L’auto elettrica di Apple arriverà nel 2019, ma non sarà a guida autonoma

E’ noto che Apple sta lavorando allo sviluppo di un’auto elettrica e, secondo il Wall Street Journal, i primi veicoli arriveranno su strada nel 2019. Per accelerare lo sviluppo, nome in codice Titan, Apple ha triplicato il team dedicato al progetto, che oggi conta circa 1.800 dipendenti. L’attesa iCar dovrebbe combinare le competenze di Apple in design, batterie, tecnologia dei sensori e integrazione hardware-software.

I dirigenti Apple hanno dato il via libera al progetto dopo aver investito più di un anno nello studio di fattibilità di un veicolo elettrico a marchio Apple. Lo anno scorso, il CEO di Apple Tim Cook ha fatto visita alle strutture di BMW in Europa, e i dirigenti di Apple si sono incontrati con due gruppi governativi in California. Non è chiaro se Apple darà in outsourcing la produzione delle sue iCar, come fa con la produzione iPhone. La maggior parte delle case automobilistiche possiede e gestisce le proprie fabbriche di auto.

Anche se Apple ha recentemente assunto un team di esperti per lavorare sulla tecnologia driverless, il WSJ (qui l’articolo disponibile in abbonamento) afferma che la prima auto elettrica di Apple, prevista per il 2019, non sarà completamente autonoma. Nonostante la Mela stia accelerando sulla realizzazione di una Apple Car, molte fonti interne sono scettiche sulla data del 2019. Si tratta di un progetto ambizioso, soprattutto per una società che non ha nessuna esperienza nel settore automotive, a parte il software di infotainment CarPlay. Anche se Apple realizza un prototipo completamente funzionante, potrebbe essere necessario ancora tempo per superare i regolamenti stradali e di sicurezza.