Gartner: i rischi di una digitalizzazione mal concepita

Secondo un nuovo report di Gartner le organizzazioni sono sempre più preoccupate per aver assunto strategie di digitalizzazione ritardate e mal concepite.

digitalizzazione

Secondo l’ultimo Emerging Risks Monitor Report di Gartner le organizzazioni sono preoccupate per la loro capacità di tenere il passo con un panorama aziendale in rapida evoluzione, a causa principalmente delle preoccupazioni per le strategie di digitalizzazione ritardate e mal concepite.

Nel secondo trimestre del 2019 Gartner ha intervistato 133 dirigenti senior in diversi settori e svariate aree geografiche e i risultati hanno mostrato che il “ritmo del cambiamento” era emerso come il rischio emergente principale nel sondaggio del 2Q19 Emerging Risk Monitor. Il principale rischio emergente dell’ultimo trimestre, “l’accelerazione della regolamentazione della privacy”, è ora diventato un rischio accertato dopo essere stato classificato in quattro precedenti rapporti sui rischi emergenti.

Due rischi operativi sono strettamente collegati alla preoccupazione per il ritmo del cambiamento, tra cui “ritardo nella digitalizzazione” e “idee sbagliate sulla digitalizzazione”, che secondo gli esperti di Gartner potrebbero in parte guidare la preoccupazione principale per il ritmo del cambiamento e le minacce correlate derivanti dalla disruption del modello di business.

“Tra i primi cinque rischi emergenti nel sondaggio del trimestre i collegamenti sono chiari” ha affermato Matt Shinkman, vicepresidente amministratore delegato di Gartner. “Le organizzazioni si preoccupano del ritmo del cambiamento aziendale e della vulnerabilità di fronte alla disruption. Parte del motivo per cui possono avvertire questo rischio in modo così acuto sono le preoccupazioni relative alle proprie operazioni, comprese le strategie di digitalizzazione e una condotta inadeguata per quanto riguarda i talenti.”

Il 71% degli intervistati ha indicato che il ritmo del cambiamento è un rischio chiave per le loro organizzazioni. Questo rischio costituisce una preoccupazione costante in tutti i settori, con valutazioni particolarmente elevate nel settore sanitario, assicurativo e industriale, e con i dirigenti di questi settori che indicano il ritmo del cambiamento come un rischio emergente con una frequenza del 70% o superiore.

Questa preoccupazione è causata dai timori di essere superati dai concorrenti più agili e dalla mancanza di chiare vie di crescita. Tale rischio può concretizzarsi attraverso un aumento del numero di nuovi concorrenti, il fallimento nel soddisfare le esigenze o le richieste dei clienti e dirigenti che non rispondono alle macro-tendenze.

“Sebbene il ritmo del cambiamento aziendale sia la principale preoccupazione tra le organizzazioni, in molte aziende vediamo una mancanza di azioni tangibili per affrontarlo” ha affermato Shinkman. “Il 24% delle organizzazioni non riferisce alcuna azione per affrontare l’impatto del ritmo del cambiamento, mentre solo il 28% sta affrontando questo rischio a livello di consiglio di amministrazione”.

Altri rischi emergenti che possono contribuire alle preoccupazioni dei dirigenti in merito al ritmo dei cambiamenti sono legati alla digitalizzazione:

  • Rallentamento della digitalizzazione – I dirigenti hanno espresso preoccupazione per l’inadeguatezza dei budget digitali, per il fallimento di un elevato numero di progetti di digitalizzazione e per le preoccupazioni relative al ridimensionamento dei progetti e ai loro ritardi. Chi gestisce il rischio può aiutare a guidare le iniziative di gestione del cambiamento legate alla digitalizzazione, fornire supporto ai dipendenti in un ambiente ad alto cambiamento e aiutare a valutare e gestire le aspettative relative al successo del progetto.
  • Idee sbagliate sulla digitalizzazione – Con due progetti di trasformazione digitale su tre che non riescono a raggiungere gli obiettivi dichiarati, una crescente attenzione ai progetti digitali può rivelare debolezze aziendali. Le organizzazioni progressiste preferiscono chiarire tempestivamente gli obiettivi strategici e adottare un approccio incrementale alla trasformazione del modello di business guidata digitalmente. Questo aiuta l’organizzazione ad apprendere su vasta scala, con rischi limitati.