Juniper Networks ha annunciato i risultati di una ricerca indipendente che ha esaminato lo stato delle strategie e dei progetti di automazione di rete nell’area EMEA e le aspirazioni delle aziende per i prossimi due anni. La ricerca, realizzata da IDC nell’estate 2017, ha studiato gli approcci e i piani di diverse tipologie di organizzazione in Francia, Germania, Italia, Olanda, Regno Unito e Arabia Saudita.

Tra il 58 e il 61% degli intervistati ha dichiarato che adotterà qualche forma di automazione in diverse aree di rete nei prossimi due anni. I risultati dell’indagine suggeriscono che l’automazione di rete oggi è una priorità strategica per molte organizzazioni: il 77% degli intervistati ha affermato infatti che IT e decisori stanno attualmente prendendo le relative decisioni d’acquisto.

I tre principali driver per l’adozione dell’automazione di rete sono la maggiore efficienza operativa (43%), l’implementazione di servizi innovativi (41%) e la maggiore sicurezza (34%). Considerando i benefici per il business derivanti dall’automazione di rete, gli intervistati hanno citato la riduzione degli errori umani (44%), il minor Capex/Opex (43%) e i maggiori livelli di sicurezza (39%), risultati in un margine competitivo come motivazione primaria per la scelta.

automazione

Nonostante i chiari vantaggi percepiti dagli intervistati, emerge comunque la necessità di muoversi con cautela. I tre principali ostacoli sono le preoccupazioni per la sicurezza (41%), una curva di apprendimento ripida (39%) e le spese iniziali (38%).

Questi pro e contro potrebbero sembrare contraddittori, ma evidenziano in realtà un’interessante dicotomia sui rischi e benefici percepiti dell’automazione di rete. In particolare le aspettative e le preoccupazioni legate alla sicurezza di rete hanno lo stesso peso tra gli intervistati. Se alcuni sono fiduciosi sul fatto che la riduzione degli errori umani nell’implementazione e gestione della sicurezza garantisca maggiore protezione a dati e utenti, altri temono che con l’automazione l’IT perda il controllo sui dispositivi e sui dati che erano precedentemente protetti.

La ricerca suggerisce infine che vi sia ancora parecchio lavoro da fare per le aziende EMEA. Il 46% degli intervistati ritiene infatti che l’automazione di rete non sia ancora adeguatamente in linea con la strategia di trasformazione dell’organizzazione.

“Bisogni sempre più esasperati di velocità, scalabilità e sicurezza spingono le organizzazioni ad automatizzare i processi manuali nelle loro reti, che rappresentano le fondamenta del digital business. IDC ritiene che la curva di adozione dell’automazione di rete si impennerà decisamente nei prossimi due anni, ma per evitare possibili problemi le aziende dovranno allineare con attenzione capacità tecniche e obiettivi di business e selezionare partner tecnologici con competenze solide e documentate nell’automazione” ha dichiarato Chris Barnard, vice president, European Telecoms & Networks di IDC.

WHITEPAPER GRATUITI