A tu per tu con Windows 11: le prime impressioni

Alcune modifiche potrebbero richiedere un po' di tempo per abituarsi, ma in questa prima versione preview Windows 11 mette in mostra alcuni miglioramenti dell'interfaccia a tutto vantaggio dell'efficienza.

Windows 11

Al momento di scrivere, Windows 11 è disponibile in versione preview ed è ben lungi dall’essere completo; questa fase della distribuzione è in genere focalizzata sull’assicurare la compatibilità dell’hardware e delle applicazioni. La maggior parte delle mie macchine desktop più recenti non potranno ancora eseguire Windows 11 perché non sono state configurate con i Trusted Platform Modules (TPM) 2.0 attivati (la soluzione è comunque semplicissima) o con il Secure Boot abilitato (una soluzione molto più complicata).

Tuttavia, sono stato in grado di caricare l’anteprima di Windows 11 sul mio desktop Dell OptiPlex 7070 Ultra con successo e senza problemi. Se volete (e potete) provare anche voi Windows 11, vi suggerisco di scaricarlo durante la notte, poiché l’aggiornamento richiede diverse ore per essere completato.

Ecco le mie prime impressioni.

Interfaccia utente

ADV
Trusted Cybersecurity Bitdefender

Sanità in Italia, i sei pilastri per una cybersecurity più efficiente

Il settore è tra i più esposti, come dimostra l’attacco ransomware alla Regione Lazio. Una ricerca Bitdefender nel rapporto Clusit evidenzia gli elementi su cui è più urgente lavorare LEGGI TUTTO

La barra delle applicazioni di Windows 11 sembra un mix aggiornato della barra delle applicazioni di Windows 10 e del dock di macOS senza le animazioni. L’apertura dell’indice delle applicazioni è simile in pratica, ma il risultato è molto diverso e molto più vicino a quello che vedreste su uno smartphone: le app che usate di più sono presentate in una griglia alfabetica e non in un elenco come nelle versioni precedenti di Windows. Questa modifica ha reso molto più veloce trovare applicazioni specifiche rispetto a prima.

Passare all’elenco completo delle app è semplice e veloce, ma è un passaggio in più rispetto all’elenco di app predefinito che avevamo prima. Come per l’elenco delle app predefinite, l’effetto complessivo è più vicino a quello a cui siamo abituati su uno smartphone. Una volta che vi sei abituati a questo nuovo layout, sembra tutto più efficiente.

Le impostazioni non vengono visualizzate immediatamente quando si preme l’icona di Windows, che è ancora a sinistra ma ora centrata con le altre icone delle app nella barra delle applicazioni. Le icone sulla mia schermata iniziale e il mio sfondo sono rimaste invariate. Una volta aperto Impostazioni, tuttavia, il layout è significativamente diverso e inizialmente potrebbe essere necessario un po’ di tempo per trovare dove si è spostata l’impostazione desiderata.

Detto questo, le impostazioni che guardo più spesso, come gli aggiornamenti software, erano in bella vista e non nascoste in un sottomenu, riducendo il tempo per accedervi. Come con gli elenchi delle app, una volta che vi sarete abituati al nuovo layout delle Impostazioni, probabilmente lo troverete più efficiente da usare.

Integrazione con lo smartphone

L’app di integrazione per smartphone di Microsoft (Il tuo telefono) funziona su questa build iniziale e fa un buon lavoro nel fornire una visualizzazione su schermo di alcune delle funzionalità principali del telefono come messaggi e telefonate. Dovrebbe avere anche una funzione musicale, che attualmente però sembra essere disabilitata. Ho apprezzato il fatto che si possa trascinare nella posta elettronica una foto dall’interfaccia desktop del tuo PC. L’app è più facile da usare e più utile dell’ultima volta che l’ho usata.

Prestazioni

Durante questa primissima fase della distribuzione, la piattaforma in genere non è ancora ottimizzata per offrire chissà quali prestazioni. Tuttavia, non ho notato alcun rallentamento sul mio PC Dell e questa mancanza di indecisioni nelle performance generali suggerisce che potrebbe esserci solo un leggero aumento delle prestazioni man mano che ci avviciniamo alla release definitiva.

Concludendo: Mah…

Sebbene ci siano stati piccoli miglioramenti, non c’è stato nulla in Windows 11 che mi abbia sorpreso davvero. Ma ciò era previsto in questa prima fase, che si concentra principalmente sulla compatibilità hardware/software e non è ancora completa. Questa fase del test non dovrebbe infatti essere qualcosa di “eccitante”, ma dovrebbe semplicemente funzionare e Windows 11 ha funzionato in modo pressoché impeccabile.

L’aggiornamento da Windows 10 è andato liscio e non si sono verificati errori, le mie app principali hanno funzionato bene e l’app Il tuo telefono ha mostrato un deciso miglioramento dell’usabilità. Tornerà sull’argomento man mano che il prodotto sarà più completo di funzionalità, ma per ora non vedo alcun problema significativo oltre alla nota necessità di un TPM aggiornato e del Secure Boot.

Chiunque utilizzi un PC aziendale che abbia meno di tre anni, configurato con TPM 2.0 e con Secure Boot abilitato dovrebbe avere un’esperienza simile alla mia. I requisiti del TPM 2.0 e del Secure Boot per Windows 11 dovrebbero portare a molti più PC sicuri, anche perché molti PC supportano tali tecnologie che però non vengono abilitate. Altri sistemi dovranno essere sostituiti, anche se non necessariamente subito: il supporto a Windows 10 infatti continuerà almeno fino al 2025.

Con il significativo aumento degli attacchi ransomware, rimandare a data da destinarsi tutto ciò che aumenta la sicurezza dei PC comporta un rischio intrinseco e potrebbe essere quindi più saggio passare a Windows 11 il prima possibile e non attendere troppo. Tuttavia, per la distribuzione in azienda, è consigliabile aspettare almeno due mesi dopo il rilascio generale per assicurarsi che i nuovi problemi vengano identificati e corretti prima dell’installazione. Spesso un buon momento per un aggiornamento come questo è durante le vacanze, dove eventuali problemi avranno un impatto minimo sulla produttività.

Nota finale. Quando ho controllato le funzionalità di sicurezza dopo l’installazione di Windows 11, erano state disattivate e ho dovuto attivarle manualmente. Controllate quindi queste funzionalità se avete intenzione di scaricare e installare questa build. L’ironia di installare una versione più sicura di Windows 11 solo per scoprire che la sicurezza è disattivata è un paradosso mica da ridere.

Se questo articolo ti è stato utile, e se vuoi mantenerti sempre aggiornato su cosa succede nell’industria ICT e ai suoi protagonisti, iscriviti alle nostre newsletter:

CWI: notizie e approfondimenti per chi acquista, gestisce e utilizza la tecnologia in azienda
CIO:
approfondimenti e tendenze per chi guida la strategia e il personale IT
Channelworld: notizie e numeri per distributori, rivenditori, system integrator, software house e service provider

Iscriviti ora!