assistenti vocali

Google l’aveva promesso ed è stata di parola. Google Assistant, l’assistente virtuale della grande G atteso in versione italiano entro fine anno, sarà disponibile dal 15 novembre in concomitanza con l’uscita sul nostro mercato dello smartphone Pixel 2 XL, che ricordiamo si potrà acquistare solo sullo store hardware di Google o presso i punti vendita di 3 Italia e relativo sito.

In realtà alcuni utenti italiani hanno già iniziato a ricevere Google Assistant, ma si tratta di beta tester e quindi di una cerchia ristretta di utilizzatori. Naturalmente l’erede di Google Now non sarà disponibile solo sul nuovo Pixel 2 XL bensì su qualsiasi smartphone Android con a bordo Android 6.0 Marshmallow, l’applicazione di Google nella sua versione 6.13 o successiva, almeno 1.5 GB di RAM e un display dalla risoluzione almeno 720p.

google assistant

C’è molta curiosità attorno a Google Assistant da parte degli utenti italiani, anche perché quello di Google è riconosciuto come l’assistente vocale più avanzato oggi disponibile rispetto ai vari Siri, Cortana, Alexa e Bixby, tanto che non lo troviamo solo sugli smartphone ma anche su altri dispositivi di Google come gli speaker smart Home non ancora disponibili in Italia.

Le funzioni di Google Assistant sono numerose e, grazie al machine learning, questo software è in grado di capire con maggior naturalezza le richieste dell’utente e a esaudirle.

WHITEPAPER GRATUITI