Molte organizzazioni sono passate a metodologie di pianificazione e consegna agili per migliorare la coerenza, l’affidabilità e la soddisfazione del cliente nella creazione e nel miglioramento delle applicazioni. Abbracciano le culture, i principi e le automazioni devops per aumentare le frequenze di implementazione, abbreviare i tempi di consegna delle modifiche, abbreviare il tempo medio per risolvere gli incidenti e migliorare altri indicatori chiave di prestazione (KPI).

Potresti chiedervi come il vostro team e il vostro dipartimento si confrontino con altre organizzazioni con idee simili nell’adottare approcci Agile e Devops. State adottando le migliori pratiche, affrontando sfide simili e mirando a risultati raggiungibili?

Due report pubblicati di recente forniscono alcune risposte. Il 15° State of Agile Report di Digital.ai e il rapporto sullo stato di DevOps del 2021 di Puppet forniscono entrambi parametri di riferimento sulla maturità complessiva di queste pratiche e queste sono le conclusioni chiave emerse da questi due rapporti.

Agile e devops si evolveranno per supportare un lavoro più ibrido

Le pratiche agili continuano a procedere spedite dai tempi dell’Agile Manifesto, mentre le piattaforme e le funzionalità di devops stanno rendendo più facile per più team tecnologici automatizzare e rendere operativo il cloud. Il passaggio al lavoro a distanza nel 2020 e l’attuale interesse per i modelli di lavoro ibridi creeranno nuove opportunità e sfide per le organizzazioni.

Nel primo report sulle pratiche agile, solo il 16% degli intervistati ha affermato di aver adottato un modello di lavoro completamente a distanza prima della pandemia. Man mano che le restrizioni sulla pandemia diminuiranno, il 56% preferirebbe un approccio ibrido e un altro 25% lavorerà completamente da remoto. Solo il 3% prevede di tornare in ufficio a tempo pieno.

L’innovazione e la collaborazione sono spesso più facili con i team co-locati, quindi molti leader cercheranno cambiamenti pratici e strumenti che supportino modalità di lavoro ibride. Il lavoro ibrido richiede cambiamenti nel modo in cui i team agili organizzano le attività quotidiane, automatizzano più flussi di lavoro tra strumenti agili e devops e formalizzano le pratiche di comunicazione e collaborazione.

Raggiungere la maturità agile o devops non è facile

Il rapporto devops afferma che il 10% delle organizzazioni si qualificava come dotata di pratiche devops altamente evolute nel 2010. Nel rapporto del 2021, tale numero è cresciuto fino a raggiungere solo il 18% degli intervistati. Ma queste organizzazioni possono implementare su richiesta, hanno bisogno di meno di un’ora di lead time per le modifiche, hanno meno di un’ora di tempo medio per il ripristino dagli incidenti e hanno tassi di errore delle modifiche inferiori al 5%.

Gli intervistati del report sull’agile hanno identificato più di 20 piattaforme agili, 10 diversi framework per la scalabilità agile e più di 20 diversi strumenti di pianificazione e consegna attualmente in uso. Ciò dimostra che non esiste una risposta chiara su quale barra di maturità scegliere come target, quali pratiche adottare o quali tipi di strumenti standardizzare. Gli obiettivi aziendali, il DNA culturale e gli obiettivi di leadership di ogni azienda li condurranno a strategie tecnologiche diverse e a percorsi di maturità delle pratiche differenti.

Migliorare i KPI di devops richiede l’adozione di standard

Uno dei 12 principi dell’Agile Manifesto è: “Le migliori architetture, requisiti e progetti emergono da team auto-organizzati”. Sono d’accordo con questa affermazione, ma credo anche che le aziende, i dipartimenti e i team dovrebbero adottare standard tecnologici, selezionare piattaforme comuni e stabilire centri di eccellenza.

applicazioni adattive

I leader tecnologici e gli architetti IT potrebbero preferire la completa libertà nella selezione degli strumenti, ma la ricerca suggerisce che i team devops maturi hanno maggiori probabilità di creare standard. Nel rapporto devops, oltre l’87% delle organizzazioni di alta maturità e il 65% di quelle di media maturità condividono strumenti, linguaggi e metodologie devops comuni. Cercano di avere ruoli, piani e obiettivi chiari per il loro lavoro (89% per gli altamente evoluti e 72% per i livelli intermedi) e si assicurano che le persone del loro team abbiano una chiara comprensione delle responsabilità (91% per gli altamente evoluti e 78% per il livello medio).

Il report devops fornisce suggerimenti su come i team si organizzano intorno a funzionalità, soluzioni e obiettivi di consegna dell’infrastruttura, mentre il report agile illustra quali pratiche e strumenti agili hanno una maggiore adozione. I leader dovrebbero incoraggiare i team agili e i professionisti devop a discutere gli standard e sfruttare le piattaforme prima di cercare nuovi strumenti, innovazioni e aggiornamenti.

L’allineamento sui KPI target è vantaggioso per il business

Quale livello di automazione è necessario per ridurre gli errori e i passaggi manuali? Nel report Agile, le tre principali misure delle trasformazioni Agile di successo, con una risposta superiore al 50% sono: soddisfazione del cliente, valore aziendale e obiettivi aziendali raggiunti. Inoltre, il 56% degli intervistati ha implementato o sta pianificando di implementare la gestione del flusso di valore.

Ci sono due considerazioni da fare qui. Il primo è che i team devono concentrarsi sui risultati di business e sulla soddisfazione del cliente come obiettivi primari. La seconda conclusione è che la selezione e il miglioramento dei KPI operativi richiedono investimenti, quindi i leader dovrebbero essere selettivi su quali metriche concentrarsi e a quali obiettivi mirare. Ad esempio, i team con errori di modifica elevati potrebbero concentrarsi su questo KPI e dare priorità alle pratiche di test continui. Dall’altra parte, i team che creano app rivolte ai clienti in un mercato competitivo possono decidere di aumentare la frequenza di distribuzione per ottenere nuove funzionalità più velocemente.

Rompere le barriere culturali richiede una forte leadership

Entrambi i report sottolineano la necessità di una leadership attiva e di un cambiamento culturale come fattori critici per il successo dei programmi Agile e Devops. Nel rapporto Agile, oltre il 40% degli intervistati ha identificato gli scontri culturali, la mancanza di partecipazione della leadership e il supporto manageriale inadeguato come sfide da affrontare. Nel rapporto devops, oltre il 44% dei leader nelle organizzazioni devops più evolute promuove attivamente cambiamenti culturali, pratiche devops e vantaggi aziendali.

Gli intervistati riconoscono che l’unico modo per ottenere il consenso per la collaborazione con le parti interessate aziendali sui processi end-to-end, l’investimento per implementare piattaforme e il tempo per formare e adottare pratiche è quando i leader tecnologici guidano cambiamenti trasformativi con i loro colleghi di lavoro. Dopotutto, devops non riguarda solo l’automazione e l’ottimizzazione del cloud e le metodologie agili non mirano solo a produttività, qualità e consegne puntuali. Quando agile e devops mirano ai vantaggi aziendali e all’impatto sui clienti, tutti vincono.