Self Driving Network più concreta con i nuovi bot di Juniper Networks

Juniper Networks ha presentato nuovi bots Contrail e AppFormix rendendo sempre più concreto l’ideale della Self-Driving Network.

Juniper Networks ha annunciato Juniper Bots, una serie di nuove applicazioni che semplificano la gestione di rete traducendo semplici intenti in reali processi automatizzati e consentendo alle imprese e ai service provider di avvicinarsi alla realizzazione delle promesse della Self-Driving Network.

Con l’avvento di diverse condizioni operative che devono servire una molteplicità di applicazioni che spesso risiedono in ambienti multi-cloud, le reti sono diventate sempre più complesse. Per rispondere alle richieste di consumatori e imprese, gli operatori devono investire per potenziare le infrastrutture e mantenere allo stesso tempo il controllo dei costi.

Per automatizzare, però, devono essere utilizzati linguaggi di programmazione complessi e sviluppatori molto capaci e la tecnologia sottostante ha fatto solo pochi passi verso la semplificazione dell’interazione uomo-macchina. Per questo motivo l’adozione dell’automazione di rete ha subito un rallentamento. Lo conferma un recente studio proprio di Juniper Networks, che ha chiesto a clienti e partner di indicare le principali barriere all’automazione.

Il 43% ha indicato come ostacolo primario la carenza di competenze interne (che ostacola l’adozione dell’automazione di rete), mentre per il 33% dei rispondenti l’ostacolo alle iniziative di automazione è la mancanza di una soluzione completa.

Self Driving Network

A causa di limitazioni tecnologiche, gli operatori di rete sono tradizionalmente in grado di analizzare solo una piccola parte dei dati disponibili sulla rete. Nel tentativo di definire i comportamenti in maniera più precisa, per decenni il networking ha utilizzato metodi manuali applicati dispositivo per dispositivo, una configurazione per volta. Per risolvere queste problematiche Juniper ha presentato Contrail Intent Bots e AppFormix Analytics Bots, che trasformano totalmente il modo in cui gli operatori interagiscono con la rete.

I tre nuovi bot di Juniper Networks, che utilizzano le piattaforme Contrail e AppFormix, incorporano analisi real time progettate per tradurre i requisiti di business di alto livello (il “cosa”) in modifiche di configurazione automatiche sulla rete (il “come”).

Contrail PeerBot

Automatizza il processo di peering di rete, gestendo molteplici router BGP e il complesso sistema di policy-enforcement, per semplificare l’applicazione delle policy stesse e la scalabilità on-demand.

Contrail TestBot

Applicazione che aiuta gli operatori di rete ad adottare l’approccio DevOps per Continuous Integration/Continuous Deployment, automatizzando il continuo cambiamento dei processi di design, provisioning e deployment nella rete.

AppFormix HealthBot

Fitness tracker della rete basato sul machine learning che utilizza AppFormix per raccogliere dati in tempo reale per ricavare insight. HealthBot traduce la ricerca di errori, la manutenzione e le analisi real time in una soluzione intuitiva fornendo agli operatori informazioni sullo stato di salute generale della rete.

WHITEPAPER GRATUITI

  • Computerworld Speciale Industria 4.0
    white paper

    Computerworld Italia – Speciale Industria 4.0

    Un PDF da scaricare per leggerlo comodamente su pc o tablet e avere sotto mano e in un unica soluzione le notizie, le analisi e gli approfondimenti sulla trasformazione in atto nel settore manifatturiero, da più parti definita "quarta rivoluzione industriale".
  • white paper

    Computerworld Italia – Speciale GDPR

    Un PDF da sfogliare online o scaricare per leggerlo comodamente su pc o tablet, per avere sotto mano e in un unica soluzione le notizie, le analisi e gli approfondimenti su come le aziende devono affrontare l'arrivo del GDPR.
  • white paper

    Computerworld Italia – Speciale Data Center

    Un PDF da sfogliare o scaricare su pc o tablet per avere sotto mano le notizie, le analisi e gli approfondimenti sulle principali tendenze dei Data Center: integrazione con il Cloud, approccio software-defined, ottimizzazione delle prestazioni energetiche e molto altro