IBM creerà sull’area Expo un centro di ricerca “cognitive” sulla Sanità

L’azienda investirà 150 milioni di dollari per creare il polo di ricerca e sviluppo che servirà l’intero mercato europeo, creando “centinaia di posti di lavoro”

IBM Watson Health accordo con Renzi per creare polo di ricerca a Rho

Matteo Renzi, in visita a Boston, ha firmato oggi un memorandum con la CEO di IBM Ginni Rometty per la creazione di un centro di ricerca e sviluppo di tecnologie cognitive applicate all’healthcare. Il Centro di Eccellenza europeo di Watson Health, che prevede un  investimento di 150 milioni di dollari da parte di IBM nei prossimi anni, farà parte dello Human Tecnopole che sorgerà sull’ex area di Expo 2015 di Rho.

Nel dare l’annuncio, l’amministratore delegato di IBM Italia Enrico Cereda si dice “orgoglioso per questo risultato che riguarda il futuro del nostro Paese ed entusiasta di poter mettere la migliore tecnologia cognitive attuale al servizio di uno dei sistemi sanitari pubblici migliori al mondo”.

Il progetto prevede infatti di applicare la tecnologia di cognitive computing di IBM Watson per ricerche in campo healthcare, sia sul fronte scientifico e clinico, sia su quello della gestione dell’apparato.

adv
Cloud Communication Business

Nell’era digitale il centralino va in Cloud

La telefonia di nuova generazione è in software-as-a-service: non richiede di installare centralini hardware, gestisce fisso e mobile, e consente di attivare nuove linee o filiali con un clic, abilitando Smart Working e Unified Communication. SCOPRI DI PIÙ >>

Le soluzioni saranno rese disponibili a un ecosistema di partner e clienti sia del settore pubblico, sia di quello privato, e verteranno principalmente su quattro filoni:

  • Prevenzione e miglioramento del benessere dei pazienti (per esempio, attraverso la creazione di un call-center “Pronto Salute” che fornirà informazioni specifiche grazie alle tecnologie cognitive di Watson).
  • Sviluppo di modelli assistenziali e fascicolo sanitario del cittadino
  • Ricerca scientifica, principalmente nei campi genomico, oncologico e delle malattie degenerative
  • Sviluppo del sistema sanitario nazionale e ottimizzazione dei costi

La piattaforma dei servizi sarà resa disponibile da un’installazione Watson in cloud attraverso il data center IBM/Softlayer inaugurato lo scorso giugno (per la realizzazione del quale IBM Corporation aveva già investito 50 milioni di dollari in Italia a suo tempo).

Ancora non sono chiari i tempi di realizzazione, in parte perché vincolati allo sviluppo del Tecnopole stesso sull’area di Expo, e in parte perché i dettagli realizzativi saranno definiti nei prossimi tre mesi, entro i quali sarà firmato il protocollo d’intesa finale tra il Governo e IBM (Renzi ha invitato la Rometty in Italia per la firma). Di sicuro, entrambe le parti hanno interesse a che il tutto sia realizzato nel più breve tempo possibile. IBM per poter sfruttare al meglio il vantaggio competitivo che le offre la tecnologia Watson, e Renzi perché ha bisogno di dimostrare efficienza e risultati concreti.

All’interno del protocollo d’intesa saranno definiti anche gli impatti occupazionali del progetto. Cereda non si è sbilanciato, ma stima che i posti di lavoro nel nuovo polo possano essere dello stesso ordine di grandezza del polo di ricerca cognitive healthcare IBM di Boston, che sarà inaugurato a breve e arriverà nei prossimi mesi a impiegare circa 700 persone (di cui, presumibilmente, almeno una parte proveniente da altre sedi IBM) per servire il mercato USA. Il polo di Rho sarà l’equivalente per il mercato europeo.

Del polo di ricerca potranno ovviamente avvantaggiarsi tutti i partner IBM, ma l’obiettivo è ben più ampio. L’obiettivo è quello di creare un ecosistema in cui possano convergere gli interessi e gli obiettivi anche di quelle entità che non sono clienti o partner IBM.

 

Andrea Grassi
Editor di Computerworld e CIO Italia Giornalista professionista, ma con una formazione tecnico-scientifica, dal 1995 ha lavorato per alcune delle più importanti testate di informatica in Italia. È stato redattore di .Net Internet Magazine, il Mio Computer e MacFormat, responsabile di redazione di Computer Magazine, PC Magazine, Hacker Jorunal, Total Computer e del portale CHIP Download. Come publisher ha curato l’edizione italiana di CHIP, PC World, Macworld e ha ideato e lanciato le riviste mensili iPad Magazine e Android Magazine. È autore dei libri Windows XP per tutti e Mac OS Tiger pubblicati da McGraw-Hill e ha tradotto svariati altri manuali di programmazione, cybersecurity e per software professionali. Dal 2015 cura per Fiera Milano Media le testate Computerworld e CIO Italia dell’editore americano IDG. Ha seguito in particolar modo l’evoluzione di Internet, dagli albori della sua diffusione di massa, analizzandone gli aspetti tecnici, economici e culturali, i software di produttività, le piattaforme web e social, la sicurezza informatica e il cybercrime. Più di recente, segue le tematiche relative alla trasformazione digitale del business e sta osservando come l’intelligenza artificiale stia spingendo ogni giorno più in là il confine della tecnologia. Puoi contattarlo via email scrivendo ad andrea.grassi@cwi.it e seguirlo su Twitter (@andreagrassi) o Linkedin.