In che modo l’intelligenza artificiale su Apple Silicon aiuterà le aziende

Il machine learning e l’intelligenza artificiale trasformeranno ogni parte dell'esperienza Apple nei prossimi anni e ciò potrebbe avere ripercussioni molto importanti sulle aziende. Ecco come.

intelligenza artificiale

Il vicepresidente senior di Apple per AI e Machine Learning, John Giannandrea, ha affermato che il machine learning trasformerà ogni parte dell’esperienza Apple nei prossimi anni. Che impatto potrebbe avere tutto ciò sulla vostra azienda?

Grammarly sul dispositivo?

Grammarly ha un valore inestimabile, ma l’unica cosa che non mi piace di esso (e una buona ragione per cui le aziende ne vietano l’uso) è il sospetto su ciò che accade a ciò che viene scritto mentre passa attraverso il sistema. Negli affari la privacy è essenziale, in particolare nei settori fortemente regolamentati. Immaginate un correttore grammaticale sul dispositivo che mantenga ciò che scrivete senza che il vostro lavoro esca dal dispositivo, a meno che non scegliate di condividerlo.

Questo è il tipo di servizio basato sull’intelligenza artificiale che Apple potrebbe fornire: una versione migliorata di ciò che offre già, ma sufficientemente privata e sicura per l’uso aziendale. Un controllo grammaticale efficace e pertinente sul dispositivo potrebbe diventare inestimabile, sebbene debba essere più configurabile dall’utente rispetto alla correzione automatica.

Aumentare le attività del flusso di lavoro

adv
Cloud Communication Business

Nell’era digitale il centralino va in Cloud

La telefonia di nuova generazione è in software-as-a-service: non richiede di installare centralini hardware, gestisce fisso e mobile, e consente di attivare nuove linee o filiali con un clic, abilitando Smart Working e Unified Communication. SCOPRI DI PIÙ >>

Naturalmente, una volta che pensate a una soluzione di potenziamento, diventa più facile considerarne altre. Pensate ad esempio alle attività ripetitive che fanno parte del vostro flusso di lavoro. Potreste aver già automatizzato gli elementi di queste, ma la promessa dell’intelligenza sul dispositivo indica articolazioni più efficaci con cui il vostro device potrebbe diventare il vostro “gemello digitale” che potenzia la produttività.

Sono convinto che Apple si stia già muovendo in questa direzione. I consigli di Siri sono il fiore all’occhiello di ciò, ma immaginate se questa intelligenza predittiva fosse applicata ad altri processi aziendali. Immaginate un’app Shortcuts selezionata automaticamente per fornire le competenze di produttività pertinenti utilizzate all’interno della vostra particolare azienda.

Aiuto per la gestione dei processi aziendali

Finora l’obiettivo è stato quello di consentire alle persone di concentrarsi meno su compiti ripetitivi a favore di sfide più complesse. È un’ottima cosa in termini di risultati individuali, ma la maggior parte delle aziende fa affidamento sui team. In che modo l’intelligenza artificiale sul dispositivo può potenziare i flussi di lavoro del team e migliorare la gestione dei processi?

Un modello che può funzionare è il fatto che l’attenzione di Apple sulla privacy significa che nessun individuo è contrassegnato, ma che i dati dei processi aziendali possono essere condivisi all’interno di un gruppo in forma anonima. L’IA potrebbe, ad esempio, seguire il percorso degli alberi decisionali, analizzare il tempo intercorso tra la comunicazione e la risoluzione e lavorare per identificare i colli di bottiglia nei processi aziendali che altrimenti non sarebbero visibili. Ciò supporterebbe inevitabilmente elementi utili come appuntamenti condivisi automatizzati e calendari di obiettivi aziendali e automazioni generate dal sistema per accelerare determinate attività.

automazione intelligente

Le cose semplici

Cosa succederebbe se il vostro Mac e il vostro iPhone lavorassero insieme per monitorare le scadenze di consegna del progetto e gli SLA? I rilevatori di dati che già utilizzate nelle e-mail, nei messaggi e altrove sulle piattaforme Apple mostrano che la tecnologia è già in grado di raccogliere tali informazioni, ma in che misura l’aumento dell’automazione di tali attività può dare impulso alla vostra azienda?

Inoltre, perché l’intelligenza artificiale sul dispositivo non potrebbe essere in grado di monitorare le proprie condizioni, avvisandovi quando il vostro Mac, iPhone, iPad o apparecchiature collegate di terze parti stanno per andare incontro a dei problemi e facendovi sapere il perché? Il monitoraggio a livello di sistema dei dispositivi di terze parti connessi posiziona potenzialmente i sistemi di machine learning di Apple in esecuzione su Apple Silicon al centro dell’infrastruttura dell’Industria 4.0.

Ho questa immagine in testa. Gli iPad in fabbrica monitoreranno i macchinari di produzione per identificare la probabilità del servizio, reindirizzando automaticamente la capacità e il flusso di produzione per mitigare preventivamente potenziali guasti alle apparecchiature. In teoria, la prima volta che un responsabile di fabbrica potrebbe sapere che la sua macchina sta per guastarsi potrebbe essere quando arriva un tecnico dell’assistenza per riparare un guasto che non è ancora emerso.

L’integrazione della piattaforma

Rimanendo con l’esempio della produzione intelligente, ecco una sequenza che mostra come l’intelligenza artificiale sul dispositivo potrebbe supportare i macchinari intelligenti.

  • L’iPad nella sezione 7 dello stabilimento di produzione ha segnalato un probabile guasto in una macchina rivettatrice essenziale
  • Lavorando con sistemi di gestione automatizzati e supervisori umani, ha deviato il lavoro programmato per quella macchina per le prossime 48 ore e ha convocato un tecnico dell’assistenza con una notifica al suo Apple Watch
  • All’arrivo in sezione, il tecnico indossa i suoi occhiali AR, che lo guidano fino alla macchina fornendo dati analitici e rendendo disponibili i manuali di assistenza sul campo
  • I componenti possono essere richiesti automaticamente e dati precisi sui risultati di consegna e riparazione possono essere resi disponibili in tempo reale durante la riparazione
  • Queste informazioni vengono automaticamente inserite nei sistemi dell’azienda, consentendo ad altre sezioni dell’azienda (e ai suoi clienti/partner) di fornire indicazioni precise per la consegna
  • La trasparenza e la risoluzione rapida portano a un collegamento con il cliente molto più efficace
  • Tali strumenti sono già in uso in tutta la produzione, ma il passaggio di Apple all’intelligenza artificiale sul campo attraverso le sue piattaforme significa che iPhone, iPad e Mac condivideranno intrinsecamente l’elaborazione del sistema operativo di cui hanno bisogno per prendere il loro posto al centro di questo futuro potenziato dall’IA.

AUTOREJonny Evans
FONTEComputerworld.com
Jonny Evans
Collaboratore di Computerworld.com Jonny è un freelance che scrive di tecnologia dal 1999, in particolare riguardo a Apple e la digital transformation. Cura su Computerworld.com il blog Apple Holic, con post a volte interessanti e a volte provocatori su tutto quel che succede a Cupertino. Le traduzioni dei suoi articoli appaiono su Computerworld in virtù dell'accordo di licenza con l'editore americano IDG Communications. Lo potete trovare su Twitter come @jonnyevans_cw