Infor porta il machine learning in azienda con Coleman AI

La nuova piattaforma basata sull’intelligenza artificiale prende il nome dalla scienziata Katherine Coleman Johnson

deep learning

Infor ha presentato Coleman AI, uno strumento basato sull’intelligenza artificiale che aiuterà i clienti a prendere decisioni migliori e più veloci utilizzando i dati presenti nei loro sistemi ERP. Gli strumenti di intelligenza artificiale (AI) stanno diventando sempre più diffusi nei software aziendali, e molti grandi vendor offrono funzionalità di apprendimento automatico nelle loro applicazioni aziendali.

La piattaforma Coleman prende il nome da Katherine Coleman Johnson, fisica e matematica afro-americana il cui lavoro è stato fondamentale per consentire alla NASA l’atterraggio sulla luna. Infor ha dichiarato che l’obiettivo di Coleman AI è supportare gli utenti di applicazioni cloud a prendere decisioni più veloci e più accurate sfruttando i dati del sistema ERP e gli analytics Birst.

Coleman lavora a vari livelli. Per esempio consente interazioni conversazionali, basandosi sul framework Lex di Amazon. “Per le chat e la voce stiamo sfruttando la stessa tecnologia sottostante Amazon Alexa e altri framework AI”, ha dichiarato il presidente di Infor, Duncan Angove, in un incontro con i clienti della società che si è svolto a New York questa settimana.

adv
Cloud Communication Business

Nell’era digitale il centralino va in Cloud

La telefonia di nuova generazione è in software-as-a-service: non richiede di installare centralini hardware, gestisce fisso e mobile, e consente di attivare nuove linee o filiali con un clic, abilitando Smart Working e Unified Communication.     SCOPRI DI PIÙ >>

La funzionalità di riconoscimento vocale inoltre consiglia e fornisce raccomandazioni agli utenti del software suggerendo, per esempio, quali applicazioni utilizzare per eseguire un determinato compito o quale allegato aggiungere.

Angove vede anche applicazioni in settori come i dipartimenti commerciali per automatizzare processi banali e laboriosi. “Gli studi hanno dimostrato che il 40% o più dei compiti di un dipartimento commerciale potrebbero essere sostituiti da bot AI entro il 2020”, ha spiegato Angove. “Coleman può eseguire questi compiti a bassa complessità, come la corrispondenza delle fatture, la riconciliazione dei rapporti di spesa, la valutazione del rischio di credito per i nuovi clienti”.

La tecnologia sottostante ai sistemi Coleman non è nuova, ma la piattaforma è ancora in fase di sviluppo e gradualmente saranno aggiunte nuove funzionalità. Infor lavora da tempo sull’apprendimento automatico e alcuni elementi di Coleman sono già disponibili. “In passato gli algoritmi di apprendimento automatico sono stati impiegati in applicazioni software specifiche e in soluzioni verticali, ma Coleman si propone come una piattaforma c disponibile per tutte le applicazioni software Cloud Suite accessibili tramite le API ION”, ha sottolineato Angove. “Riteniamo che sviluppare soluzioni discrete vincolate ad applicazioni esistenti, così come si è fatto tradizionalmente finora, sia un approccio sbagliato al machine learning. Serve un approccio più pervasivo e onnipresente nell’esperienza complessiva”.

In generale, Coleman sarà disponibile a tutti i clienti della Cloud Suite senza costi aggiuntivi, ma alcuni moduli specifici potrebbero avere un proprio costo a parte.

 

AUTOREMatthew Finnegan
FONTEComputerworld UK
Matthew Finnegan
Senior Reporter di Computerworld Matthew Finnegan si occupa di software enterprise per Computerworld, e in particolare dei software di collaborazione e produttività. Vive in Svezia e potete trovarlo su Twitter come @TheMatthewF. I suoi articoli compaiono sull'edizione italiana di Computerworld in virtù dell'accordo di licenza con l'editore americano IDG.