Microsoft finisce sotto tiro in Europa per il bundle di OneDrive

Nextcloud e altre 29 società hanno firmato un reclamo contro il bundle da parte di Microsoft dell’app di OneDrive con Windows 10 e 11, affermando che è quasi impossibile per gli utenti scegliere altri servizi di condivisione file.

onedrive

Il fornitore di servizi di file hosting Nextcloud, sostenuto da altre 29 società europee, ha presentato una denuncia all’Unione Europea e alle autorità antitrust tedesche contro Microsoft per quello che viene chiamato comportamento anticoncorrenziale relativo all’offerta di cloud storage di OneDrive.

Nella denuncia, Nextcloud, azienda con sede in Germania che per l’occasione ha formato la cosiddetta Coalition for a Level Playing Field, ha dichiarato alla Commissione Europea (CE) che Microsoft sta inserendo in modo aggressivo OneDrive, Teams e altri servizi all’interno di Windows 10 e 11.

“La combinazione di un sistema operativo dominante come Windows con l’offerta di OneDrive rende quasi impossibile ad altri servizi SaaS competere”, ha affermato Nextcloud in un post. “Ciò dimostra pratiche anticoncorrenziali sulla base del dominio di mercato di Windows”.

ADV
Trusted Cybersecurity Bitdefender

Sanità in Italia, i sei pilastri per una cybersecurity più efficiente

Il settore è tra i più esposti, come dimostra l’attacco ransomware alla Regione Lazio. Una ricerca Bitdefender nel rapporto Clusit evidenzia gli elementi su cui è più urgente lavorare LEGGI TUTTO

Frank Karlitschek, CEO e fondatore di Nextcloud, ha anche sottolineato che negli ultimi anni Microsoft, Google e Amazon hanno aumentato le loro quote fino al 66% del mercato europeo totale, mentre quelle dei fornitori di software e servizi europei locali sono scese dal 26% al 16%.

“Il comportamento di Microsoft con OneDrive è al centro di questo drammatico livello di crescita dei giganti tecnologici globali in Europa”, ha affermato Karlitschek. “Si tratta di una questione che dovrebbe essere affrontata senza ulteriori indugi. Altre aziende Big Tech stanno mostrando comportamenti simili. La Commissione europea dovrebbe prendere posizione in questo contesto. Anche perché il mercato dei servizi cloud è generalmente riconosciuto di importanza strategica per lo sviluppo del settore digitale globale nell’UE”.

Un portavoce di Microsoft ha affermato in una risposta via e-mail a Computerworld che l’azienda rende facile per le persone selezionare e utilizzare altre opzioni di cloud storage al posto o in aggiunta a OneDrive. “Le persone si aspettano che i sistemi operativi moderni forniscano funzionalità di archiviazione cloud sicure e affidabili sia che utilizzino un computer, un tablet o uno smartphone di qualsiasi provider”, ha affermato il portavoce di Microsoft. “Ciò consente alle persone di accedere ai propri file da più dispositivi e mantenere i documenti e le foto al sicuro se un dispositivo si rompe”.

micorsoft onedrive

Nextcloud, in nome delle condizioni di parità, chiede all’UE sia di impedire a Microsoft di offrire in bundle, preinstallare o spingere i suoi servizi in Windows 10 e 11, sia di sostenere standard aperti e interoperabilità che rendano possibile una migrazione facile. “Ciò offrirebbe ai consumatori una scelta libera”, ha affermato il gruppo guidato da Nextcloud. “Vogliamo che il governo agisca e costringa Microsoft a consentire condizioni di parità”.

Questa non è la prima volta che Microsoft è stata accusata di pratiche anticoncorrenziali negli ultimi mesi. A giugno, Slack ha presentato una denuncia anti-trust alla Commissione europea sostenendo che Microsoft ha legato illegalmente Teams a Office (la suite di produttività dominante sul mercato), cosa che ha costretto milioni di persone a installare Teams.

“Slack vuole semplicemente una concorrenza leale e condizioni di parità. Una sana concorrenza guida l’innovazione e crea i prodotti migliori e la scelta più ampia per i clienti”, si legge nella nota ufficiale di Slack rilasciata a giugno. Nextcloud ha anche sottolineato nel suo post che l’attuale comportamento anticoncorrenziale di Microsoft ricorda ciò che accadde alla fine degli anni ’90, quando il colosso di Redmond aggiunse Internet Explorer in Windows “distruggendo così il suo principale concorrente nel mercato dei browser web, ovvero Netscape”.

The Document Foundation, conosciuta per la sua suite di produttività gratuita e open source LibreOffice, è tra le 29 organizzazioni europee che hanno aderito alla denuncia di Nextcloud. Lothar Becker, presidente del consiglio di amministrazione di The Document Foundation, ha affermato in una dichiarazione che i cittadini europei dovrebbero essere in grado di decidere autonomamente sugli strumenti digitali che utilizzano per creare, archiviare e condividere contenuti, incluso un formato di documento aperto per i propri file.

“Le azioni delle Big Tech, basate sul loro potere di monopolio nei sistemi operativi, costringono i consumatori a utilizzare software proprietario e ciò riduce la loro libertà e i loro diritti digitali”, ha affermato Becker. “Sosteniamo quindi convintamente la denuncia per questo comportamento anticoncorrenziale e sollecitiamo l’UE ad agire immediatamente”.

Se questo articolo ti è stato utile, e se vuoi mantenerti sempre aggiornato su cosa succede nell’industria ICT e ai suoi protagonisti, iscriviti alle nostre newsletter:

CWI: notizie e approfondimenti per chi acquista, gestisce e utilizza la tecnologia in azienda
CIO:
approfondimenti e tendenze per chi guida la strategia e il personale IT
Channelworld: notizie e numeri per distributori, rivenditori, system integrator, software house e service provider

Iscriviti ora!

AUTORELucas Mearian
FONTEComputerworld.com
Lucas Mearian
Senior Reporter a Computerworld.com Lucas scrive per Computerworld riguardo le tecnologie per i servizi finanziari (tra cui la blockchain), l'utilizzo dell'informatica nella sanità e sull'utilizzo enterprise delle tecnologie mobile, per quanto riguarda hardware, softweare, la gestione centralizzata dei dispositivi mobili aziendali e le problematiche relative alla cybersecurity. Pubblichiamo le traduzioni dei suoi articoli in virtù dell'accordo di licenza con l'editore americano IDG Communications. E' su Twitter come @LucasMearian