Realtà aumentata e virtuale: più di 53 milioni di visori nel 2002

Le ultime stime di IDC su realtà aumentata e virtuale parlano di oltre 53 milioni di visori spediti nel 2022 e, a dominare il comparto professionale, saranno quelli AR.

realtà aumentata

Secondo l’International Headline Tracker Augmented and Virtual Reality di International Data Corporation (IDC), le spedizioni globali di visori stand-alone e tethered per la realtà aumentata (AR) e realtà virtuale (VR) dovrebbero raggiungere un totale di 4,2 milioni di unità nel 2018, in crescita del 31% rispetto al 2017. Guardando al 2022, le spedizioni di questi visori dovrebbero invece salire a 53,1 milioni unità con un tasso di crescita annuale composto (CAGR) dell’88%. Sebbene gli utenti di visori senza display abbiano rappresentato una porzione significativa del mercato fino ad oggi, questi modelli continueranno a perdere rilevanza, con un calo dei volumi significativo e con la crescita che scenderà a un CAGR del -1% nel periodo 2018-2022.

“IDC ha aggiornato le sue previsioni per evidenziare la crescita dei visori AR e i progressi di questa tecnologia su smartphone e tablet, che continuano a superare quelli dei visori” ha dichiarato Jitesh Ubrani, analista senior di IDC Mobile Device Trackers. L’ARKit di Apple ha continuato a migliorare la fedeltà delle esperienze AR sui dispositivi iOS, l’ARCore di Google sta diventando disponibile su altri dispositivi Android e fornitori di SDK di terze parti come 8th Wall e PTC continuano a guidare l’innovazione in questo settore”.

Mentre la maggior parte delle app AR consumer-centric sono focalizzate su smartphone e tablet, la AR commerciale sta guidando le spedizioni di visori di realtà aumentata. IDC si aspetta che la categoria superi il traguardo di un milione di pezzi spediti entro il 2020, dopo di che la crescita aumenterà drasticamente. Man mano che altri venditori entreranno nel mercato, i prezzi diminuiranno e si prevede che le spedizioni totali in questa categoria raggiungeranno i 21,6 milioni di unità entro la fine del 2022.

“La crescita dei visori AR può sembrare contenuta, ma si tratta di prodotti ancora di nicchia per il mercato odierno” ha dichiarato Tom Mainelli, vice presidente di Devices & AR/VR di IDC. “In questo momento stiamo vedendo i fornitori sviluppare software focalizzato sull’azienda per i dispositivi oggi disponibili, con un occhio di riguardo verso le nuove funzionalità che saranno disponibili nelle prossime iterazioni dell’hardware. Le cose diventeranno molto interessanti dal punto di vista del volume e delle capacità nei mesi venire.”

Nonostante la recente flessione del mercato dei visori VR, la crescita in questo mercato tornerà nel 2019 quando il volume di spedizioni globali salirà a 8,6 milioni di unità. Gran parte di questa crescita sarà dovuta alla crescente adozione di dispositivi autonomi e cablati, in particolare nel segmento commerciale, in combinazione con il calo delle spedizioni di visori VR senza display.

L’altra cosa certa è che, nel segmento professionale, sarà la realtà aumentata a prevalere da qui al 2022 su quella virtuale, con 18,78 milioni di unità spedite tra quattro anni contro i 16 milioni di visori VR. La realtà virtuale continuerà invece a farla da padrone nel settore consumer grazie soprattutto ai videogiochi, mentre la realtà aumentata, anche prendendo come orizzonte temporale il 2022, vedrà spedizioni di visori rivolti a un’utenza consumer limitati a 2,8 milioni di unità contro i 15,5 milioni di visori VR.