Realtà virtuale: i frutti della partnership tra Walmart e Oculus VR

Si parla sempre più spesso dell’utilizzo della realtà virtuale in ambito professionale e il caso di Walmart e Oculus VR è emblematico di come la VR possa migliorare la formazione del personale.

realtà virtuale

Lo scorso anno il colosso americano del retail Walmart ha introdotto la realtà virtuale nel mondo della formazione e dello sviluppo dei suoi dipendenti, utilizzando la tecnologia per potenziare i training presso le Walmart Academies a livello nazionale. Con l’enorme successo di quel programma, l’azienda sta ora fornendo visori Oculus Go a tutti i suoi punti vendita negli Stati Uniti per portare lo stesso livello di formazione a più di un milione di associati Walmart.

“Il bello della realtà virtuale è la sua capacità di rendere l’apprendimento esperienziale” ha detto Andy Trainor, direttore senior di Walmart Walmart U.S. Academies. “Quando guardi un modulo attraverso il visore, sembra che tu abbia effettivamente vissuto quella situazione. Abbiamo anche visto che la formazione attraverso la realtà virtuale aumenta la fiducia e la fidelizzazione dei dipendenti, migliorando al contempo i punteggi dei test dal 10 al 15%; anche coloro che semplicemente hanno guardato gli altri vivere l’esperienza hanno inoltre mostrato lo stesso aumento del grado di fidelizzazione”.

A partire da questo mese la formazione VR verrà lanciata sul territorio nazionale con l’invio di quattro visori a ogni supercenter Walmart e due unità ad ogni Neighborhood Market e discount. Con più di 17.000 visori Oculus Go nei negozi entro la fine dell’anno, ogni dipendente (compresi quelli al piano che interagiscono maggiormente con i clienti) avrà accesso alla stessa formazione che i loro manager e responsabili di reparto vivono all’Academies.

Brock McKeel, direttore senior delle operazioni digitali, ha lavorato con Trainor per portare la formazione VR ai dipendenti e afferma che ci sono già più di 45 moduli basati sulle attività utilizzando il software leader del settore fornito da STRIVR. La piattaforma STRIVR offre contenuti formativi realistici, ripetibili e scalabili, che aiutano gli impiegati ad apprendere le informazioni in modo più rapido e a memorizzarle meglio.

“Stiamo entrando in una nuova era di apprendimento e Walmart continua a guidarne la direzione” ha detto Derek Belch, CEO di STRIVR, che ha lavorato con Walmart per il lancio iniziale della realtà virtuale nelle Academies lo scorso anno. “Il potere della VR è reale e quando viene offerto come fondamento dell’apprendimento e dello sviluppo, può davvero trasformare il modo in cui un’organizzazione forma le sue persone”.

Walmart prevede di utilizzare la VR per formare i dipendenti in tre aree principali: nuove tecnologie, soft skills come empatia e servizio clienti/conformità. La formazione attraverso la realtà virtuale è particolarmente utile per l’apprendimento delle nuove tecnologie. In un test pilota di quest’estate 10 negozi hanno utilizzato la VR come training sulle nuove unità della Pickup Tower nei loro negozi, come dimostra il video qui sopra. La VR permette ai dipendenti di essere formati prima dell’installazione delle torri (non sono necessari insegnanti).

Instillare fiducia è esattamente ciò che rende la VR così efficace come strumento di formazione. Poiché l’effetto della formazione VR è come un’esperienza di vita reale, i collaboratori hanno la libertà di commettere errori e imparare “facendo”, il tutto in un ambiente sicuro.

“Walmart è stata una delle prime aziende a beneficiare della capacità di VR di arricchire la formazione dei dipendenti e le sue applicazioni cresceranno solo da qui” ha detto Andy Mathis, responsabile delle partnership commerciali di Oculus VR. “Ciò che lo rende così convincente è che scenari e simulazioni costosi, difficili o altrimenti impossibili diventano non solo possibili, ma immediatamente raggiungibili”. Ma al di là dell’investimento nell’innovazione e nella formazione dei soci, la tecnologia VR aiuta ad insegnare competenze che arricchiscono le carriere dei soci in tutti gli Stati Uniti e, presto, anche nel resto del mondo.