Nucleus Cloud, basato sul metaverso di Nvidia, potrebbe stimolare l’evoluzione della collaborazione

Se l'obiettivo della collaborazione per risolvere un problema è portare tutti sulla stessa pagina, piuttosto che nello stesso posto, il metaverso potrebbe essere proprio la soluzione ideale.

metaverso

È affascinante vedere le aziende produrre i cosiddetti strumenti di collaborazione perché spesso sembra che non capiscano veramente cosa sia la collaborazione. La maggior parte degli strumenti avanzati che abbiamo visto e usato fino ad oggi sono sistemi di videoconferenza che cercano di emulare virtualmente sale conferenze o eventi, anche se raramente è così che le persone collaborano.

La collaborazione non riguarda un luogo, né di solito richiede un’interazione faccia a faccia. Ciò che richiede è un obiettivo comune a un gruppo di lavoratori con la capacità dinamica di concentrarsi su un prodotto, un concetto, una tattica o una strategia e portare insieme lo sforzo al completamento. Le persone hanno collaborato per posta tradizionale, per telefono, dai letti d’ospedale e su grandi distanze molto prima che avessimo la videoconferenza.

Lo strumento di collaborazione ideale sarebbe altamente flessibile, accessibile da qualsiasi luogo e si concentrerebbe sullo sforzo di collaborazione, non sul mezzo o sul luogo. Nvidia ha escogitato qualcosa che sembra molto vicino a questo ideale e lo ha chiamato Omniverse Nucleus. E al CES 2022 l’azienda ha presentato Nucleus Cloud, che va ancora oltre nella creazione di quello che potrebbe diventare il primo strumento di collaborazione avanzato per spostare l’attenzione dalla tecnologia al compito da svolgere.

Skunkworks

ADV
Siemens Industria 4.0

Industria 4.0: una guida per integrare funzione IT e reparti di produzione

Riuscire a far parlare tra loro sistemi e apparati dei mondi IT e OT è la chiave per sbloccare la trasformazione digitale nell’industria. Per farlo, è necessario cominciare a far parlare tra loro le persone di questi due domini di competenza. Scopri di più >

Alcuni degli sforzi di collaborazione più efficaci di cui ho fatto parte sono stati i cosiddetti skunkworks, unità aziendali create esplicitamente per incoraggiare la creatività e il perseguimento di nuove idee. Spesso si trattava di progetti che rischiavano di fallire, ma che al tempo stesso erano fondamentali per il futuro dell’azienda. Il fallimento non era un’opzione. In questo scenario, un team di collaboratori altamente qualificati e selezionati con cura viene trasferito in un sito remoto sicuro, liberato dalla maggior parte dei propri obblighi aziendali e dotato degli strumenti di cui ha bisogno. Il risultato? In un periodo relativamente breve, il team ha raggiunto questo obiettivo apparentemente impossibile.

Questo per dire che un team può concentrarsi su un progetto senza distrazioni, progettando l’ambiente di collaborazione di cui ha bisogno, scegliendo gli strumenti giusti e rimanendo solo fino a quando non esce dal processo raggiungendo l’obiettivo che si era posto. Il problema è che, per riuscire in questo intento, non solo serve un team di persone altamente capaci, ma bisogna anche essere disposti a liberarsi dai doveri quotidiani. I membri del team devono quindi essere disposti a rinunciare, almeno temporaneamente, a molti dei loro doveri e relazioni quotidiane per svolgere questo importante compito, oltre a dover andare tutti in un luogo remoto per assicurarsi di non essere distratti.

Il metaverso in soccorso?

Ma cosa accadrebbe se potessimo costruire virtualmente quel tipo di sito remoto? E se non dovessimo recarci fisicamente in questo luogo isolato ma potessimo accedervi comodamente da casa? E cosa accadrebbe se, invece di dover usare hardware costoso, potessimo sfruttare l’enorme potenza di elaborazione del cloud per virtualizzare tutto l’hardware che altrimenti ci servirebbe?

Questo è ciò che promette il metaverso e l’Omniverse Nucleus di Nvidia sembra fornire gran parte di questa capacità, visto che connette le app Omniverse, gli strumenti DCC, i renderer, l’archiviazione dei dati e il controllo degli accessi in un’unica soluzione. Il Nucleus Cloud offre la stessa funzionalità, ma dal cloud. La necessità di un massiccio acquisto di hardware è così mitigata dai relativi servizi cloud.

Non guardare indietro

Ci siamo avvicinati alla collaborazione concentrandoci innanzitutto sugli strumenti di videoconferenza che storicamente non hanno funzionato bene per la collaborazione e cercando di adattarli alla forza per risolvere la nostra ridotta capacità di collaborare in remoto. Le riunioni, sebbene spesso necessarie per trasmettere direttive o stabilire traguardi e comunicare progressi, non sono collaborative; infatti, spesso possono diventare addirittura una distrazione e ridurre la produttività. Molti sostengono che vietare le riunioni può essere uno dei modi più semplici per aumentare la produttività, quindi perché dovremmo rendere più semplice la loro creazione?

In passato, gli i progetti skunkworks potevano avere successo, ma sono difficili da realizzare a distanza perché tradizionalmente richiedevano che tutti si trovassero nello stesso posto. Ora, il metaverso può diventare quel posto. L’utilizzo di uno strumento come Omniverse Nucleus di Nvidia fornisce un modo credibile di utilizzare il metaverso per creare virtualmente uno sforzo ottimizzato simile a quello di un progetto skunkworks, in modo che le persone possano partecipare da qualsiasi parte del mondo. Inoltre, spostare questo sforzo nel cloud riduce significativamente i costi iniziali e offre una flessibilità degli strumenti molto maggiore.

Ecco perché il Nucleus Cloud mostra come dovremmo affrontare la collaborazione. Invece di virtualizzare le riunioni, dovremmo virtualizzare il processo di collaborazione. È molto meno costoso e ha una capacità molto maggiore di applicare gli strumenti disponibili ora alla nostra nuova normalità del lavoro a distanza.

Se questo articolo ti è stato utile, e se vuoi mantenerti sempre aggiornato su cosa succede nell’industria ICT e ai suoi protagonisti, iscriviti alle nostre newsletter:

CWI: notizie e approfondimenti per chi acquista, gestisce e utilizza la tecnologia in azienda
CIO:
approfondimenti e tendenze per chi guida la strategia e il personale IT
Channelworld: notizie e numeri per distributori, rivenditori, system integrator, software house e service provider

Iscriviti ora!