Italiani soddisfatti dei benefici derivanti dal lavoro a distanza

Secondo un nuovo studio globale condotto da VMware, In Italia c’è stato un incremento del 69% dei dipendenti che vedono il lavoro a distanza come un prerequisito piuttosto che un benefit.

lavoro da remoto

Dall’inizio della pandemia da Covid-19 c’è stato un incremento del 69% dei dipendenti che vedono il lavoro a distanza come un prerequisito piuttosto che un benefit (dato italiano, rispetto al 41% dell’area EMEA). Questo secondo un nuovo studio globale condotto da VMware, che ha intervistato i vertici aziendali, i responsabili delle Risorse Umane e dell’IT. Il 74% degli intervistati in Italia riconosce che la propria organizzazione sta ottenendo benefici dal lavoro a distanza e che non può più tornare indietro. Tuttavia, esiste la preoccupazione che il management non si stia impegnando abbastanza per adattarsi e offrire ai propri dipendenti una maggiore scelta e flessibilità.

“Le sfide degli ultimi sei mesi hanno costretto le aziende ad adattarsi rapidamente a nuove modalità di lavoro in cui “lavoro” non è uguale a “ufficio”. Il futuro è arrivato sotto forma di forza lavoro distribuita, portando con sé benefici tangibili per il business, dalla produttività al morale dei dipendenti, a una maggiore collaborazione e a più opportunità di assunzione”, ha dichiarato Kristine Dahl Steidel, vice president EUC EMEA, VMware. “E con questa digital foundation le aziende hanno bisogno di adottare la giusta cultura e il giusto approccio per creare un nuovo modo di lavorare. Le soluzioni per il digital workspace che consentono alla forza lavoro distribuita di essere collaborativa, coinvolta, visibile e produttiva hanno già aiutato migliaia di aziende e milioni di dipendenti, e VMware continua a portare innovazione in questo ambito”.

Circa quattro decision maker intervistati in Italia su dieci (39%) temono che il loro team non svolga le proprie attività quando lavora a distanza. Solo il 13% (il 28% in EMEA) ritiene che la cultura dei vertici aziendali scoraggi il lavoro a distanza, ma il 69% sente una maggiore pressione per essere online al di fuori del normale orario di lavoro. Questi fattori indicano la necessità di un cambiamento dall’alto verso il basso del modo di pensare e delle abitudini del management.

adv
Cloud Communication Business

Nell’era digitale il centralino va in Cloud

La telefonia di nuova generazione è in software-as-a-service: non richiede di installare centralini hardware, gestisce fisso e mobile, e consente di attivare nuove linee o filiali con un clic, abilitando Smart Working e Unified Communication. SCOPRI DI PIÙ >>

Questo nonostante i chiari vantaggi per il business e per i dipendenti derivanti dal lavoro flessibile, comprese le organizzazioni in grado di sfruttare al meglio i talenti e le diverse competenze. Da quando si lavora in remoto, l’85% dei dipendenti intervistati ritiene che le relazioni personali con i colleghi sono migliorate, il 67% si sente più sicuro di sé nel parlare in videoconferenza e il 75% afferma che i livelli di stress sono migliorati. Il morale dei dipendenti (31%) e la produttività (36%) hanno registrato un aumento.

lavoro da remoto

Inoltre, il 60% afferma che il reclutamento di talenti di alto livello è stato reso più facile, in particolare per i genitori che lavorano (87%) e per le minoranze (64%). Quando si tratta di generare nuove idee, l’85% concorda sul fatto che l’innovazione proviene da più parti all’interno dell’organizzazione rispetto a prima, comparato al 72% dell’EMEA.

L’IT non è più considerato un inibitore delle pratiche di lavoro distribuite, in cui i dipendenti possono lavorare dalla sede centrale, da un ufficio locale, da casa, in movimento o da una combinazione di sedi: solo il 18% degli intervistati in Italia ritiene che l’IT non sia attrezzato per gestire una forza lavoro remota, rispetto al 33% dell’area EMEA.

“Stiamo attraversando un momento che non ha precedenti e l’attuale emergenza sanitaria ha avuto un impatto dirompente sul modo di lavorare, rivoluzionando di fatto metodi e pratiche che credevamo consolidate”, ha commentato Stefano Iacobucci, CIO di Città metropolitana di Roma Capitale. “È una trasformazione epocale che dobbiamo saper cogliere, ma per farlo serve un approccio strutturato, che permetta di superare il naturale livello di incertezza che l’emergenza ha creato. Affinché questi nuovi modi di lavorare diventino la norma è necessario che vi sia un cambiamento di mentalità nell’organizzazione e un maggiore livello di fiducia all’interno dell’intera organizzazione”.

Visione olistica per il futuro del lavoro

L’abilitazione di una forza lavoro distribuita è piena di sfide, che vanno dall’onboarding dei dipendenti remoti, alla compliance, alla sicurezza dei dipendenti e altro ancora. L’aumento della forza lavoro distribuita, a causa della pandemia, ha amplificato la proliferazione delle tecnologie digitali e delle piattaforme in uso. Per rimanere operative, le organizzazioni stanno spostando un sempre maggior numero di applicazioni verso il cloud, con la creazione di nuovi silos informativi.

Con alcuni dipendenti che scelgono di rimanere a casa, il mix di dispositivi delle organizzazioni è sempre più eterogeneo, poiché adottano disposizioni BYOD più flessibili. Di conseguenza, ogni nuovo dispositivo connesso a una rete aziendale rappresenta un possibile vettore di attacco per gli aspiranti hacker. Tutti questi fattori spezzano il perimetro di sicurezza aziendale, creando una ulteriore necessità di modelli di sicurezza zero trust.