Le app Android stanno arrivando su Windows 11… per modo di dire

Microsoft non ha ancora comunicato una finestra temporale precisa per quando la versione stabile di Windows 11 aggiungerà la funzionalità delle app Android.

windows 11

Microsoft ha dichiarato nei giorni scorsi che un piccolo numero di app Android inizierà a essere implementato come parte di una nuova versione beta di Windows 11, aggiungendo una funzionalità che l’azienda ha promesso alla presentazione del nuovo sistema operativo ma che non era disponibile al momento del suo lancio il 5 ottobre.

Circa 50 delle nuove app Android saranno rese disponibili tramite Microsoft e Amazon, incluse app come Lords Mobile, June’s Journey, Amazon Kindle e Khan Academy Kids. Queste e altre app stanno arrivando sulla base di un accordo un po’ contorto, secondo cui le app saranno fornite dall’Amazon AppStore Preview (a sua volta un’applicazione vera e propria), che si trova all’interno di Windows Store.

La tecnologia, fornita da Intel, creerà un sottosistema Windows per Android più o meno allo stesso modo in cui Windows crea già un sottosistema Windows per Linux (WSL2). In sostanza, gli utenti eseguiranno le app all’interno di un ambiente virtualizzato Android Open Source Project versione 11.

ADV
HP Wolf Security

Il perimetro aziendale oggi passa dalla casa dei dipendenti

Metà dei dipendenti usa il PC anche per scopi personali e il 30% lascia che venga utilizzato da altri famigliari. La tua cybersecurity è pronta per le sfide del lavoro remoto? LEGGI TUTTO >>

Gli utenti saranno in grado di spostare e aggiungere app Android al menu Start o alla barra delle applicazioni, interagire con esse tramite pennino, mouse o touch e ricevere anche le notifiche. Il tutto assomiglia molto al modo in cui è possibile interagire con le app Linux come parte dell’ambiente WSL2, o a come le app Android possono essere controllate in remoto tramite l’app Your Phone Companion per Windows.

Microsoft non ha ancora specificato quando queste nuove app Android arriveranno sulla versione stabile di Windows 11. Richiederanno certamente una nuova build di Windows 11 dal Beta Channel e, al momento, queste nuove app sono disponibili solo per i clienti statunitensi.

Microsoft ha realizzato una breve guida su come abilitare le nuove app Android su Windows 11.

  • Il vostro PC deve essere eseguire Windows 11 (build della serie Build 22000.xxx) e soddisfare questi requisiti hardware.
  • Potrebbe essere necessario abilitare la virtualizzazione per il BIOS/UEFI del PC. Cliccate qui per una guida su come abilitarlo sul vostro PC.
  • La regione del vostro PC deve essere impostata sugli Stati Uniti
  • Il vostro PC deve essere inscritto al Beta Channel. Se non conoscete il programma Windows Insider, fate clic qui per iniziare con la registrazione e far entrare vostro PC nel Beta Channel
  • Dovrete anche disporre di un account Amazon con sede negli Stati Uniti per utilizzare Amazon Appstore

Al momento di scrivere, tuttavia, la nuova build che forniva l’accesso alle app Android non era immediatamente disponibile. Microsoft inoltre non fornirà l’accesso alle app Android (almeno per ora) al Dev Channel, che opera su una base di codice leggermente diversa dai canali stabili o Beta. Infine, Microsoft avverte che dovrete disattivare eventuali ad blocker per consentire il funzionamento dei download.

Se questo articolo ti è stato utile, e se vuoi mantenerti sempre aggiornato su cosa succede nell’industria ICT e ai suoi protagonisti, iscriviti alle nostre newsletter:

CWI: notizie e approfondimenti per chi acquista, gestisce e utilizza la tecnologia in azienda
CIO:
approfondimenti e tendenze per chi guida la strategia e il personale IT
Channelworld: notizie e numeri per distributori, rivenditori, system integrator, software house e service provider

Iscriviti ora!

AUTOREMark Hachman
FONTEPcworld.com
Mark Hachman
Senior Editor di PC World.com In qualità di Senior Editor dell'edizione americana di PCWorld, Mark scrive principalmente notizie e approfondimenti su Microsoft e le tecnologie dei microprocessori, oltre ad altri argomenti. In passato ha lavorato per PCMag, ExtremeTech, BYTE, Slashdot, eWEEK e ReadWrite. Pubblichiamo le traduzioni dei suoi articoli in virtù dell'accordo di licenza con le testate di IDG Communications. Lo trovate su Twitter come @markhachman