Leader nella produzione di macchine per il packaging farmaceutico e cosmetico, Marchesini Group rappresenta il punto di incontro tra esperienza ed innovazione, un connubio fondamentale per riuscire a soddisfare e addirittura anticipare le esigenze dei clienti. La storia di Marchesini Group comincia nel 1974 a Pianoro, in provincia di Bologna.

Da allora l’azienda continua ad esplorare orizzonti sempre nuovi investendo in know-how e competenze per portare valore al mercato. “Il nostro asset strategico – precisa Valentina Marchesini, HR Manager dell’azienda – è sempre stato quello dell’innovazione, con l’obiettivo di porci come partner nei confronti dei nostri clienti, siano essi piccole aziende o multinazionali. Offriamo loro soluzioni personalizzate, mantenendo una cura sartoriale nella progettazione e nella realizzazione delle macchine ed è per questo che la produzione avviene al 100% in Italia”.

Investire sulle persone

La tecnologia corre veloce e Marchesini Group vuole essere sempre in prima linea. Valentina Marchesini spiega: “I talenti e le persone giocano un ruolo fondamentale ed è per questo che puntiamo molto al loro sviluppo professionale mediante attività di formazione e di aggiornamento costanti. Facciamo il possibile per incentivare la permanenza dei dipendenti in azienda, ed infatti il turnover è molto basso. Abbiamo ad esempio sviluppato un piano di welfare per offrire benefit e iniziative sempre nuove che consentano ai dipendenti di risparmiare tempo e migliorino il work/life balance”.

Valentina Marchesini, HR Manager di Marchesini Group

La rivoluzione dei Locker entra in azienda

adv
Cloud Communication Business

Nell’era digitale il centralino va in Cloud

La telefonia di nuova generazione è in software-as-a-service: non richiede di installare centralini hardware, gestisce fisso e mobile, e consente di attivare nuove linee o filiali con un clic, abilitando Smart Working e Unified Communication. SCOPRI DI PIÙ >>

L’e-commerce si sta sempre più diffondendo e per i dipendenti poter ricevere i pacchi direttamente in azienda rappresenta un grande vantaggio. Il rischio però è che la distribuzione di tali pacchi, anche a causa della mole di consegne, si traduca in un lavoro aggiuntivo per i magazzinieri. Per questo motivo in passato non era possibile farsi recapitare in azienda i pacchi personali.

“Per dare ai dipendenti questa possibilità – precisa Valentina Marchesini – avevamo realizzato un locker ‘artigianale’ dove venivano depositati i pacchi indirizzati al personale. Si trattava però di una soluzione poco sicura e difficilmente gestibile. Ricoh, che era già nostro fornitore tecnologico, ha intercettato la nostra esigenza e ci ha proposto gli Smart Locker, armadietti high-tech che possono essere utilizzati come punti self-service di ritiro delle merci. Questa soluzione ci è sembrata da subito interessante ed è infatti molto utilizzata da tutti i dipendenti”.

Un nuovo approccio

“Il nostro magazziniere – continua Valentina Marchesini – posiziona i pacchi all’interno degli scomparti. I destinatari ricevono una mail con un codice univoco da digitare sul display del Locker Ricoh per sbloccare gli sportelli in cui si trovano i loro pacchi. Tutti sono molto soddisfatti di questa novità, anche perché gli Smart Locker sono semplici da utilizzare e garantiscono sicurezza e tracciatura delle merci”. Marchesini Group sta già pensando a nuovi progetti che possano migliorare ulteriormente il benessere lavorativo e far sentire i dipendenti al primo posto. La manager conclude: “Gli Smart Locker sono personalizzabili con funzionalità aggiuntive e le applicazioni sono davvero moltissime. Ne stiamo già valutando altre che ci consentiranno di offrire ulteriori servizi ai dipendenti”.

Scopri di più sugli  Smart Locker Ricoh sul sito dell’azienda