La recensione di Windows 11: vale davvero la pena aggiornare?

Disponibile da ieri, Windows 11 offre rispetto a Windows 10 un gradito lifting estetico, una maggiore sicurezza e una migliore esperienza complessiva.

windows 11

Sei anni dopo il lancio di Windows 10, Windows 11 è finalmente arrivato. È stata una delle attese più lunghe tra le versioni del sistema operativo nella storia di Microsoft. È valsa la pena aspettare? E cosa ancora più importante, quando (e se) vi viene offerto l’aggiornamento tramite Windows Update, dovreste eseguirlo o vi conviene restare fedeli a Windows 10 ancora per un po’?

Ho messo alla prova il nuovo sistema operativo di Microsoft (con un occhio all’uso aziendale) e, tra i cambiamenti più significativi, ci sono un menu Start riprogettato in modo intelligente, modifiche alla ricerca e ai widget, una migliore integrazione con Teams (anche se per uso personale, non aziendale), una maggiore sicurezza grazie al TPM 2.0 e vari miglioramenti più o meno utili.

E ora, via alla recensione.

Implementazione lenta e rigide restrizioni hardware

ADV
HP Wolf Security

Il perimetro aziendale oggi passa dalla casa dei dipendenti

Metà dei dipendenti usa il PC anche per scopi personali e il 30% lascia che venga utilizzato da altri famigliari. La tua cybersecurity è pronta per le sfide del lavoro remoto? LEGGI TUTTO >>

Innanzitutto, alcune informazioni sui requisiti hardware e sulle date di implementazione. Per eseguire Windows 11, avrete bisogno di un PC con un processore a 64 bit da 1 GHz o più veloce con due o più core (qui trovate un elenco di processori compatibili). Dovrete inoltre avere 4 GB o più di RAM e almeno 64 GB liberi su un disco rigido o SSD. E avrete anche bisogno di un Trusted Platform Module (TPM) versione 2.0, che offre sicurezza basata su hardware.

La maggior parte dei PC venduti negli ultimi tre anni sarà probabilmente in grado di eseguire Windows 11. Ma non tutti. Ho comprato un laptop un anno fa e non può eseguire il nuovo sistema operativo perché non ha un processore compatibile. Potete comunque verificare se il vostro PC è compatibile scaricando ed eseguendo l’app PC Health Check di Microsoft.

Anche se il vostro PC può eseguire Windows 11, ciò non significa che potete aggiornarlo. Microsoft sta infatti adottando un approccio lento e graduale al lancio del suo nuovo OS. Un post sul blog di Microsoft afferma che “l’aggiornamento verrà offerto prima ai nuovi dispositivi idonei”, ma non descrive in dettaglio cosa significa “nuovo”. Aggiunge: “Ci aspettiamo che a tutti i dispositivi idonei venga offerto l’aggiornamento gratuito a Windows 11 entro la metà del 2022”. Quando finalmente potrete eseguire l’aggiornamento, riceverete una notifica tramite Windows Update.

Gli utenti aziendali, ovviamente, verranno aggiornati a Windows 11 solo quando i loro reparti IT lo consentiranno. Microsoft offre diversi strumenti per aiutare gli amministratori a valutare la loro disponibilità a Windows 11.

Un nuovo inizio per Start

windows 11

Il cambiamento più visibile in Windows 11 è davanti e al centro, letteralmente. Quando fate clic sul pulsante Start, il menu Start si apre sopra la parte inferiore centrale dello schermo, anziché essere ancorato a sinistra come nelle versioni precedenti di Windows.

È stato anche ridotto di dimensioni e non lo si scorre come si fa con il menu Start di Windows 10. I riquadri grandi che occupano così tanto spazio sullo schermo nel menu Start di Windows 10 sono stati sostituiti con icone di applicazioni più piccole. Ciò significa che le live tile, che potevano visualizzare informazioni dinamiche, sono state eliminate. Al loro posto, come vedrete più avanti, ci sono i widget.

Il menu Start è stato ridotto anche in altri modi. Il design a tre colonne di Windows 10 Start è sparito, sostituito da una semplice schermata divisa in due sezioni: icone delle applicazioni appuntate in alto e una sezione “Consigliata” in basso composta da un mix di file recenti che avete aperto e icone per app che avete installato di recente.

Questo approccio  funziona egregiamente. Il design compatto consente di trovare rapidamente le app che volete eseguire, perché più di esse sono visibili in un’interfaccia meno ingombrante. Si ottengono inoltre più scelte e anche una visione più chiara di ciò che è disponibile. Se non vedete subito l’app che vi interessa, basta fare clic sul pulsante Tutte le app in alto a destra per accedere a un elenco alfabetico di ogni app installata sul PC, oppure basta utilizzare la barra di ricerca nella parte superiore del menu.

Potete facilmente “sbloccare” un’app dal menu Start: fate clic con il pulsante destro del mouse e selezionate Rimuovi da Start. Per aggiungere un’app al menu, fate clic su Tutte le app, scorrete fino a quella che desideri bloccare, cliccate con il pulsante destro del mouse e selezionate Aggiungi a Start.

Anche la sezione Consigliati è utile. I file che avete aperto più di recente sono proprio davanti a voi, quindi è molto più facile tornare al lavoro che avete fatto di recente. Per cercarne altri, fate clic sul pulsante Altro e vedrete un elenco lungo e facile da scorrere. Potete sbloccare un file da Consigliati facendo clic con il pulsante destro del mouse e selezionando Rimuovi da Start. Tuttavia, non potete aggiungere un nuovo file a Start.

La ricerca è integrata direttamente in Start tramite una casella di testo nella parte superiore dello schermo. Ma potreste ritrovarvi un po’ spiazzati quando fate clic su di essa, perché questa azione non posiziona un cursore nella casella di testo per iniziare la ricerca. Viene invece visualizzata una schermata di ricerca, la stessa che vedrete quando fate clic sull’icona Cerca sulla barra delle applicazioni. Ci vuole un po’ di tempo per abituarsi. Potete anche gestire il vostro account utente da Start facendo clic sull’icona del vostro account in basso a sinistra dello schermo. Inoltre, avete accesso ad azioni come sospendere il PC, spegnerlo e riavviarlo facendo clic sul pulsante di accensione in basso a destra.

Solo dopo aver lavorato con Windows 11 per un po’, mi sono reso conto di quanto fosse disordinato il menu Start di Windows 10 e, di conseguenza, di quanto poco lo usassi. Il nuovo menu Start non è solo esteticamente più gradevole, ma mi sono ritrovato a usarlo più del vecchio menu Start di Windows 10. La novità più utile per me è la sezione Consigliati. Per aprire un file che ho usato di recente, non devo cercare in Esplora file o avviare un’applicazione, quindi cercare il file. Invece, faccio semplicemente clic su un file proprio di fronte a me. È un notevole risparmio di tempo e, al tempo stesso, un aumento della produttività. Insomma, il nuovo menu Start è vincente ed è la cosa che mi piace di più di Windows 11.

Una ricerca leggermente modificata

Anche la ricerca ha subito una riprogettazione, ma alla fine non è cambiato molto. Quando fate clic sulla sua icona, Cerca, come Start, si apre al centro dello schermo appena sopra la barra delle applicazioni ed è più piacevole alla vista. È anche più compatta rispetto a quella di Windows 10. Poiché utilizza icone più piccole rispetto alla ricerca di Windows 10, è in grado di far stare più cose in meno spazio, offrendo quattro icone di “ricerca rapida” rispetto alle tre di Windows 10.

Layout di Snap e gruppi di Snap

windows 11

Microsoft ha introdotto un paio di funzionalità rivolte a un aumento della produttività: layout di Snap e gruppi Snap. Con la prima potete raggruppare le finestre aperte in uno dei layout di schermo predefiniti, per avere ad esempio due app affiancate, ognuna delle quali occupa metà dello schermo. Oppure potreste avere un’app a sinistra e due app una sopra l’altra a destra o quattro app in una griglia. L’idea di fondo è di poter trovare il layout perfetto che si adatti al vostro modo di lavorare.

Per utilizzare layout di Snap, aprite prima le applicazioni che vi interessano, quindi passate il mouse sull’icona di ingrandimento di un’applicazione nella parte superiore destra dello schermo, situata tra le icone di riduzione e chiusura. Scegliete il layout che preferite e in quale posizione volete che l’applicazione si trovi e, infine, scegliete tra le vostre altre app aperte per riempire il resto del layout.

Una volta riempiti tutti i posti in un layout di Snap, quel raggruppamento di app viene salvato come gruppo Snap a cui potete tornare rapidamente in seguito se avete aperto altre app o ridotto a icona una delle finestre dell’app nel gruppo. Passate il mouse sull’icona della barra delle applicazioni di una qualsiasi delle applicazioni in un gruppo di snap e vedrete due piccoli popup: uno è una miniatura di ciò che è aperto nell’applicazione stessa e un altro mostra il gruppo di Snap. Scegliete l’icona gruppi Snap e passate all’intero gruppo nel layout che avete impostato in precedenza, piuttosto che alla singola applicazione.

Tutto questo sembra funzionare in teoria, ma in pratica l’ho trovato più fastidioso che utile e confuso da usare. Mi ci è voluto un po’ per capire come scegliere quale applicazione dovrebbe essere inserita in quale parte di un singolo layout di Snap e ho scoperto come utilizzare la funzione gruppi Snap solo dopo aver fatto molti clic. Ancora più importante, ho scoperto che organizzare le applicazioni in un layout di Snap non mi era di alcuna utilità.

Un’esplosione di widget

Windows 10 includeva una serie di widget come feed di notizie, meteo e altro. Sebbene potessero essere gestiti individualmente, non hanno mai convinto pienamente. In Windows 11, l’approccio ai widget è cambiato. Fate clic sull’icona Widget sulla barra delle applicazioni (è un quadrato diviso verticalmente in due sezioni, una bianca e una blu) e sul lato sinistro dello schermo viene visualizzato un grande pannello che ne mostra un insieme preselezionato con categorie come meteo, notizie, sport, e altri.

Ciascun widget visualizza informazioni in continuo cambiamento; fate clic su uno di essi e in genere vi ritrovate sul web per ottenere ancora più dettagli. Potete modificare le dimensioni di ciascun widget, rimuoverlo e personalizzarlo facendo clic sull’icona del menu a tre punti in alto a destra. Fate clic sul pulsante Aggiungi widget e vedrete una selezione di altri widget tra cui scegliere tra cui uno per il controllo del traffico, un elenco di cose da fare, suggerimenti di Windows, intrattenimento e molti altri.

Ho trovato i widget moderatamente utili quando volevo una notizia veloce o guardare il meteo. Mi sarebbe però piaciuta una selezione ancora più ampia ed è un peccato che non si possa ridimensionare il riquadro del widget per ridurlo e tenerlo sempre sullo schermo, in modo da non dover fare costantemente clic sull’icona Widget della barra delle applicazioni.

Integrazione di Teams

La pandemia di Covid-19 ha cambiato il modo in cui lavoriamo e viviamo, con videoconferenze e chat che sono aumentate in modo esponenziale man mano che le riunioni di persona sono state sostituite da quelle virtuali. Con Windows 11, Microsoft scommette sul fatto che chat e videoconferenze rimarranno una parte importante del lavoro e della vita privata delle persone anche quando si tornerà alla normalità pre-pandemia

La nuova funzione Chat con Microsoft Teams di Windows 11 mette un’icona di Teams in primo piano e al centro della barra delle applicazioni. Fate clic sull’icona e si apre una schermata di Teams con i vostri contatti. Da notare che l’icona assomiglia a una videocamera finché non fate clic su di essa; a quel punto, si trasforma infatti in un’icona a fumetto.

Quando trovate qualcuno con cui volete connettervi, fate clic su quella persona e si apre una finestra di chat e videoconferenza e, a quel punto, usate Teams come fareste normalmente. Se la persona con cui volete connettervi non usa Teams, riceverà un messaggio SMS e potrete chattare in questo modo.

Tenete presente che questa integrazione di Teams è destinata all’uso personale, non all’uso aziendale. Di conseguenza la suite completa di funzionalità aziendali di Teams, come l’uso dei canali, la possibilità di eseguire ricerche negli archivi dei messaggi e così via, non è disponibile. Prevedo comunque che nel tempo le versioni aziendali di Teams diventeranno parte dell’integrazione di Windows 11.

Rifiniture e perfezionamenti

L’aspetto generale di Windows 11 è leggermente cambiato rispetto a Windows 10 tra finestre arrotondate, animazioni più nitide e una sensazione generale più “morbida”. Anche quelli che Microsoft chiama i “materiali” sono stati aggiornati. Ad esempio, l’effetto acrilico semitrasparente, che nelle parole di Microsoft “replica l’effetto del vetro smerigliato”, è stato reso più luminoso e traslucido.

File Explorer rappresenta inoltre un perfetto esempio di ciò che è stato fatto in molte parti di Windows 11, con finestre arrotondate, uno sfondo più morbido e un nuovo set di icone “luminose”. La sua barra multifunzione è stata rivista e semplificata e ora ha una sola scheda e le azioni più utili sono rappresentate da icone a portata di mano, in modo da non dover cercare diverse schede. Anche il menu di scelta rapida è stato ridotto e semplificato e ogni voce di menu ha un’icona accanto, quindi è più facile distinguere tra le vostre scelte.

Anche la funzionalità dei desktop virtuali (chiamata Task View in Windows 10) ha subito una revisione. Passate il mouse sopra la sua icona sulla barra delle applicazioni (due finestre sovrapposte, una bianca, una nera) e vedrete le icone che rappresentano tutti i tuoi desktop virtuali esistenti, in modo da poter passare a uno di essi, oltre a un pulsante per creare un nuovo. Fate clic sull’icona della barra delle applicazioni invece di passarvi sopra il mouse e vedrete le miniature di ciascuno dei vostri desktop.

Il risultato? I desktop virtuali sono ora più facili da creare e utilizzare e l’interfaccia è visivamente più accattivante. Tutte queste modifiche all’interfaccia faranno la differenza nella produttività? Forse sì, forse no. Ma la nuova interfaccia è più piacevole e se passate molto tempo davanti al computer, è una buona cosa.

Cos’altro c’è di nuovo?

Una delle funzionalità più attese di Windows 11 è la possibilità di eseguire app Android, ma al momento di scrivere tale funzionalità non è ancora presente e non sappiamo nemmeno quando lo sarà. Detto questo, ci sono diversi miglioramenti più piccoli o meno visibili in Windows 11. In particolare:

  • TPM 2.0 lavora per proteggervi dalle minacce informatiche
  • L’app Impostazioni è stata ridisegnata e riorganizzata. Invece di dover fare clic sulle icone che rappresentano categorie diverse, ora viene visualizzato un elenco di categorie; una freccia a destra di ogni categoria porta alle opzioni disponibili. In alcuni casi sono state aggiunte nuove impostazioni. È un po’ più semplice da usare rispetto a Windows 10, ma nulla di veramente importante.
  • Il Centro notifiche è sparito, sostituito dai pannelli separati Notifiche e Impostazioni rapide. Quest’ultimo pannello è più compatto e mostra più impostazioni contemporaneamente rispetto al suo predecessore Windows 10. Per accedervi, fate clic sull’icona Wi-Fi, speaker o batteria all’estrema destra della barra delle applicazioni. Per Notifiche, fate invece clic sull’ora e la data all’estrema destra della barra delle applicazioni e vedrete un numero che indica quante notifiche avete.

Cosa deve sapere l’IT su Windows 11

L’aspetto più importante di Windows 11 per l’IT non è visibile: è nascosto. Il sistema operativo richiede hardware con un TPM (Trusted Platform Module) 2.0 integrato per la sicurezza. TPM utilizza la crittografia basata su hardware per crittografare i dischi utilizzando funzionalità di Windows come BitLocker.

Dato che le aziende sono sottoposte ad attacchi costanti e sempre più sofisticati e che il ransomware è una minaccia sempre presente, questo è un grosso problema per l’IT, così grande che tutte le altre funzionalità di Windows 11 impallidiscono rispetto alla sua importanza per l’IT.

L’IT accoglierà con piacere anche il programma di aggiornamento delle funzionalità (i cosiddetti feature update) una volta all’anno anziché due volte all’anno come per Windows 10. Ciò ridurrà i tempi di aggiornamento, gli sforzi e i mal di testa dei team IT. Le aziende possono utilizzare gli strumenti di gestione aziendale Microsoft esistenti, tra cui Microsoft Endpoint Manager, Windows Update for Business e Autopilot per la distribuzione e la gestione di Windows 11. Su questo versante non sono stati rilasciati nuovi strumenti per Windows 11.

Per garantire che le applicazioni aziendali e altri software possano essere eseguiti su Windows 11, Microsoft ha rilasciato Test Base for Microsoft 365, uno strumento di test automatizzato per verificare la compatibilità delle applicazioni. In caso di problemi di compatibilità, Microsoft afferma che le aziende possono utilizzare il servizio App Assure esistente che aiuta le aziende con 150 o più utenti a risolvere i problemi delle app.

Tirando le somme

Alla fine è valsa la pena aspettare Windows 11? Cosa aggiunge veramente questo nuovo sistema operativo? Le altre due volte in cui Microsoft ha impiegato cinque anni o più per sviluppare nuove versioni di Windows, i cambiamenti sono stati enormi, con la versione più recente che sembrava quasi un sistema operativo completamente nuovo. La prima volta è stata tra Windows 3.0 nel 1990 e Windows 95 nel 1995. La seconda è stata tra Windows XP (rilasciato nel 2001) e Windows Vista (rilasciato nel 2007).

Questa volta, non ci sono stati così tanti cambiamenti come in quelle precedenti revisioni, tanto che Microsoft avrebbe potuto chiamare questa nuova versione Windows 10.5 (o anche 10.25) e nessuno se ne sarebbe stupito. Il nuovo menu Start è utile ma non rivoluzionario e questa è la modifica dell’interfaccia più evidente. Anche una serie di altre modifiche sono interessanti, ma in larga misura sono novità marginali e non alterano in modo significativo nulla di fondamentale o importante sul modo in cui funziona Windows.

Ma questa non è una brutta cosa. Windows 10 nel complesso è un sistema operativo solido e Windows 11 lo migliora. Durante i quasi 40 anni di storia di Windows, i principali aggiornamenti sono stati generalmente degli “scarti” (Windows Vista e Windows 8), ma non sono mancate le eccezioni (XP e Windows 10). È meglio fare i piccoli passi giusti che grandi passi sbagliati.

Alla fine Windows 11 rappresenta un solido miglioramento rispetto a Windows 10, con una migliore sicurezza, un’interfaccia migliore e una migliore esperienza complessiva. E dovremmo essere grati a Microsoft per questo. Quindi, quando sarà disponibile anche per voi, varrà la pena fare l’aggiornamento, anche perché è del tutto gratuito. Detto questo, non fa mai male aspettare diversi mesi dopo il day one per assicurarsi che eventuali problemi e bug della prima release siano stati risolti.

Se il vostro hardware non supporta Windows 11, non c’è bisogno di affrettarsi a comprare un nuovo PC ora, a meno che non vogliate ottenere una sicurezza aggiuntiva basata sull’hardware o che non siate annoiati dall’aspetto di Windows 10 e vogliate qualcosa di esteticamente nuovo. Tra l’altro Microsoft ha promesso di supportare Windows 10 fino a ottobre 2025, quindi il vostro attuale PC Windows 10 continuerà a ricevere aggiornamenti per altri quattro anni.

Le aziende, ovviamente, hanno altre cose a cui pensare. Anche se il loro hardware supporta il nuovo sistema operativo, probabilmente aspetteranno più a lungo dei consumatori per l’aggiornamento perché devono essere più prudenti quando si apportano grandi cambiamenti al parco macchine aziendale. Ma alla fine già solo la maggiore sicurezza e i feature update una volta all’anno anziché due potrebbero rendere l’aggiornamento utile in chiave aziendale.

Se questo articolo ti è stato utile, e se vuoi mantenerti sempre aggiornato su cosa succede nell’industria ICT e ai suoi protagonisti, iscriviti alle nostre newsletter:

CWI: notizie e approfondimenti per chi acquista, gestisce e utilizza la tecnologia in azienda
CIO:
approfondimenti e tendenze per chi guida la strategia e il personale IT
Channelworld: notizie e numeri per distributori, rivenditori, system integrator, software house e service provider

Iscriviti ora!