Le principali tendenze tecnologiche strategiche per il 2021 secondo Gartner

Mesh di sicurezza informatica, ingegneria AI e servizi cloud distribuiti sono tra le principali tendenze tecnologiche che secondo Gartner daranno forma alle future operazioni IT aziendali.

tendenze tecnologiche

Le aziende devono concentrarsi sull’architettura della resilienza e accettare che il cambiamento dirompente è la norma. Lo sostiene Gartner, che ha svelato un nuovo report sulle principali tendenze tecnologiche strategiche a cui le organizzazioni devono prepararsi per il prossimo anno.

“La necessità di resilienza operativa tra le funzioni aziendali non è mai stata così grande” ha affermato Brian Burke, vicepresidente della ricerca di Gartner. “Mentre le organizzazioni passano dalla risposta alla crisi del COVID-19 alla spinta alla crescita, devono concentrarsi sulle tre aree principali che formano i temi delle tendenze di quest’anno: centralità delle persone, indipendenza dalla posizione e delivery resiliente”. Con questi concetti come sfondo, Burke ha identificato le principali tendenze tecnologiche strategiche che secondo Gartner caratterizzeranno il 2021.

Internet of behavior (IoB)

Le tecnologie che utilizzano il riconoscimento facciale, il rilevamento della posizione e i big data e collegano i dati risultanti agli eventi comportamentali associati, come gli acquisti in contanti o l’utilizzo del dispositivo, sono in crescita. Le organizzazioni utilizzano questi dati per influenzare il comportamento umano, una tendenza che Gartner chiama Internet of behavior (IoB). Ad esempio, per monitorare la conformità ai protocolli sanitari durante la pandemia in corso, le organizzazioni potrebbero sfruttare l’IoB tramite la visione artificiale per vedere se i dipendenti indossano maschere o tramite la termografia per identificare quelli con la febbre.

adv
Cloud Communication Business

Nell’era digitale il centralino va in Cloud

La telefonia di nuova generazione è in software-as-a-service: non richiede di installare centralini hardware, gestisce fisso e mobile, e consente di attivare nuove linee o filiali con un clic, abilitando Smart Working e Unified Communication. SCOPRI DI PIÙ >>

Gartner prevede che entro la fine del 2025 oltre la metà della popolazione mondiale sarà soggetta ad almeno un programma IoB, che sia privato, commerciale o governativo. “Anche se l’IoB è tecnicamente possibile, ci saranno ampi dibattiti etici e sociali sui diversi approcci impiegati per influenzare il comportamento”, ha detto Burke.

Calcolo che migliora la privacy

Entro il 2025, il 50% delle grandi organizzazioni adotterà un calcolo per migliorare la privacy, in modo da proteggere i dati in uso mantenendo la segretezza o la privacy per l’elaborazione dei dati in ambienti non attendibili. Le organizzazioni dovrebbero iniziare già ora a valutare le attività di elaborazione dei dati che richiedono trasferimenti di dati personali, monetizzazione dei dati, analisi delle frodi e altri casi d’uso per dati altamente sensibili.

Mesh di sicurezza informatica

L’idea per questa “rete di cybersicurezza” è che chiunque possa accedere a qualsiasi risorsa digitale in modo sicuro, indipendentemente da dove si trova la risorsa o la persona. La mesh di sicurezza informatica punta a separare l’applicazione delle policy dal processo decisionale tramite un modello di cloud delivery e consente all’identità di diventare il perimetro di sicurezza. Entro il 2025, sempre secondo Gartner, la mesh di sicurezza informatica supporterà oltre la metà delle richieste di controllo dell’accesso digitale.

“La pandemia COVID-19 ha accelerato il processo multidecennale di ribaltamento dell’impresa digitale”, ha affermato Burke. “Abbiamo superato un punto critico: la maggior parte dei cyberasset organizzativi si trova ora al di fuori dei tradizionali perimetri di sicurezza fisica e logica. Man mano che le operazioni continuano ad evolversi, la mesh di sicurezza informatica diventerà l’approccio più pratico per garantire l’accesso e l’utilizzo sicuro di applicazioni nel cloud e di dati distribuiti provenienti da dispositivi non controllati.”

cloud ibrido

Cloud distribuito

Gartner afferma che il cloud distribuito è la fornitura di servizi di cloud pubblico in diverse posizioni fisiche, mentre il funzionamento, la governance e l’evoluzione dei servizi rimangono di responsabilità del fornitore di cloud pubblico. Il cloud distribuito fornisce un ambiente agile per scenari organizzativi con bassa latenza, esigenze di riduzione dei costi dei dati e requisiti di residenza dei dati.

Risponde inoltre alla necessità per i clienti di disporre di risorse di cloud computing più vicine alla posizione fisica in cui si svolgono le attività aziendali. Entro il 2025, la maggior parte delle piattaforme di servizi cloud fornirà almeno alcuni servizi cloud distribuiti da eseguire al momento del bisogno. “Il cloud distribuito può sostituire il cloud privato e fornisce edge cloud e altri nuovi casi d’uso. Rappresenta il futuro del cloud computing”, ha affermato Burke.

Iperautomazione

Il concetto di iperautomazione, che secondo Gartner implica la combinazione di machine learning (ML) e strumenti di automazione per fornire lavoro, era in lista anche lo scorso anno e continua a guadagnare terreno. La pandemia ha aumentato ulteriormente la domanda con l’improvvisa esigenza che tutto sia digital first. “L’iperautomazione è ormai inevitabile e irreversibile”, ha detto Burke. “Tutto ciò che può e deve essere automatizzato sarà automatizzato”.

Anywhere Operation

Il termine anywhere operation si riferisce a un modello operativo IT progettato per supportare i clienti, abilitare i dipendenti e gestire l’implementazione dei servizi aziendali ovunque attraverso le infrastrutture distribuite. Entro la fine del 2023, il 40% delle organizzazioni avrà applicato queste operazioni per offrire esperienze ottimizzate e combinate a dipendenti e clienti.

Total Experience

Nel report sulle tendenze dello scorso anno, Gartner affermava che fino al 2028 “l’esperienza utente subirà un cambiamento significativo nel modo in cui gli utenti percepiscono il mondo digitale e come interagiscono con esso”. Burke ha affermato che Gartner quest’anno sta portando oltre questa nozione con la Total Experience (TX), una strategia che collega la multiexperience “con le discipline dell’esperienza di clienti, dipendenti e utenti”. Il COVID-19 ha trasformato l’esperienza digitale con tecnologie come le interfacce touchless e le organizzazioni hanno bisogno di una strategia TX man mano che le interazioni diventano più mobili, virtuali e distribuite.

Ingegneria AI

L’intelligenza artificiale maturerà in più discipline man mano che crescerà la necessità di una maggiore automazione, sebbene, secondo le ultime stime di Gartner, al momento solo il 53% dei progetti aziendali passi dai prototipi AI alla loro produzione. La strada per la produzione di intelligenza artificiale significa rivolgersi all’ingegneria dell’intelligenza artificiale, una disciplina incentrata sulla governance e sulla gestione del ciclo di vita di un’ampia gamma di modelli decisionali e operazionali, come nel caso del machine learning o dei grafi della conoscenza.