8 tecnologie chiave per il futuro del lavoro

Man mano che il lavoro ibrido diventa la norma, le tecnologie progettate per accogliere, proteggere e migliorare la produttività per i dipendenti remoti e in ufficio saranno fondamentali.

futuro del lavoro

Molti sostengono che il futuro del lavoro sia già arrivato. Le aziende di quasi tutti i settori hanno dovuto rinnovare i propri modelli di lavoro in reazione alla pandemia e alle linee guida sulla sicurezza, offrendo ai dipendenti più flessibilità di quanto non avessero mai avuto prima.

Man mano che sempre più organizzazioni adottano il modello di lavoro ibrido, in cui i dipendenti lavorano parte del tempo a casa e parte nell’ufficio aziendale, tale flessibilità continuerà e questa modalità di lavoro sarà probabilmente quella di default per gli anni a venire.

Sulla base di ciò che è emerso negli ultimi due anni, potrebbe essere un compito arduo (e anche un po’ inutile) provare a prevedere cosa accadrà negli ambienti di lavoro in futuro, ma una cosa è certa: il modo in cui si lavora e si fanno affari non tornerà mai ai tempi pre-pandemici.

ADV
Trusted Cybersecurity Bitdefender

Sanità in Italia, i sei pilastri per una cybersecurity più efficiente

Il settore è tra i più esposti, come dimostra l’attacco ransomware alla Regione Lazio. Una ricerca Bitdefender nel rapporto Clusit evidenzia gli elementi su cui è più urgente lavorare LEGGI TUTTO

A questo punto per i leader tecnologici e aziendali una delle maggiori preoccupazioni è quali strumenti e servizi siano fondamentali per supportare i lavoratori oggi e domani. Cosa consentirà loro di essere produttivi, connessi, coinvolti e soddisfatti, indipendentemente da dove si lavora fisicamente? Ecco allora alcune delle tecnologie chiave, e spesso complementari, che saranno alla base del lavoro nel prossimo futuro.

Strumenti digitali per l’esperienza dei dipendenti

Questa è l’era del business digitale, quindi è logico che le organizzazioni sostengano i dipendenti attraverso interfacce digitali. L’esperienza digitale dei dipendenti sta quindi diventando una componente sempre più importante dell’esperienza complessiva dei dipendenti, in particolare con la crescita del lavoro a distanza e ibrido.

DEX (Digital Employee Experience) è una misura dell’efficacia con cui i dipendenti interagiscono con le tecnologie sul posto di lavoro. Ad esempio, quanto è facile utilizzare prodotti digitali come le piattaforme di collaborazione? Quanto sono efficaci i dispositivi mobili nell’esecuzione di applicazioni aziendali? Quando i lavoratori hanno difficoltà a svolgere le attività quotidiane utilizzando le piattaforme fornite dalle loro aziende, la produttività e la soddisfazione quasi sicuramente diminuiranno.

Gli strumenti DEX, come quelli di Nexthink, VMware, Aternity e altri, “consentono a un’organizzazione di comprendere e migliorare l’esperienza dei dipendenti”, afferma Stuart Downes, direttore della ricerca di Gartner. “Con l’aumento del lavoro ibrido, ci aspettiamo che il 50% dei team IT stabilisca strategie di esperienza digitale dei dipendenti”.

Questi strumenti offrono la possibilità di misurare e migliorare l’esperienza dell’utente con i propri dispositivi, ovunque si trovino. La ricerca di Gartner ha dimostrato che otto lavoratori su 10 considerano la tecnologia digitale essenziale e quelli che sono soddisfatti della loro esperienza tecnologica hanno il doppio delle probabilità di rimanere con la loro attuale organizzazione.

Gestione unificata degli endpoint e desktop-as-a-service

Non ci vuole un indovino per prevedere che il futuro del lavoro includerà un numero sempre crescente di endpoint, molti dei quali situati in località remote. Questo è già il caso oggi e si espanderà man mano che sempre più lavoratori si affideranno a una varietà di dispositivi per svolgere il proprio lavoro e più organizzazioni sfrutteranno i dispositivi Internet of Things (IoT) per la raccolta di dati critici.

Questa può essere una grande sfida di gestione per le aziende ed è qui che entra in gioco la gestione unificata degli endpoint (UEM). Le piattaforme UEM sono progettate per semplificare la gestione dei dispositivi mobili e desktop e migliorare anche la sicurezza di ambienti eterogenei. In un rapporto del 2021 sul futuro del lavoro, la società di ricerca IDC rileva diversi modi in cui la pratica UEM può aiutare a trasformare gli spazi di lavoro digitali, offrendo agli utenti implementazioni automatizzate di applicazioni e accesso ai servizi cloud o fornendo loro strumenti per attività e flussi di lavoro comuni.

Anche Gartner considera l’UEM una tecnologia fondamentale per l’ambiente di lavoro. Gli strumenti UEM ospitati nel cloud, in combinazione con strumenti di sicurezza avanzati, “forniscono sicurezza per l’endpoint ovunque si trovi”, afferma Downes. “La sfida con il lavoro ibrido e remoto è che non si sa con certezza dove sarà un utente in un dato giorno. UEM è fondamentale per garantire che i dispositivi remoti siano patchati e aggiornati, riducendo così il rischio di ransomware”.

Gli strumenti UEM, offerti da una gamma di fornitori di tecnologia tra cui Microsoft, VMware, Cisco e Citrix, stanno migliorando le operazioni IT, “consentendo basi di sicurezza di facile provisioning e portando dispositivi e macchine virtuali in piattaforme desktop-as-a-service [DaaS] in un unico set di strumenti di gestione comune”, aggiunge Downes.

DaaS, un approccio basato su cloud ai desktop virtuali, è stata la soluzione ideale per abilitare esperienze sicure quando non ci si può fidare dei dispositivi, afferma Downes. “I miglioramenti nell’automazione DaaS hanno consentito operazioni più semplici e reso questo modello applicabile alle organizzazioni con competenze di virtualizzazione limitate. Entro il 2024, prevediamo che l’80% dei desktop virtuali serviti agli utenti remoti sarà DaaS, rispetto a meno del 30% di oggi”.

Piattaforme di collaborazione e comunicazione online

Non dovrebbe sorprendere che gli esperti del settore abbiano citato queste piattaforme, che comprendono chat di gruppo e videoconferenze, documenti condivisi e gestione delle attività, come vitali per il futuro del lavoro. Il lavoro a distanza è ormai un modello consolidato per molte organizzazioni e probabilmente rimarrà in vigore anche nel prossimo futuro.

Il cloud continuerà a svolgere un ruolo chiave nella fornitura di queste applicazioni agli utenti. “Le piattaforme di collaborazione cloud sono diventate la base per la collaborazione sincrona e asincrona, consentendo e supportando riunioni distribuite e co-creazione”, afferma Downes. Durante la fase iniziale della pandemia, quando la maggior parte del lavoro veniva svolta in remoto, c’era una sorta di parità di condizioni per i lavoratori, che si sono adattati rapidamente alle diverse tecnologie di collaborazione.

tecnologie immersive

Man mano che il modello di lavoro ibrido prende piede, queste piattaforme dovranno garantire che sia i lavoratori in ufficio che quelli remoti abbiano accesso a esperienze di alta qualità, in modo che nessun utente diventi un partecipante svantaggiato a causa del luogo in cui si trova.

Gartner rileva anche l’emergere di applicazioni AVM (Ambient Virtual Meeting), strumenti di collaborazione in tempo reale che supportano le interazioni tra i membri del team su una rete per avvicinarsi più da vicino a un’esperienza d’ufficio nel mondo reale. Le applicazioni AVM possono creare un ambiente di “ufficio virtuale” in tre modi: attraverso sale riunioni/canali sempre attivi, attraverso spazi sociali gamificati o attraverso la connettività istantanea ai colleghi tramite videoconferenza in base allo stato di presenza.

Gartner identifica Bramble, Gather, Pragli, Remo, Remotion, Shindig, Sococo, SpatialChat, Tandem e Teemyco come principali fornitori AVM sul mercato. “Le app AVM promuovono stili di lavoro più sociali e collaborativi, incoraggiando riunioni spontanee, l’equivalente virtuale di chattare con qualcuno in ufficio”, si legge nel rapporto di Gartner.

Strumenti basati sull’intelligenza artificiale

L’intelligenza artificiale sta emergendo ovunque sul posto di lavoro e gli esperti affermano che svolgerà un ruolo importante nel futuro del lavoro. IDC prevede un’implementazione accelerata di dispositivi intelligenti abilitati all’intelligenza artificiale nelle sale riunioni degli uffici e nelle sale riunioni, afferma Amy Loomis, direttrice della ricerca Future of Work di IDC.

“Stiamo assistendo a una crescita nell’uso di fotocamere intelligenti, lavagne interattive e microfoni che utilizzano l’intelligenza artificiale per isolare, identificare e seguire i volti di chi sta parlando, filtrare i rumori di sottofondo e connettere i partecipanti alle riunioni a distanza con i collaboratori che stanno co-creando materiali in tempo reale”, afferma la Loomis.

L’uso dell’elaborazione del linguaggio naturale per i sottotitoli e la traduzione nelle riunioni online è un altro importante miglioramento apportato dall’IA. Inoltre, la realtà aumentata e la realtà virtuale “aiutano a portare l’esperienza dei lavoratori che non si trovano in un luogo di lavoro a coloro che sono fisicamente presenti e cercano di eseguire riparazioni”.

Per le piattaforme di collaborazione e comunicazione online, “vediamo molti progressi nell’annuncio di nuove funzionalità, incluso l’uso dell’IA e del machine learning per tenere traccia dei comportamenti di collaborazione e del networking, a livello individuale e aggregato, per aiutare in primo luogo i manager a capire meglio come stia lavorando il loro team e come potrebbe potenzialmente lavorare meglio”, continua la Loomis.

“Stiamo anche vedendo un focus sempre più forte sulle tecnologie orientate al miglioramento dell’esperienza dei dipendenti; sono tecnologie che forniscono informazioni sull’efficacia delle attività di collaborazione e comunicazione dei dipendenti in termini di miglioramento o inibizione della produttività”.

Tecnologie di automazione

L’ascesa delle piattaforme e degli strumenti di automazione come l’automazione dei processi robotici (RPA), l’automazione dei processi intelligenti (IPA) e la robotica è già in corso e queste tecnologie rappresentano una parte importante del lavoro del futuro

Questi prodotti di fornitori come Automation Anywhere, Blue Prism, UiPath e altri “aiutano a soddisfare la necessità di automatizzare attività ripetitive come l’elaborazione di moduli, l’assistenza a clienti e dipendenti e altre mansioni simili”, afferma Loomis. Gartner cita l’iperautomazione, che definisce come l’approccio disciplinato per identificare, controllare e automatizzare rapidamente quanti più processi aziendali e IT possibili, come una tendenza futura del lavoro.

Le attività di iperautomazione saranno accelerate attraverso l’uso di team multidisciplinari per fondere tecnologia come analytics e competenze nel dominio aziendale e per condividere la responsabilità per i risultati aziendali e tecnologici. Invece di organizzare il lavoro in base a funzioni o tecnologie, questi team sono generalmente organizzati in base alle capacità aziendali trasversali e ai risultati in termini di business.

Analisi avanzata

Le organizzazioni devono migliorare le proprie capacità di analisi per consentire un processo decisionale più basato sui dati, in modo da poter affrontare una serie di sfide convergenti che riguardano l’ambiente di lavoro. Queste sfide includono il passaggio in corso verso il lavoro ibrido, le “grandi dimissioni”, il cambiamento delle aspettative della forza lavoro, le iniziative per la diversità, l’equità e l’inclusione e la crescente enfasi sulla produttività.

Per iniziare a comprendere e affrontare questi problemi, le organizzazioni hanno bisogno di strumenti di analisi avanzati in grado di acquisire, combinare, analizzare e visualizzare dati altamente complessi, strutturati e non strutturati, in molti elementi dell’organizzazione. Ciò include i dati sull’esperienza, il sentiment e il comportamento della forza lavoro.

Se questo articolo ti è stato utile, e se vuoi mantenerti sempre aggiornato su cosa succede nell’industria ICT e ai suoi protagonisti, iscriviti alle nostre newsletter:

CWI: notizie e approfondimenti per chi acquista, gestisce e utilizza la tecnologia in azienda
CIO:
approfondimenti e tendenze per chi guida la strategia e il personale IT
Channelworld: notizie e numeri per distributori, rivenditori, system integrator, software house e service provider

Iscriviti ora!