Tre miglioramenti della produttività che potremmo vedere nel 2022

Le aziende hanno visto aumentare la produttività dei lavoratori durante la pandemia, ma ci sono ancora cose in cantiere che potrebbero migliorarla ulteriormente nel corso del prossimo anno.

produttività

La maggior parte delle aziende di cui mi occupo ha riportato miglioramenti della produttività nel 2021 grazie soprattutto all’esplosione dello smart working. Queste stesse aziende ammettono anche in privato che l’equilibrio tra lavoro e vita privata e la collaborazione ha sofferto durante la pandemia, al punto che quando le persone tornano in ufficio, si trovano sempre più a disagi . Questo va contro la recente tendenza di convertire edifici per uffici in spazi per riunioni di persona; i dipendenti non sembrano voler tornare in ufficio per nessun motivo, soprattutto non solo per una riunione.

Ultimamente, ho visto alcuni sviluppi interessanti che il prossimo anno dovrebbero migliorare la produttività e l’esperienza delle riunioni a distanza e aiutare con l’equilibrio tra lavoro e vita privata.

Un completamento automatico più accessibile

Non so se l’avete notato, ma le funzionalità di completamento automatico di Microsoft sono migliorate notevolmente sia in Word, sia in Outlook. Ma l’utilizzo di questa funzione in genere richiede di premere il tasto freccia destra che, sulla maggior parte delle tastiere, è un movimento che ben pochi sono abituati a fare. Trovo più veloce lasciare le mani sulla tastiera e digitare semplicemente la parola anziché utilizzare il completamento automatico. Quindi, per quanto efficace sia questa funzione, non aiuta la mia velocità di digitazione.

ADV
Siemens Industria 4.0

Industria 4.0: una guida per integrare funzione IT e reparti di produzione

Riuscire a far parlare tra loro sistemi e apparati dei mondi IT e OT è la chiave per sbloccare la trasformazione digitale nell’industria. Per farlo, è necessario cominciare a far parlare tra loro le persone di questi due domini di competenza. Scopri di più >

Sui tablet, dove molti in genere utilizzano un metodo di scrittura a due dita, prevedo di vedere tastiere con una diversa posizione del tasto freccia destra o l’uso di un tasto programmabile a portata di mano, in modo da poter utilizzare il completamento automatico velocemente durante la digitazione.

Nuovi monitor/telecamere per videoconferenza

Visto che ormai software come Zoom e Teams sono insostituibili per lavorare, il prossimo anno potremmo vedere diverse innovazioni anche in questo campo. Lenovo ha messo a punto una tecnologia per fare in modo che la webcam alteri l’immagine per farla sembrare più come se steste guardando in camera. Questi sforzi non si escludono a vicenda e possono combinarsi per migliorare il coinvolgimento durante le videoconferenze e le chiamate di collaborazione.

Un progetto ancora più interessante portato avanti da un certo numero di fornitori è migliorare il vostro aspetto automaticamente all’interno del sistema di conferenza o utilizzare le capacità di intelligenza artificiale nella fotocamera o nel PC. Abbiamo già visto alcuni sforzi in questo ambito in Cisco Webex e Microsoft Teams, ma mi aspetto miglioramenti maggiori nel 2022. L’obiettivo finale è quello di poter utilizzare qualcosa in stile “deep fakes” per farvi apparire sempre bene davanti alla fotocamera.

Monitoraggio dei dipendenti più efficace

Sono un convinto sostenitore di BlackBerry AtHoc, una suite di comunicazione che fornisce un monitoraggio attivo dei dipendenti durante una crisi. È qualcosa che ogni azienda, scuola e governo dovrebbe implementare per proteggere dipendenti e studenti. Sia Teams, sia Webex hanno implementato strumenti che aiutano i dipendenti a migliorare il loro equilibrio tra lavoro e vita privata e che avvisano i dirigenti se i lavoratori si trovano in difficoltà prima che la situazione sfoci in problemi comportamentali, influenzi il loro lavoro o li costringa addirittura a lasciare l’azienda.

Le aziende che progettano questo tipo di strumento di monitoraggio dovranno bilanciare la necessità di informazioni con le preoccupazioni sulla privacy dei dipendenti per creare modi migliori per garantire che i dipendenti non soffrano di burnout o non abbandonino del tutto il lavoro. Quest’ultimo fattore potrebbe essere il più importante vista la “grande rassegnazione” che stiamo vivendo in questo periodo.

Consigli per le vacanze

Dato che molti di noi stanno per prendersi una lunga pausa per le vacanze, voglio darvi alcuni suggerimenti su cosa fare in questo periodo di riposo. Dedicate un po’ di tempo a pensare al vostro lavoro: cosa vi piace, cosa non vi piace e se volete fare un cambiamento. In questo momento, c’è una massiccia carenza di manodopera, il che significa che cambiare lavoro sarà molto più facile di quanto lo sarà una volta che torneremo alla piena occupazione. Spesso, trovare un lavoro in un’altra area è estremamente difficile perché mancano le qualifiche. Ma quando le aziende hanno richieste di lavoro aperte da mesi, spesso sono più disposte a rischiare con qualcuno che imparerà direttamente sul posto di lavoro.

Sfruttate inoltre le vacanze per pensare alla pensione. Ho visto molte persone che, dopo la tanto agognata pensione, non sapevano più cosa fare. Ho visto un certo numero di dirigenti spegnersi piano piano, far naufragare matrimoni e persino morire perché non avevano più un lavoro da fare. Sarebbe saggio dedicare del tempo a pensare al futuro, in modo da avere un piano migliore quando arriverà.

Se questo articolo ti è stato utile, e se vuoi mantenerti sempre aggiornato su cosa succede nell’industria ICT e ai suoi protagonisti, iscriviti alle nostre newsletter:

CWI: notizie e approfondimenti per chi acquista, gestisce e utilizza la tecnologia in azienda
CIO:
approfondimenti e tendenze per chi guida la strategia e il personale IT
Channelworld: notizie e numeri per distributori, rivenditori, system integrator, software house e service provider

Iscriviti ora!