Il Covid-19 come catalizzatore per la resilienza aziendale a lungo termine

Quando si bilancia la continua volatilità del panorama aziendale odierno con l'impegno continuo a pianificare e costruire per il futuro, come fanno le aziende a raggiungere uno stato stabile di resilienza dopo la pandemia?

resilienza aziendale

Il Covid-19 continua a mostrare alle aziende la necessità di bilanciare la resilienza con l’efficienza. Trovare questo equilibrio è essenziale se un’organizzazione vuole costruire un futuro più forte, valutare meglio i rischi aziendali e determinare il percorso più critico per ridurre al minimo questi rischi. Sulla scia della Brexit, le aziende hanno iniziato a rendersi conto dell’importanza della pianificazione di emergenza e della disponibilità di scorte di sicurezza.

Quando la prospettiva di una Brexit senza accordo è diventata più evidente alla fine del 2018 e durante il 2019, le organizzazioni hanno iniziato a prestare attenzione, specialmente quelle che facevano affidamento su centinaia di camion al giorno per continuare a operare. Con la minaccia di ulteriori ritardi su entrambi i lati del Canale, le organizzazioni non potevano garantire un processo di consegna just-in-time e dovevano creare ulteriori salvaguardie per garantire che le loro linee di rifornimento non si esaurissero.

Il Covid-19 è stato un catalizzatore per adottare un migliore equilibrio tra efficienza e resilienza, soprattutto in relazione alle aree in cui il rischio aziendale può far deragliare le operazioni aziendali. Per costruire una resilienza a lungo termine, tuttavia, sono necessari pianificazione, tempo e denaro e il processo dovrebbe coinvolgere l’intera c-suite, non solo il CIO.

Cosa significa essere resilienti?

adv

Un’analogia popolare tra gli analisti è che combattere l’impatto sul business del coronavirus è come combattere una guerra. Quando Winston Churchill affrontò la prospettiva di fabbricare lo Spitfire durante la Seconda Guerra Mondiale, piuttosto che costruire l’aereo in un solo luogo che poteva essere oggetto di bombardamenti coordinati da parte dei tedeschi, diffuse la produzione e l’assemblaggio degli aerei da combattimento in tutto il Regno Unito, in modo da eliminare ogni singola vulnerabilità critica. Sebbene meno efficiente in termini di costruzione, questa decisione assicurò al Regno Unito la vittoria nei cieli inglesi.

Proprio come la resilienza era essenziale negli anni ’40, continua a essere una strategia fondamentale oggi per la sopravvivenza di un’azienda. Per determinare dove concentrarsi e investire, è necessario innanzitutto dare la priorità a vari rischi e quindi capire come affrontare questi rischi utilizzando i gemelli digitali.

Sviluppare la resilienza e utilizzare i gemelli digitali

Per calcolare i rischi che un’azienda deve affrontare, dai disastri alle interruzioni esterne, è necessario creare una matrice per eseguire l’analisi e la stratificazione dei rischi. Una tale matrice non solo è utile per iniziare a costruire la resilienza, ma può anche essere uno strumento fondamentale per aiutare a formare il consenso nella C-suite su quali aree necessitino di maggiore supporto e investimento.

La modellazione dei gemelli digitali è particolarmente adatta alla pianificazione degli scenari. Che si tratti di un sistema di gestione delle relazioni con i clienti, di una catena di fornitura o di un prodotto fisico, i gemelli digitali possono rivelare particolari punti di forza in base a valutazioni ottimistiche e rivelare punti deboli, persino fallimenti, in base a previsioni più pessimistiche. La modifica di diversi elementi all’interno dei modelli di gemelli digitali aiuta anche a individuare con precisione dove dovrebbero essere effettuati gli investimenti più efficaci.

governance automazione

I gemelli digitali, ovvero copie virtuali di processi o servizi reali sulle quali effettuare dei test per prevenire errori e migliorare le funzionalità, possono anche mostrare come particolari spese in conto capitale possono produrre entrate future. Un’azienda globale di materiali, ad esempio, ha utilizzato questo tipo di modellazione per creare un approccio all’automazione della sua officina. Durante la pandemia l’azienda è stata in grado di aumentare la capacità, generando oltre 8.500 kg di materiale necessario per i dispositivi di protezione individuale al fine di soddisfare la domanda improvvisa.

I gemelli digitali possono anche essere essenziali per ottenere un accordo a livello di C-suite. Può essere difficile far sì che ogni funzione concordi con la probabilità di minacce specifiche, ma modellare tali minacce può rendere vividamente chiara la sensibilità di situazioni particolari. Tali scenari altamente sensibili diventano quindi aree in cui può esserci consenso sul sacrificio di alcuni profitti a favore della protezione e della resilienza.

Grazie alla propensione dei servizi cloud, i digital twin non sono più riservati solo alle organizzazioni ricche di liquidità che possono costruirli internamente. Anche perché, mentre in alcuni casi il passaggio al cloud può aumentare i costi, nel tempo ridurrà i rischi e renderà i servizi più adattabili e scalabili.

Resilienza significa anche persone

I cambiamenti relativi al lavoro dei dipendenti stanno avendo un effetto clamoroso sulle matrici di rischio e sulla pianificazione degli scenari, non ultimo il fatto che in futuro avremo una forza lavoro più libera. Ciò presenta nuove sfide per il supporto e l’infrastruttura IT e crea sfide gestionali che richiedono il rafforzamento dell’idea di innovazione mirata. Quindi, mantenere una cultura aziendale coesa in una diaspora di dipendenti significa non dimenticare di instillare un senso di scopo per promuovere un vero senso di resilienza, non solo nell’infrastruttura, ma anche nei dipendenti stessi e nel talento su cui facciamo affidamento ogni giorno.

Se questo articolo ti è stato utile, e se vuoi mantenerti sempre aggiornato su cosa succede nell’industria ICT e ai suoi protagonisti, iscriviti alle nostre newsletter:

CWI: notizie e approfondimenti per chi acquista, gestisce e utilizza la tecnologia in azienda
CIO:
approfondimenti e tendenze per chi guida la strategia e il personale IT
Channelworld: notizie e numeri per distributori, rivenditori, system integrator, software house e service provider

Iscriviti ora!