Tutti i televisori intelligenti Samsung venduti nel 2016 saranno IoT-ready, nel senso che saranno in grado di parlare con tutti gli apparecchi compatibili presenti in casa. Inoltre, il colosso sudcoreano ha annunciato che i suoi televisori SHUD venduti il prossimo anno saranno in grado di agire come un hub per la sua piattaforma SmartThings Samsung. Questo significa che il televisore potrà fungere da controller per come luci, termostati e non sarà necessario acquistare un hub SmartThings standalone da 99 dollari – anche se i televisori SHUD sono molto costosi.

samsung smartthings hubCon una telecamera esterna collegata al televisore, per esempio, è possibile vedere chi suona alla porta senza alzarsi dal divano. I sensori di movimento possono lampeggiare dando un avviso sullo schermo del televisore se qualcuno si aggira nel giardino.

Samsung dice che i suoi televisori SHUD offrono una qualità dell’immagine superiore grazie alla tecnologia chiamata “nano crystal”. Il modello più economico che si trova in rete è quello da circa 1.800 dollari proposto da rivenditore online Costco.

Gli annunci di Samsung arrivano una settimana prima del CES di Las Vegas, l’evento dove i grandi produttori di elettronica presenteranno televisori, lavatrici e altri elettrodomestici che possono essere collegati in rete.

Fa tutto parte della ultima spinta della industria elettronica per vendere nuovi prodotti, anche se rimane da capire quante persone abbracceranno l’idea.

Ci sono diversi protocolli e piattaforme in lizza per collegare tutti gli apparecchi della casa intelligente. Samsung ha acquisito la sua piattaforma SmartThings l’anno scorso, quando ha acquistato la startup che l’ha sviluppata. Samsung spiega che è una piattaforma aperta, quindi altri produttori possono utilizzare la tecnologia nei loro prodotti. Attualmente, secondo le dichiarazioni della società, sul mercato ci sono 200 prodotti compatibili oltre a quelli di Samsung.

Mentre tutti i suoi televisori SHUD integrano la tecnologia SmartThings, la funzionalità sarà “attivata a livello regionale mano a mano che si espande la disponibilità della piattaforma SmartThings”, ha dichiarato la società, senza fornire altri dettagli in merito.