Diverse aziende al Mobile World Congress 2015 hanno fatto squadra per migliorare la sicurezza degli smartphone e offrire una migliore integrazione software per quanto riguarda la Internet of Things. L’evento di Barcellona da poco conclusosi ha riguardato molti temi e molti settori, ma per le aziende le questioni più importanti sono state appunto la IoT e il modo più idoneo per fornire agli smartphone tutte le risorse necessarie a fruire della Internet of Things senza sacrificare la sicurezza. Ecco alcuni dei trend e degli annunci dal MWC che più hanno catturato la nostra attenzione su questo versante.

La IoT può essere integrata profondamente con i processi aziendali

Per rendere più utili e interessanti i dati raccolti da sensori connessi, i fornitori di piattafome IoT stano unendo le loro forze con compagnie di software per raggiungere una migliore integrazione, come quella ottenuta dalla piattaforma Jasper Control Center per l’automatizzazione della gestione e dalla piattaforma Hana di SAP.

Android sta diventando sempre più interessante per le aziende

L’annuncio di Android for Work la settimana prima del Mobile World Congress non è certo una coincidenza. La piattaforma di Google che separa nettamente le app lavorative da quelle personali è un chiaro messaggio da parte della grande G per dissipare i timori che vorrebbero Android non abbastanza sicuro per gli utenti aziendali.

È tempo di pensare ai dispositivi indossabili

Il fornitore di strumenti per la gestione aziendale in mobilità Good Technology ha annunciato a Barcellona il supporto per Android Wear. In questo modo uno smartwatch con questo sistema operativo può essere usato ad esempio per sbloccare l’accesso alle applicazioni dello smartphone. Inoltre, quanto più i wearable diventeranno popolari, tanto più i dirigenti IT dovranno iniziare a capire quali opportunità e quali sfide potranno offrire questi dispositivi indossabili.

Gli smartphone di fascia media sono diventati molto più potenti e performanti nel corso del 2014

Stanno arrivando dispositivi super-sicuri

L’azienda svizzera Silent Circle ha annunciato un nuovo smartphone e un nuovo tablet, oltre a un sistema di messaggistica aziendale. Il BlackPhone 2 arriverà sul mercato a giugno a un prezzo simile a quello del suo predecessore (il BlackPhone), disponibile a circa 630 dollari. Tra le specifiche tecniche segnaliamo il display da 5.5’’ e il processore octa-core.

Il tablet Blackphone+ arriverà invece nella seconda metà dell’anno, ma a parte il display da 7’’ non sono stati rivelati ulteriori dettagli. Silent Circle ha anche annunciato di essere al lavoro su un sistema cifrato di email peer-to-peer. Da segnalare in questo senso anche la partnership tra Samsung e BlackBerry, con SecuSuite per Knox che sarà disponibile entro la fine dell’anno per cifrare voce, testo e traffico dati sui nuovi smartphone del produttore sudcoreano.

Gli smartphone a prezzi accessibili non sono solo per il mercato consumer

Gli smartphone di fascia media sono diventati molto più potenti e performanti nel corso del 2014 tra display da 5’’, processori octa-core e connettività LTE come caratteristiche considerate ormai standard. Grazie a questa evoluzione i CIO possono iniziare a considerare seriamente l’adozione di smartphone Android attorno ai 300 dollari, invece di puntare sempre e comunque su dispositivi che costano il doppio o anche più.

Anche Microsoft non vuole rinunciare al settore aziendale e con Windows 10 punta proprio a conquistare importanti fette di questo mercato. A Barcellona il colosso di Redmond ha infatti presentato due smartphone di fascia media (Lumia 640 e Lumia 640XL). Microsoft sta inoltre lavorando con AT&T negli USA per l’integrazione di Mobile Office Suite negli smartphone dell’operatore di telefonia americano e sta spingendo per offrire piani wireless convenienti alle piccole e medie imprese.