Google ora risponde anche a domande complesse. (Quasi) sempre in modo corretto

Grazie ai miglioramenti apportati, l’app di ricerca del gigante di Mountain View è in grado di interpretare frasi articolate, superlativi e specifici riferimenti temporali

Google ha annunciato passi avanti nella sua applicazione di ricerca vocale, che permette ora di gestire e rispondere a domande più complesse. Il motore di ricerca è in grado di elaborare ricerche che contengono, per esempio, superlativi, frasi articolate, specifici riferimenti temporali.

Gli esempi suggeriti da Google nel suo post sono domande come “Quali sono le città più grandi del Texas?”, o “Quale era la popolazione di Singapore nel 1965?”.

How the Google app understands complex questions
Un altro esempio fatto da Google per spiegare come funziona la ricerca. La domanda “Chi era il presidente degli Stati Uniti quando gli Angels vinsero i campionati mondiali?” viene suddivisa in più parti (lista di presidenti di stato, nazioni, squadre di baseball, vincitori dei campionati mondiali). I dati vengono poi incrociati per fornire la risposta, in questo caso “George W. Bush”

Google è impegnato nello sviluppo della ricerca vocale dal 2008, e nel 2012 ha dato il via al progetto Knowledge Graph. L’obiettivo è riuscire a interpretare le “intenzioni” dell’utente ed esaminare le parole utilizzate per la ricerca cogliendone il significato complessivo, al di là del singolo termine.

ADV
HP Wolf Security

Il perimetro aziendale oggi passa dalla casa dei dipendenti

Metà dei dipendenti usa il PC anche per scopi personali e il 30% lascia che venga utilizzato da altri famigliari. La tua cybersecurity è pronta per le sfide del lavoro remoto? LEGGI TUTTO >>

Si tratta di un obiettivo ambizioso. Come sottolinea Satyajeet Salgar, Product Manager di Google, diamo per scontato il nostro linguaggio, dimenticandoci di quanto tempo ci vuole per imparare ad esprimersi e a comprendere gli altri, operazione che diventa ancora più complessa per un computer.

Ecco perché, con una certa ironia, Salgar cita anche possibili errori dell’applicazione: alla richiesta “Chi era la madre di Dakota Johnson nel film?”, il motore di ricerca risponde “Melanie Griffith”, ovvero la vera madre dell’attrice, mentre la risposta corretta è “Jennifer Ehle”, che ha interpretato il ruolo della madre di Dakota Johnson nel film “50 sfumature di grigio”.

La ricerca vocale è un’area in cui sono impegnate altre aziende, oltre a Google. Microsoft è presente in questo settore con Cortana, Soundhound con la sua applicazione Hound, e naturalmente c’è Apple con Siri, che permette sia di effettuare ricerche che di dare istruzioni a un dispositivo attraverso la voce.

Se questo articolo ti è stato utile, e se vuoi mantenerti sempre aggiornato su cosa succede nell’industria ICT e ai suoi protagonisti, iscriviti alle nostre newsletter:

CWI: notizie e approfondimenti per chi acquista, gestisce e utilizza la tecnologia in azienda
CIO:
approfondimenti e tendenze per chi guida la strategia e il personale IT
Channelworld: notizie e numeri per distributori, rivenditori, system integrator, software house e service provider

Iscriviti ora!

Sara Brunelli
Attiva nel settore della comunicazione dal 2003, dopo la laurea in Matematica e un master in Comunicazione Scientifica. Mi sono specializzata nell’editoria B2B, seguendo in particolare lo sviluppo dell’intelligenza artificiale e della robotica. Mi potete seguire su Facebook e LinkedIn.