Capgemini Invent: una nuova linea di business per l’innovazione digitale

Capgemini Invent unisce le competenze del gruppo riguardanti strategia, tecnologia, data science e creative design per aiutare i CxO a immaginare e costruire il loro business del futuro.

Capgemini Invent

Capgemini ha lanciato oggi Capgemini Invent, una nuova linea di business globale che ha l’obiettivo di offrire supporto ai leader aziendali per identificare un percorso verso il futuro e offrire loro gli strumenti necessari per realizzare i propri obiettivi. Capgemini Invent combina, sotto un unico brand, i punti di forza multidisciplinari di Capgemini Consulting insieme alle competenze chiave tecnologiche e di data science del resto del gruppo, con le recenti acquisizioni che includono la società di customer engagement LiquidHub, quella di consulenza sull’innovazione Fahrenheit 212 e le tre agenzie di creative design Idean, Adaptive Lab e Backelite.

La linea di business globale comprende un team di oltre 6.000 professionisti con oltre 30 uffici e 10 studi creativi in tutto il mondo. Le competenze specialistiche di Capgemini Invent forniscono ai clienti la capacità di operare alla velocità del digitale, attraverso l’ideazione e la progettazione di strategie per la trasformazione digitale, prototipi di soluzioni digitali e piani di trasformazione tangibili, determinando al contempo il percorso migliore per implementarli e monitorarli su larga scala grazie all’esperienza del gruppo.

La creazione di Capgemini Invent va incontro a un’esigenza fondamentale per le aziende, ovvero prevedere gli sviluppi futuri della strategia di trasformazione digitale. Sia che si tratti di CEO che valutano la redditività di mercati adiacenti o di CMO in cerca di nuove modalità di coinvolgimento dei clienti, Capgemini Invent mira a fornire ai clienti soluzioni ai problemi aziendali, accelerando la trasformazione delle idee in prototipi e, quindi, dei prototipi in prodotti e servizi scalabili sfruttando le competenze dell’intero gruppo, così da generare nuovi flussi di cassa, nuovi modi di interagire con i clienti e una crescita sostenibile.

Per fare ciò, la nuova linea di business globale include sei funzioni integrate:

• Innovation and Strategy: aiuta a rappresentare il cambiamento nell’intera organizzazione, consentendo di immaginare, progettare e costruire i prodotti, servizi e modelli di business del futuro.
• Customer Engagement: aiuta le aziende a fornire valore ad ogni interazione, trasformando le relazioni che hanno con i clienti per guidare la trasformazione del business.
• Future of Technology: aiuta le aziende a cogliere le possibilità offerte dalle tecnologie emergenti creando soluzioni su misura per ogni tipo di azienda e settore.
• Insight Driven Enterprise: utilizza tecnologie avanzate di analisi dei dati, intelligenza artificiale e automazione per promuovere l’eccellenza finanziaria e consentire decisioni di business strategiche e in tempo reale.
• Operations Transformation: contribuisce a creare attività più intelligenti riprogettando la catena di approvvigionamento, la gestione delle risorse e i processi operativi, per aumentare la produttività e ridurre il time-to-market.
• People and Organization: aiuta le imprese a padroneggiare la trasformazione e a prepararsi ai futuri cambiamenti nel mondo del lavoro, sviluppando la cultura, la forza lavoro e le competenze necessarie per ottenere un successo di business olistico nell’era digitale.

Il lancio di Capgemini Invent arriva in un momento critico per le aziende, molte delle quali sentono di non avere le capacità digitali e di leadership necessarie per avere successo nel loro percorso di trasformazione digitale, come indicato dal Capgemini Research Institute in un recente report intitolato Understanding Digital Mastery Today: Why companies are struggling with their digital transformations.

Lo studio ha mostrato che, nonostante gli enormi investimenti in iniziative di trasformazione digitale, che supereranno i 2.000 miliardi di dollari entro il 2021, oggi le organizzazioni si sentono meno preparate in termini di competenze di leadership rispetto a sei anni fa (45% nel 2012 rispetto al 35% nel 2018), mentre meno della metà ritiene di avere le giuste competenze digitali per far progredire la propria trasformazione (39% sia nel 2012 che nel 2018).