State pianificando l’aggiornamento a Windows 11? Non abbiate fretta

Con la data di lancio del 5 ottobre a meno di un mese di distanza, è tempo di pensare a come pianificare il passaggio da windows 10 a Windows 11. Un consiglio? Non abbiate fretta.

La data è stata annunciata: Microsoft inizierà a offrire Windows 11 il 5 ottobre ai computer che soddisfano pienamente i suoi requisiti hardware. Ma dovreste aggiornare subito? Con Windows 11, la decisione non è così chiara e scontata.

Potrebbe sembrare strano, ma una volta i clienti si mettevano in fila durante la notte presso il negozio di tecnologia locale per ottenere una copia dell’ultima e migliore versione del sistema operativo di Microsoft. Ora che possiamo aggiornare l’OS direttamente da casa (supponendo che si abbia l’hardware giusto), il mio consiglio è di aspettare. È meglio infatti assicurarsi sia che tutti i bug principali siano stati corretti prima di installare Windows 11, sia che i fornitori lo supportino.

Con il software odierno, tutto, dai sistemi operativi ai dispositivi Internet of Things, necessita di un aggiornamento immediato per funzionare come pubblicizzato come nel caso di Windows Server 2022, che ha avuto bisogno di un recente aggiornamento cumulativo per correggere diversi bug.

ADV
Webinar Finanziamenti a fondo perduto PNRR NextGen EU

L’IT as-a-service e le opportunità dei finanziamenti PNRR e NexGen EU

Come il modello IT as-a-Service e i finanziamenti NextGen EU e PNRR possono essere gli strumenti giusti per erogare i servizi digitali richiesti dal business e dal mercato.      ISCRIVITI ORA >>

Non sono però solo i bug iniziali (inevitabili) che mi impediranno di implementare Windows 11 sui pochi sistemi che ho che lo supporteranno. Più di ogni altra cosa, devo assicurarmi che il software chiave su cui baso la mia attività supporterà qualsiasi nuova versione dell’OS. Ecco cosa tengo d’occhio prima di qualsiasi aggiornamento.

Innanzitutto, controllo se il mio software antivirus supporta tutto ciò che mi preparo a installare. Mi affido a Microsoft Defender, poiché ritengo che supporterà il sistema operativo fin dal giorno del rilascio. Ho rilevato problemi in passato quando l’antivirus di fornitori di terze parti non supportava una versione di Windows il primo giorno e causava problemi. Quindi controllate l’antivirus che usate e assicuratevi che sia completamente aggiornato o disinstallatelo se prevedete di eseguire l’aggiornamento a Windows 11.

Successivamente, controllo la mia suite Office per vedere se supporterà Windows 11. Ho un abbonamento a Microsoft 365, quindi so che sarà supportato. Ma alcune vecchie suite di Office potrebbero non essere più supportate e, in particolare, non supportare più servizi online come Microsoft 365 o Office 365. A partire dal 1 novembre, solo Outlook 2013 SP1 e versioni successive si connetteranno a Microsoft 365 e Office 365.

Quindi controllo le applicazioni che utilizzo quotidianamente per i miei PC o per i computer dell’ufficio. Ho già ricevuto notifiche dai fornitori della mia linea di business che non supporteranno Windows 11 per diversi mesi dopo il rilascio. Ad esempio, Commerce Clearing House (un produttore di software per la gestione delle tasse) ha indicato che non supporterà Windows 11 per la prossima stagione di preparazione delle tasse che inizia nel febbraio 2022 e durerà fino al 15 aprile.

Microsoft ha già iniziato a implementare un aggiornamento facoltativo (KB5005101) a Windows 10 rilasciato il 1° settembre che consente di bloccare la prossima versione di Windows 11. Come nota Microsoft nelle note di rilascio, “l’aggiornamento aggiunge il criterio Versione prodotto di destinazione, con il quale gli amministratori possono specificare il prodotto Windows su cui desiderano che i dispositivi migrino o rimangano (ad esempio, Windows 10 o Windows 11).”

In particolare, Microsoft ha aggiunto alle impostazioni dei criteri di gruppo un nuovo valore nella versione Seleziona aggiornamento funzionalità di destinazione. Prima dell’aggiornamento, l’impostazione aveva solo un valore per l’impostazione della Versione di destinazione per gli aggiornamenti delle funzionalità. Una volta installato l’aggiornamento di anteprima, il cambiamento delle impostazioni consente di scegliere come target Windows 10 o Windows 11.

Fondamentalmente, i criteri di gruppo sono stati ampliati per indirizzare sia la versione di rilascio delle funzionalità che la versione specifica del prodotto Windows. Pertanto, se avete Windows 10 e volete rimanere su Windows 10 per il prossimo futuro, fate clic sulla casella di ricerca e digitate modifica criteri di gruppo. Quindi, scorrete verso il basso fino a Configurazione computer, quindi a Modelli amministrativi, quindi Componenti di Windows> Windows Update> Windows Update for Business. Trovate l’impostazione per Seleziona la versione di aggiornamento delle funzionalità di destinazione. Fate clic su abilitato, inserire la versione del prodotto nella prima casella (Windows 10) e quindi la versione di rilascio della funzione che si desidera mantenere.

Windows 10 Home non può eseguire i criteri di gruppo, quindi dovrete utilizzare una chiave di registro. Esistono due chiavi di registro utilizzate per mantenere un computer su Windows 10. ProductVersion è un REG_SZ con un valore di dati di Windows 10. La seconda chiave di registro imposta la versione di rilascio della funzionalità in cui si desidera mantenere il sistema. Pertanto bisogna aggiungere TargetReleaseVersion con un Reg_dword di 1 e TargetreleaseVersionInfo con un valore REG_SZ della versione di Windows 10 che volete continuare a eseguire, ad esempio 21H1.

Il risultato sarebbe il seguente:

Editor del registro di Windows versione 5.00

[HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Policies\Microsoft\Windows\WindowsUpdate] “TargetReleaseVersion”=dword:00000001
“ProductVersion”=”Windows 10”
“TargetReleaseVersionInfo”=”21H1”

Se si desidera un modo più semplice per impostare questo valore, è possibile utilizzare questo link per impostare il valore su Windows 10 con la versione 21H1 o questo link per impostare il valore per la versione 21H2 di Windows 10. Microsoft ha indicato che se si dispone di hardware non ufficialmente supportato, è possibile utilizzare un’ISO per installare Windows 11, che però potrebbe non ricevere aggiornamenti di sicurezza in futuro.

In conclusione, se il vostro sistema non è in grado di supportare Windows 11, non provate a installarlo. Se invece il vostro sistema può essere aggiornato a Windows 11, decidete con giudizio quando (o se) dovreste aggiornare. E usate le indicazioni dei vostri fornitori per decidere quando è il momento migliore per passare al nuovo OS.

Se questo articolo ti è stato utile, e se vuoi mantenerti sempre aggiornato su cosa succede nell’industria ICT e ai suoi protagonisti, iscriviti alle nostre newsletter:

CWI: notizie e approfondimenti per chi acquista, gestisce e utilizza la tecnologia in azienda
CIO:
approfondimenti e tendenze per chi guida la strategia e il personale IT
Channelworld: notizie e numeri per distributori, rivenditori, system integrator, software house e service provider

Iscriviti ora!