Sterling Supply Chain Suite: la blockchain per la supply chain secondo IBM

Legata all'attuale servizio Sterling Order Management System, la nuova offerta cloud blockchain di IBM consente visualizzazioni in tempo reale di spedizioni di ordini, avvisi e raccomandazioni di ottimizzazione.

blockchain

La scorsa settimana IBM ha lanciato un nuovo servizio di supply chain basato sulla sua piattaforma blockchain e sul software open source di Red Hat, che consente agli sviluppatori e alle app di terze parti di integrare i sistemi di dati aziendali legacy in un libro mastro distribuito. Tramite l’utilizzo di API aperte, la nuova Sterling Supply Chain Suite consente a distributori, produttori e rivenditori di integrare i propri dati e reti, nonché quelli dei loro fornitori, in una blockchain basata su Hyperledger per tracciare prodotti e parti di essi. Tra i dati che possono essere integrati ci sono anche i sistemi di sensori IoT per sapere in tempo reale la posizione delle spedizioni.

“È la prima mossa di IBM in quello che prevediamo essere un investimento significativo nella reinvenzione delle supply chain da parte di organizzazioni globali nei prossimi decenni”, ha detto un portavoce di IBM via e-mail. Tramite le API, IBM Sterling Supply Chain Suite si lega a infrastrutture legacy come i sistemi di gestione del magazzino (WMS), i sistemi ERP, i sistemi di gestione degli ordini e le applicazioni commerciali.

Poiché la nuova suite rientra nel marchio Sterling Order Management (SOM), che IBM ha acquisito da AT&T nel 2010, ha già una base di utenti esistente di oltre 7.000 clienti che hanno altri 500.000 partner commerciali, secondo Inhi Cho Suh, direttore generale dell’unità di business Watson Customer Engagement di IBM.

adv
Cloud Communication Business

Nell’era digitale il centralino va in Cloud

La telefonia di nuova generazione è in software-as-a-service: non richiede di installare centralini hardware, gestisce fisso e mobile, e consente di attivare nuove linee o filiali con un clic, abilitando Smart Working e Unified Communication. SCOPRI DI PIÙ >>

“La complessa natura globale delle nostre operazioni multicanale rappresenta una sfida significativa per la supply chain che potrebbe essere trasformata in un’opportunità commerciale se si applica la giusta tecnologia” ha affermato Juan Andres Pro Dios, CIO di El Corte Ingles, il più grande conglomerato di magazzini in Europa. “IBM Sterling Supply Chain Suite offre capacità di sviluppo aperte che ci consentono di personalizzare rapidamente le soluzioni per soddisfare le nostre esigenze aziendali uniche. Ciò ci consente di abbracciare la complessità operativa ottimizzando le prestazioni e migliorando le esperienze dei clienti multicanale.”

IBM ha integrato la capacità AI di Watson di offrire applicazioni, tra cui Order Optimizer e Supply Chain Insights, in grado di produrre avvisi e raccomandazioni in tempo reale tramite il suo Supply Chain Business Assistant (SCBA). SCBA, ad esempio, può generare tempi di risposta più rapidi ad anomalie come le interruzioni della catena di approvvigionamento.

Simon Ellis, direttore della ricerca di IDC, ha affermato che IBM potrebbe non essere il solo a promuovere una rete cloud multi-tenant per le supply chain, ma al tempo stesso ammette che il colosso informatico americano ha puntato più di altri fornitori su intelligenza artificiale e blockchain come componenti di questo servizio.

“Penso che le aziende possano sfruttare questa suite con alcune altre app di supply chain che già hanno. Il valore di qualsiasi blockchain sarà dato del numero di utenti che ha e quindi il modo in cui si fanno queste connessioni è molto importante”, continua Ellis. Gli attuali clienti di IBM Sterling SOM comprendono società di distribuzione, produzione industriale, servizi al dettaglio e finanziari tra cui Adidas, AmerisourceBergen, Fossil, Greenworks, Home Depot, Lenovo, Li & Fung, Misumi, Parker Hannifin, Scotiabank e Whirlpool Corporation.

Il rivenditore di articoli sportivi REI, ad esempio, sta utilizzando il Watson Order Optimizer per la sua supply chain con lo scopo di tenere conto dei vari obiettivi da raggiungere nel corso dell’anno come il margine del prodotto, la velocità di spedizione e i costi di evasione, e li abbina al suo inventario nei suoi tre centri di distribuzione e nei suoi 155 negozi.

Una volta che un cliente ha effettuato l’accesso al servizio Sterling Supply Chain Suite, ha una propria dashboard che gli consente di cercare lo stato di un ordine di acquisto o l’inventario dei prodotti. Gli utenti possono anche accedere rapidamente ai partner commerciali scegliendo un’icona “aggiungi nuovo partner” e quindi compilando i campi che includono il nome dell’azienda, il protocollo di comunicazione dei contatti (e-mail, ad esempio) e quali transazioni e set di dati sono autorizzati a visualizzare.

IBM aveva già lanciato dei progetti pilota per la supply chain in ambito alimentare, per la spedizione di merci e persino per il commercio di diamanti per tracciare i prodotti attraverso la sua piattaforma blockchain Hyperledger basata su cloud. Questa nuova rete improntata sulla supply chain consentirà una maggiore integrazione con sistemi ERP aziendali esistenti. IBM, ad esempio, ha già creato una connessione SAP al servizio Sterling Supply Chain.