4 tendenze che caratterizzeranno le strategie di lavoro ibrido nel 2021

Nel 2021, i leader IT doteranno gli uffici aziendali di tracciamento dei contratti e automatizzeranno più processi aziendali estendendo al contempo la copertura della sicurezza informatica. Eccome come cambierà il lavoro ibrido.

lavoro ibrido

Se il 2020 ha insegnato qualcosa ai leader tecnologici è aspettarsi l’inaspettato, poiché il coronavirus ha richiesto un tributo considerevole alle aziende di tutto il mondo. Ma i CIO hanno ancora il loro lavoro da svolgere e devono mettersi alla guida della strategia digitale per clienti e dipendenti.

Le tendenze che sono esplose nella seconda metà del 2020, comprese le migrazioni al software cloud, alle soluzioni virtuali e all’automazione, integrate da analisi per misurare l’efficacia di queste soluzioni, acquisiranno slancio e accelereranno nel 2021. L’importanza di coltivare un lavoro ibrido di qualità per supportare esperienze superiori dei dipendenti non può essere sottovalutato quando i lavoratori entreranno nel secondo anno della pandemia.

“La cultura del lavoro e l’esperienza dei dipendenti sono cambiate per sempre, che ci piaccia o no, rendendo quei CIO che possono abilitare senza problemi nuove esperienze un faro per i talenti”, ha scritto Forrester Research nelle sue previsioni del CIO 2021. “Nelle aziende che non offrono grandi esperienze, i dipendenti cammineranno e non correranno o, peggio, rimarranno fermi e avranno prestazioni inferiori.”

Luogo di lavoro e reclutamento, reinventati

adv
Cloud Communication Business

Nell’era digitale il centralino va in Cloud

La telefonia di nuova generazione è in software-as-a-service: non richiede di installare centralini hardware, gestisce fisso e mobile, e consente di attivare nuove linee o filiali con un clic, abilitando Smart Working e Unified Communication. SCOPRI DI PIÙ >>

Gli uffici aziendali verranno reinventati come hub fisici di social network, afferma Jo Deal, responsabile delle risorse umane di LogMeIn. Le persone che hanno lavorato in remoto da marzo si aspettano di essere meno legate al proprio ufficio, di mantenere orari più flessibili e di trascorrere meno ore in pendolarismo, il che influisce sulla quantità di uffici fisici che le aziende detengono. Invece di andare al lavoro cinque giorni alla settimana, i lavoratori possono andare a lavorare per mezze giornate o solo un giorno alla settimana per riunioni, collaborazione e contatti. Le aziende incorporeranno più uffici satellite in più aree geografiche.

Le organizzazioni “progressiste” trarranno vantaggio dall’opportunità di lavoro ibrido per attingere a un pool di talenti diversificato, essendo di mentalità aperta su dove assumere nuovi ruoli e trattenere i migliori talenti soddisfacendo il desiderio che le persone vivano dove gli si addice. Per affrontare la sfida, le aziende assumeranno un “responsabile del remoto” per coordinare i compensi, i benefici, le tasse, le leggi sul lavoro a distanza e l’esperienza dei dipendenti. Oppure creeranno un comitato di lavoro remoto composto da CEO, CFOS, CHRO e altri leader, come ha fatto LogMeIn. “È davvero complesso farlo bene”, aggiunge Deal.

Il digitale alimenta il modello di lavoro ibrido

Spetta ai CIO fornire tecnologia in grado di supportare modelli di lavoro ibridi, il che significa installare strumenti SaaS per videoconferenze, condivisione di file e lavagna digitale, insieme a soluzioni di realtà aumentata e virtuale (AR/VR) per le riunioni dei dipendenti e le presentazioni dei clienti e altre collaborazioni critiche.

I CIO devono anche investire in applicazioni di “hoteling” per ufficio che consentono ai lavoratori remoti e ai visitatori di prenotare spazio sulla scrivania, insieme agli strumenti di tracciamento dei contatti in chiave COVID per mantenere i dipendenti al sicuro, afferma Wendy Pfeiffer, CIO di Nutanix, che sta valutando diverse soluzioni di questo tipo.

lavoro da remoto

Nel 2020, i CIO hanno inserito molte di queste soluzioni nei loro stack tecnologici mentre rimescolavano le loro agende digitali. Aspettatevi che i leader IT migliorino il modo in cui tali strumenti saranno integrati in tutta l’azienda creando nuove efficienze operative.

Un mercato “caldo” per la tecnologia di collaborazione, evidenziato dall’offerta sbalorditiva di Salesforce.com da 27 miliardi di dollari per Slack, significa che i CIO si preoccuperanno di cosa questo significhi per i loro portafogli IT, afferma Eric Johnson, CIO di SurveyMonkey. Ad esempio, cosa succederebbe se M&A ostacolasse l’innovazione per il software che concedono in licenza?

In altre parole, i CIO devono fare attenzione a non “mettere troppe uova nello stesso paniere”, afferma Johnson. “Il mondo della collaborazione cambierà rapidamente il prossimo anno.”

Sicurezza informatica zero-trust

Tutti gli strumenti e le connessioni remote si sommano a quello che viene chiamato The Next Great Security Dilemma. La rete aziendale era abbastanza difficile da proteggere già prima, ma con il traffico dati che si estende al di fuori del firewall verso località remote, i CIO hanno adottato modelli di sicurezza “zero-trust”, apparentemente trattando ogni dispositivo connesso (desktop, laptop , tablet, router e smartphone) come una potenziale minaccia, afferma Johnson. È una differenza di scala; dove una volta la rete aveva uno spazio finito, ora è molto più dinamica e soggetta allo sfruttamento da errori umani ad attacchi aggressivi.

I CIO devono inoltre bilanciare i problemi di sicurezza con la garanzia che i dipendenti possano rimanere produttivi. Le soluzioni Single Sign-On, insieme a una serie di strumenti di machine learning (ML) e di sicurezza informatica basati sull’intelligenza artificiale, rimangono armi fondamentali negli arsenali dei CIO. Ma nessuna protezione è perfetta come testimonia la recente violazione di FireEye, la cui ragion d’essere è proteggere le società e dare la caccia ai cattivi.

Automazione intelligente

Nel 2020, la maggior parte dei CIO ha acquistato o costruito una serie di tecnologie ML, intelligenza artificiale (AI), automazione dei processi robotici (RPA), estrazione di processi e tecnologie low-code per automatizzare i processi aziendali. Nel 2021 e oltre le aziende cercheranno coraggiosamente di unificare queste tecnologie, creando un tessuto intelligente che automatizza i processi di lavoro. In passato, questi erano strumenti autonomi, ma ora sono diventati mainstream e li vedremo applicati insieme su larga scala. È la convergenza di queste tecnologie che farà la differenza.

Secondo una nuova ricerca di Deloitte, il 73% dei 320 dirigenti intervistati ha affermato che le proprie organizzazioni hanno intrapreso un percorso verso l’automazione intelligente, con un aumento del 58% rispetto al numero riportato nel 2019. “Considerando il lavoro remoto diffuso e la configurazione richiesta per proteggere i luoghi di lavoro, aumentare l’automazione tra la forza lavoro è quasi un dato di fatto”, hanno scritto i ricercatori.

Tirando le somme, i CIO che pensavano che il loro lavoro potesse diventare più semplice man mano che i colleghi della C-suite e i dipendenti di alto livello si sarebbero abituati alla pandemia, avranno in realtà ancora parecchie sfide da affrontare.

Se questo articolo ti è stato utile, e se vuoi mantenerti sempre aggiornato su cosa succede nell’industria ICT e ai suoi protagonisti, iscriviti alle nostre newsletter:

CWI: notizie e approfondimenti per chi acquista, gestisce e utilizza la tecnologia in azienda
CIO:
approfondimenti e tendenze per chi guida la strategia e il personale IT
Channelworld: notizie e numeri per distributori, rivenditori, system integrator, software house e service provider

Iscriviti ora!