Trasformazione digitale: l’importanza della formazione dei dipendenti

I dipendenti europei guardano con ottimismo alle opportunità della trasformazione digitale, ma allo stesso tempo sono convinti che le aziende abbiano la responsabilità della formazione in ambito digitale.

pmi italiane

Ricoh ha pubblicato oggi i risultati della ricerca The Future of Work, dalla quale emerge come i dipendenti europei considerino le tecnologie digitali una grande opportunità, a patto che le aziende li aiutino ad ampliare le competenze per stare al passo con la trasformazione degli ambienti di lavoro.

I dipendenti europei guardano infatti con ottimismo alle opportunità che la tecnologia porterà negli uffici, ma allo stesso tempo sono convinti che le aziende abbiano la responsabilità di aiutarli a migliorare le proprie competenze per adattarsi ai cambiamenti che l’innovazione introduce in azienda.

Nella ricerca, promossa da Ricoh e condotta da Arup coinvolgendo oltre 3.000 dipendenti di aziende di tutta Europa, si scopre che la maggior parte del campione d’indagine (61%) è convinta che l’impatto delle nuove tecnologie sugli ambienti di lavoro sia assolutamente positivo, consentendo di lavorare con maggiore flessibilità e collaborazione.

adv
Cloud Communication Business

Nell’era digitale il centralino va in Cloud

La telefonia di nuova generazione è in software-as-a-service: non richiede di installare centralini hardware, gestisce fisso e mobile, e consente di attivare nuove linee o filiali con un clic, abilitando Smart Working e Unified Communication. SCOPRI DI PIÙ >>

Oltre tre quarti degli intervistati (77%) pensano di possedere le skill necessarie per riuscire ad evolvere con la trasformazione degli ambienti di lavoro nei prossimi 10 anni. Occorre però andare oltre, come sottolineano le persone coinvolte nella ricerca. A seguito dell’implementazione di nuove tecnologie come ad esempio la robotica o l’intelligenza artificiale, le aziende dovrebbero aggiornare le competenze dei dipendenti, in modo che essi siano in grado di lavorare in contesti sempre più digitali e automatizzati.

La maggioranza (81%) del campione si aspetta infatti che la propria azienda fornisca la formazione e gli strumenti necessari per adattarsi ai nuovi ruoli che nasceranno a seguito dell’evoluzione tecnologica.

“L’innovazione procede ad una velocità senza precedenti e questa tendenza è destinata a proseguire nei prossimi anni. Le tecnologie continueranno a trasformare il modo in cui le persone lavorano, eliminando attività ripetitive e spostando l’attenzione su processi a valore. Le aziende di successo sono quelle che pongono collaborazione e flessibilità al centro di tutto. Abbandonare metodi di lavoro tradizionali è fondamentale per le aziende che vogliono attirare, motivare e trattenere nuovi talenti” ha commentato David Mills, CEO di Ricoh Europe.