7 attributi che ogni leader IT dovrebbe possedere tra agilità ed empatia

La leadership ha poco a che fare con il proprio titolo o anzianità; è invece un attributo che si guadagna nel tempo attraverso lo studio, la pratica e l'impegno. Siete pronti a diventare dei veri leader IT?

sfide leader 2021

Diventare un vero leader IT, ovvero qualcuno che ispira i team a raggiungere costantemente nuove vette, richiede competenze che possono essere acquisite nel tempo solo attraverso il duro lavoro e l’impegno per il successo. I leader trasformazionali sono generalmente descritti come vivaci, appassionati, coinvolgenti ed energici. Non si concentrano solo sull’aiutare i team a raggiungere gli obiettivi pianificati, ma lavorano anche duramente per aiutare i membri del team a raggiungere il loro pieno potenziale.

Diventare un leader rispettato e apprezzato non è facile, ma è un obiettivo alla portata di chiunque sia disposto a impegnarsi in questo compito. Ecco sette attributi fondamentali che ogni leader IT deve possedere e come acquisirli.

Agilità

I leader riconoscono rapidamente e agiscono sulle tendenze aziendali e tecnologiche emergenti. Allo stesso modo, quando compare un ostacolo, hanno la risolutezza e la velocità per cambiare rapidamente marcia e modificare il loro approccio. La pandemia COVID-19, ad esempio, ha costretto i leader IT ad apportare rapidi cambiamenti per mantenere le loro imprese operative e competitive, inclusa l’implementazione di molteplici nuovi strumenti e tecnologie.

adv

“I leader IT devono essere agili nel rispondere a un nuovo modo di lavorare” afferma Tim Bridges, vicepresidente esecutivo della società di consulenza aziendale Capgemini. “Devono avere la capacità di fare scelte rapide per posizionare i loro team e le loro organizzazioni verso il successo”. L’acquisizione dell’agilità richiede tempo ed esperienza. “Un leader deve credere di non essere la persona più intelligente nella stanza e, quindi, cercare di imparare e cambiare se stesso”, consiglia Bridges. “Inoltre, coloro che hanno sperimentato importanti cambiamenti in passato si sentiranno più a loro agio a subirli ancora una volta e saranno probabilmente più disposti a portare avanti un grande progetto”.

Bridges osserva che a causa delle sfide presentate da COVID-19, molti leader IT sono ora sulla buona strada per acquisire agilità. “Tra anni, questi stessi leader IT saranno molto più preparati per una rapida svolta o per navigare in un panorama tecnologico in continua evoluzione”.

Visione

Una visione forte degli obiettivi IT è stata a lungo riconosciuta come un attributo fondamentale della leadership IT. “I leader IT devono vendere la visione di un futuro: un futuro più veloce, migliore e più connesso che si concentri sull’uso della tecnologia” afferma Chris Bedi, CIO presso lo sviluppatore di software per piattaforme cloud ServiceNow. Mentre affrontano le sfide della trasformazione digitale, i leader IT devono essere in grado di comunicare i cambiamenti in modo efficace in tutta l’organizzazione. “In qualità di CIO, mi piace considerarmi il responsabile delle comunicazioni per la trasformazione digitale”, afferma Bedi. “Ogni parte del business sarà influenzata dalla trasformazione digitale e i leader IT devono comunicare con i dipendenti di tutti i reparti su cosa significhi ciò per il loro lavoro”.

Sfortunatamente, anche la prospettiva più chiara e il piano più ben definito possono essere frenati da forze ed eventi interni ed esterni. “Fattori organizzativi, come lo spostamento delle priorità aziendali, richiedono una continua ricalibrazione man mano che i modelli di business evolvono” spiega Paul Rohmeyer, professore associato presso lo Stevens Institute of Technology e direttore del programma di Master in Information Systems. Nel frattempo, fattori esterni, comprese le mutevoli condizioni economiche o di mercato, o crisi come il COVID-19, possono presentarsi improvvisamente. “Tali eventi richiedono ai leader IT di rispondere rapidamente per consentire e motivare i team IT a continuare l’esecuzione”.

È anche importante ricordare che i leader IT non sono collaboratori individuali di progetti o attività. “Il loro lavoro è articolare una visione e quindi fornire indicazioni, strumenti, risorse, formazione, coaching, mentoring e feedback per aiutare i loro team a implementare tale visione” afferma Kelby Zorgdrager, CEO della società di formazione IT DevelopIntelligence.

Empatia

Un leader IT dovrebbe rispettare ed entrare in empatia con il personale, i colleghi e, soprattutto, i clienti. “Un tecnologo che ha empatia per il cliente e si è preso il tempo per capire ciò di cui il cliente ha bisogno e desidera, crea soluzioni in grado di risolvere veramente i loro problemi” afferma Rohan Amin, CIO, consumer and community banking, presso JPMorgan Chase.

Essere in grado di offrire un’ottima esperienza IT alle parti interessate richiede un equilibrio tra visione e tecnologia e risorse, afferma Sharon Mandell, vicepresidente senior e CIO di Juniper Networks. “Interagite con i vostri partner e cercate di imparare il più possibile sui loro prodotti e processi e, soprattutto, chiedetevi cosa potete fare per migliorarla”.

Coltivare il rispetto e l’empatia crea una mente aperta pronta ad abbracciare nuove prospettive e cancellare pregiudizi irrazionali. “La vostra azienda e i vostri clienti trarranno vantaggio diretto dalle innovazioni create dai vostri team se promuovete un ambiente in cui possano prosperare persone e prospettive diverse”, afferma Amin. “Alla fine i vostri prodotti devono essere costruiti da persone simili alla vostra base di clienti se volete che siano accessibili a loro”.

Stabilità

Anche durante periodi di instabilità, incertezza o crisi, un leader IT deve essere irremovibile e pronto a continuare a perseguire la propria visione nonostante le distrazioni e le risorse ridotte. I leader IT che perdono la calma durante i momenti difficili rischiano di perdere tempo, prendere decisioni sbagliate e perdere il rispetto.

“La decisione in condizioni di crisi è sviluppata dalla preparazione individuale e organizzativa, così come dalla continua consapevolezza delle condizioni spesso in rapido cambiamento”, spiega Rohmeyer. “Questo può accadere solo in un ambiente basato su una cultura di stretta collaborazione tra tecnologia e leader aziendali”. Aggiunge che un leader capace stabilisce strette collaborazioni interne molto prima che scoppi un’emergenza.

Autenticità

L’autenticità deriva dalla costante creazione di fiducia con il personale, la direzione, i clienti e i partner commerciali. “Tendiamo tutti a gravitare verso persone che sono autenticamente se stesse” osserva Jay Upchurch, CIO presso il fornitore di software di analisi SAS. L’autenticità non è qualcosa che può essere coltivata rapidamente. “È naturale in tutti noi, ma facciamo fatica a farla uscire”, osserva Upchurch. Ne vale la pena, tuttavia, poiché un leader autentico trova più facile creare fiducia con i colleghi. “Con fiducia, diversità, inclusività e coraggio emerge la piena libertà di pensiero, espressione e innovazione”.

L’autenticità inizia con la consapevolezza di sé. “Pensate ai vostri valori personali e al motivo per cui ritenete che tali valori siano veri”, consiglia Upchurch. Quindi trovate coraggio di essere autentici e di condividere pensieri ed emozioni con gli altri attraverso un comportamento coerente e una comunicazione trasparente. “Se siete autentici, chi vi circonda ricambierà”.

Accessibilità

Un leader dovrebbe impegnarsi a costruire relazioni strette e reciprocamente vantaggiose con i colleghi sia all’interno che all’esterno dell’azienda. “Più un leader IT comprende la linea di business e le sfide dei propri partner commerciali, migliore sarà la sua posizione per fornire soluzioni e far progredire il business” afferma Rob Byron, vicepresidente di Keystone Partners, un consulente per la gestione della carriera e lo sviluppo della leadership. La creazione di gruppi di lavoro collaborativi per l’IT aziendale aiuterà i team IT a promuovere un atteggiamento orientato all’impresa, incoraggiando i colleghi di lavoro a integrare una mentalità tecnologica nella pianificazione aziendale.

Curiosità

Molti responsabili IT analizzano eccessivamente o complicano inutilmente le decisioni non riuscendo a porsi una domanda semplice e di base: perché è necessaria questa azione? “È sempre importante comprendere la situazione, le opportunità, le nostre persone, le loro motivazioni ed essere curiosi” afferma Tracy Ring, leader di analisi di ecosistemi e alleanze/AI presso la società di servizi professionali Deloitte.

La chiave per stimolare la curiosità è evitare di riunire un team composto da individui che la pensano tutti allo stesso modo. “La diversità è un passaggio fondamentale per porre domande diverse, considerare diversi punti di vista e svelare idee e opportunità che non prenderemmo in considerazione da soli”, osserva Ring. “Senza curiosità stiamo semplicemente fermi nei nostri silos con poca evoluzione per spingere i nostri clienti e il nostro lavoro in una nuova direzione”. Il modo migliore per rimanere curiosi, conclude la Ring, è iniziare ogni giornata con la consapevolezza che ci sarà qualcosa di nuovo da imparare.