Come sfruttare il Value Stream Mapping (VSM) nei progetti IT

La mappatura del flusso di valore può aiutare i team IT a dare la giusta priorità ai progetti, allinearli alle esigenze di business e offrire il massimo valore per l’azienda

flusso di valore
Credit: Eleassar (CC BY-SA 3.0)

Il metodo del Value Stream Mapping (VSM), o mappatura del flusso del valore, aiuta i responsabili IT delle aziende più grandi a presentare al business in modo efficace risultati e indicatori di prestazioni (KPI) sul valore aziendale, i driver strategici o gli obiettivi a lungo termine. La metodologia e le metriche riassumono dove e come viene svolto il lavoro e il compito dei responsabili IT si concentra sui progressi che incidono sul business. I leader IT utilizzano il VSM anche per presentare i vantaggi di investimenti in aree tecniche come architettura, sicurezza o devops.

Molte aziende stanno investendo nella trasformazione digitale per offrire prodotti e servizi in linea con le esigenze dei clienti. Ma comprendere il valore aziendale e allineare gli sforzi ai vantaggi per i clienti è una sfida impegnativa.

È relativamente facile comprendere il valore fornito dai team di sviluppo agile in piccole organizzazioni IT o in team che lavorano su nuove applicazioni. Questi team possono misurare la loro velocità di completamento delle funzionalità, la tempistica dell’implementazione delle versioni e metriche di qualità come il numero di difetti riscontrati nella produzione.

Webinar Cloud Ibrido Azure Stack HCI

Webinar 23/06: accendi il potere dell'ibrido

Scopri come con Fujitsu PRIMEFLEX per Microsoft Azure HCI puoi creare facilmente un cloud ibrido su infrastruttura iperconvergente, gestibile con gli strumenti di amministrazione di Windows REGISTRATI ORA >>

Le organizzazioni più piccole possono abbinare le metriche con i report integrati direttamente nei loro strumenti. Per esempio, il team agile può utilizzare report e metriche di gestione degli incidenti elaborati dagli strumenti di gestione dei servizi IT e quindi parlare degli impatti aziendali.

La definizione e l’utilizzo di metriche in team IT più grandi, che supportano centinaia di applicazioni di produzione, diventano più complesse. Dire ai responsabili di business che il team ha completato 10 rilasci e 100 funzionalità e ha visto una riduzione del 10% del numero di difetti riscontrati nella produzione racconta una storia, ma manca di un contesto aziendale significativo. Condividere le metriche e presentare dettagliati impatti aziendali su un gran numero di team è inefficiente. Inoltre, le grandi organizzazioni IT devono anche presentare presentare risultati che vanno al di là delle funzionalità, come la gestione del rischio, la riduzione del debito tecnico o la correzione dei difetti.

Definire i flussi di valore per mostrare l’impatto aziendale

I responsabili IT devono innanzitutto definire flussi di valore significativi. Un flusso di valore può rappresentare prodotti, servizi o portafogli di essi. Alcune aziende creano flussi di valore legati a obiettivi strategici, come migliorare l’esperienza dei clienti, adottare processi data-driven o soddisfare gli obiettivi di conformità.

Le aziende devono sviluppare una comprensione condivisa dei vantaggi per i clienti, e i flussi di valore dovrebbero allineare e quantificare il valore fornito. L’individuazione dei flussi di valore può diventare più complicata nella fase in cui i modelli di business si evolvono attraverso trasformazioni digitali.

Il passaggio successivo del processo è noto come “mappatura del flusso di valore” o “connessione dei flussi di valore” alle attività lavorative. Questa mappatura non è un processo semplice. Se un flusso di valore viene mappato in modo preciso sul lavoro di uno o pochi team agili e se i ticket del service desk sono contrassegnati con precisione, le regole di mappatura potrebbero avere implementazioni semplici. Ma quando i team e i service desk lavorano su più flussi di valore, le regole di mappatura e qualità dei dati sottostanti diventano fattori di implementazione.

Lo sforzo di implementazione e le complessità sono il motivo per cui molte organizzazioni definiscono i flussi di valore, ma non intraprendono i passaggi successivi per implementare la mappatura del flusso di valore. I leader possono utilizzare strumenti come Lucidchart, SmartDraw o Creately che dispongono di modelli e simboli integrati per creare un diagramma dei flussi di valore. Condividere questi diagrammi con l’IT e gli stakeholder aziendali è un modo per allineare tutti su visione e obiettivi.

Implementazione della mappatura e misurazione del flusso

Le organizzazioni IT che intraprendono la mappatura del flusso di valore sono spesso interessate a misurare i tempi di ciclo, l’impatto sul business e altre metriche di consegna e qualità.

Consideriamo un flusso di valore legato a un prodotto con più team di sviluppo agili che lavorano sui miglioramenti e diversi team operativi IT coinvolti nelle funzioni di supporto.La misurazione del flusso mostra i passaggi dal momento in cui le caratteristiche (e i difetti) vengono progettati, sviluppati e quindi rilasciati ai clienti. La misurazione della tempistica di ogni fase aiuta a identificare i colli di bottiglia del processo. I team possono anche trovare modi per aumentare la velocità e migliorare i tempi di ciclo.

La misurazione del flusso di valore e delle metriche collegate spesso richiede l’acquisizione di dati da più sistemi. Sono disponibili strumenti come Planview per la gestione del portafoglio di progetti, Jira Software per un’agile collaborazione dei team, Git per l’acquisizione delle modifiche al codice, Jenkins per l’automazione di CI/CD, Micro Focus UFT One per l’automazione dei test, Resolve per l’automazione dell’infrastruttura e Cherwell per la gestione del service desk IT. Questi strumenti esaminano diversi aspetti, quali funzionalità, difetti, gestione del rischio, e i loro dati possono essere estratti, abbinati e normalizzati per produrre metriche del flusso di valore.

Un approccio consiste nell’utilizzare un mix di integrazione dei dati e strumenti di gestione per centralizzare i dati e quindi sviluppare dashboard con uno strumento BI come Tableau o Power BI. Questo approccio fai-da-te può essere adottato quando l’IT opera con pochi strumenti e una forte governance dei processi IT garantisce un’adeguata qualità dei dati. Ma richiede comunque personale dedicato per implementare e supportare integrazione dei dati, database e dashboard. Questa è una sfida per la maggior parte delle organizzazioni IT a corto di personale per gestire le normali esigenze aziendali e le funzioni critiche di gestione e supporto della tecnologia.

L’altro approccio è acquistare e integrare soluzioni. Ecco qualche esempio, tra quelle disponibili sul mercato.

  • Digital.ai Value Stream Platform: misura i risultati collegando il modo in cui i team pianificano, sviluppano, testano, proteggono, distribuiscono e gestiscono la consegna del software.
  • Jira Align: si integra con Jira Software e consente ai product manager di correlare il lavoro assegnato allo sviluppo agile con le roadmap e la strategia del prodotto.
  • Tasktop Value Stream Management Platform: si basa sul Flow Framework e si integra con più di 50 piattaforme e strumenti IT.

Forrester suggerisce anche i prodotti di gestione del flusso di valore di ServiceNow, Plutora, IBM, Targetprocess, ConnectALL, CloudBees, Blueprint Software Systems e GitLab.

Sfruttare i flussi di valore per dare priorità ai progetti IT

Il vero potenziale della gestione del flusso di valore è garantire che le persone lavorino sulle priorità strategiche più importanti. Investire in integrazioni, strumenti e report per supportare la gestione del flusso di valore richiede anche il cambiamento delle pratiche decisionali, di pianificazione ed esecuzione dell’IT.

Date tutte le competenze tecniche necessarie all’IT per eccellere nella fornitura di software, la gestione del flusso di valore può aiutare i migliori team di sviluppo agile a prendere difficili decisioni sulle priorità dei progetti. E’ meglio investire prima in CI/CD o nell’infrastruttura come codice? Test delle prestazioni o più automazione dei test funzionali? A quali applicazioni l’IT dovrebbe dare la priorità per migrazioni cloud o modernizzazione delle applicazioni?

La mappatura del flusso di valore può fare molto più che dimostrare l’allineamento e migliorare la produttività. I flussi di valore che definiscono e misurano chiaramente gli impatti sui clienti sono strumenti potenti per aiutare i leader IT a dare la priorità ai progetti e aumentare il loro valore aziendale.

Se questo articolo ti è stato utile, e se vuoi mantenerti sempre aggiornato su cosa succede nell’industria ICT e ai suoi protagonisti, iscriviti alle nostre newsletter:

CWI: notizie e approfondimenti per chi acquista, gestisce e utilizza la tecnologia in azienda
CIO:
approfondimenti e tendenze per chi guida la strategia e il personale IT
Channelworld: notizie e numeri per distributori, rivenditori, system integrator, software house e service provider

Iscriviti ora!