV. “Stiamo lavorando su dispositivi VR dedicati wireless, in grado di riconoscere i movimenti e i gesti”, ha detto Rhee. Gli utenti della VR potranno anche “guardare video 360 su smartphone e TV, ottenendo una vera esperienza di VR senza dover indossare particolari dispositivi sulla testa”.

Nonostante le sfide da affrontare, Rhee è ottimista sui tempi.

Tra due o tre anni potremo entrare nel mondo virtuale e interagire con oggetti virtuali come se fossimo veramente lì. Questa è la realtà che stiamo cercando di creare”, ha concluso il manage. “Nel giro di pochi anni arriveranno sul mercato molti nostri prodotti con queste capacità”.