Infrastrutture e operazioni: i trend del 2021 secondo Gartner

Gartner ha identificato le principali tendenze che influenzeranno le infrastrutture e le operazioni (I&O) nel 2021 tra continuità operativa e cloud distribuito.

Infrastrutture

Gartner ha evidenziato le sei tendenze per le quali i leader di infrastrutture e operazioni (I&O) devono iniziare a prepararsi nei prossimi 12-18 mesi. “La pandemia di coronavirus ha costretto i dirigenti IT ad adattare le loro operazioni per affrontare i crescenti scenari di lavoro da casa e le modifiche imprevedibili ai requisiti IT” ha affermato Jeffrey Hewitt, vicepresidente della ricerca di Gartner. “Tuttavia, il COVID-19 non è l’unico impulso che spingerà la maggior parte del personale I&O a lavorare da casa in futuro. La natura dell’infrastruttura si sta evolvendo al punto che i team di I&O remoti si preparano a supportare nuovi scenari, casi d’uso e tecnologie”.

Hewitt ha identificato le principali tendenze emergenti che hanno un impatto sul settore I&O e ha fornito raccomandazioni per rispondere al meglio ad esse per ottenere risultati ottimali in un ambiente post-pandemico.

Trend n. 1: operazioni ovunque

Gartner prevede che il 48% dei dipendenti lavorerà da casa anche dopo la pandemia, rispetto al 30% pre-pandemia. Questo cambiamento costringerà i dirigenti IT a sviluppare organizzazioni flessibili e resilienti che consentano al personale di lavorare ovunque, consentano ai clienti di tutto il mondo di accedere ai servizi e gestire l’implementazione dei servizi aziendali attraverso le infrastrutture distribuite.

adv

“I processi tradizionali e strutturati all’interno di I&O hanno reso le organizzazioni fragili quando si tratta di flessibilità dell’ubicazione”, ha affermato Hewitt. “Le operazioni “everywhere” consentono alle organizzazioni di decentralizzare il personale e attivare le operazioni laddove ha senso per il business”.

Trend n. 2: infrastruttura ottimale

“La chiave per operazioni ovunque è lo sviluppo di un’infrastruttura programmabile che consenta il lavoro giusto nel posto giusto al momento giusto: questo è il punto cruciale dell’infrastruttura ottimale”, ha affermato Hewitt. “Man mano che l’infrastruttura e le operazioni si evolvono in integrazione e operazioni, varie soluzioni come l’infrastruttura iperconvergente o lo storage computazionale devono essere abbinate al caso d’uso ottimale”.

L’infrastruttura ottimale coinvolgerà anche il data center e l’infrastruttura edge, che possono essere difficili da misurare e portare a implementazioni complesse. Hewitt ha consigliato alle organizzazioni di considerare sia l’ottimizzazione dei costi, sia quella degli strumenti per costruire il loro caso per una data distribuzione dell’infrastruttura.

edge computing

Trend n. 3: continuità operativa

Sempre più spesso i carichi di lavoro dovranno supportare clienti e dipendenti dislocati geograficamente. Di conseguenza, i servizi IT devono essere continui indipendentemente da fattori esterni, fornendo distribuzioni automatizzate e manutenzione minima. Entro il 2025, il 60% delle organizzazioni utilizzerà strumenti di automazione per distribuire nuove risorse di elaborazione, ridurre i tempi di implementazione e fornire una maggiore agilità.

“Se eseguita correttamente, questa tendenza aumenta l’efficienza e consente una distribuzione più rapida del carico di lavoro. Lo svantaggio principale è la curva di apprendimento che deriva dall’utilizzo di strumenti o processi nuovi e talvolta complessi che supportano la continuità”, ha affermato Hewitt.

Trend n. 4: modernizzazione di base

Per garantire che l’infrastruttura aziendale si evolva di pari passo, il mantenimento delle operazioni di base dovrebbe essere visto come un processo continuo, non come un progetto una tantum. Le aziende dovranno coordinare le infrastrutture in sede e fuori sede che riducano al minimo il fardello legacy.

“Il vantaggio della modernizzazione dell’infrastruttura è che riduce il debito tecnico e apre la strada a un’infrastruttura agile per rispondere alla crescente lista di requisiti aziendali digitali”, ha affermato Hewitt. “Le aziende devono implementare un piano di modernizzazione con una tempistica realistica, che tenga conto del cambiamento dei requisiti di competenza”.

Trend n. 5: cloud distribuito

Un’altra tendenza importante è la distribuzione delle risorse cloud in modo che il cloud diventi decentralizzato e l’onere del supporto si sposti sui fornitori di servizi cloud. Questo approccio consentirà una posizione flessibile e si tradurrà in una riduzione della latenza.

Tendenza n. 6: abilità critiche contro ruoli critici

“I requisiti di competenze I&O continueranno a evolversi man mano che le organizzazioni si adattano ai nuovi ambienti di business”, ha affermato Hewitt. “Nello specifico, vi è uno spostamento dell’attenzione dai ruoli infrastrutturali verso competenze critiche collettive. Ciò sfida il tradizionale pensiero “territoriale” di appartenere a un team di infrastrutture specifiche e incoraggia invece la collaborazione”.

Se questo articolo ti è stato utile, e se vuoi mantenerti sempre aggiornato su cosa succede nell’industria ICT e ai suoi protagonisti, iscriviti alle nostre newsletter:

CWI: notizie e approfondimenti per chi acquista, gestisce e utilizza la tecnologia in azienda
CIO:
approfondimenti e tendenze per chi guida la strategia e il personale IT
Channelworld: notizie e numeri per distributori, rivenditori, system integrator, software house e service provider

Iscriviti ora!