windows 7

Ieri Microsoft ha confermato che, nonostante alcune recenti voci di corridoio che parlavano di un’offerta a tempo indeterminato, l’upgrade gratuito a Windows 10 per chi proviene da Windows 7 o Windows 8.1 terminerà come previsto il 29 luglio. Dal 30 luglio in poi chi vorrà passare a Windows 10 dovrà acquistare una nuova licenza al prezzo di 149 euro per la versione Home e di 279 euro per quella Pro.

Una conferma, questa di Microsoft, che si spiega soprattutto con la volontà di Redmond di accontentare i suoi partner OEM (soprattutto Dell, HP e Lenovo), che con il termine dell’aggiornamento gratuito avranno più possibilità di vendere nuovi dispositivi con Windows 10. Inoltre, nonostante il picco di installazioni registrato a gennaio, l’adozione di Windows 10 non sembra beneficiare più di tanto dell’upgrade gratuito e dopo oltre 9 mesi la maggior parte di chi voleva aggiornarsi gratuitamente al nuovo SO lo ha già fatto.

Microsoft ha poi annunciato che ad oggi il suo apprezzato sistema operativo è installato su 300 milioni di dispositivi in tutto il mondo. Un traguardo importante per l’obiettivo di Redmond di raggiungere a fine 2018 una diffusione di Windows 10 su un miliardo di device.

Oltre al dato dell’installato di Windows 10, Microsoft ha fornito anche altri numeri sul successo che sta riscuotendo il nuovo SO e tutto ciò che ruota attorno a esso. Solo nel mese di marzo ad esempio Microsoft Edge, che pure deve ancora raggiungere importanti quote di mercato, è stato usato per oltre 63 miliardi di minuti, il doppio rispetto al trimestre precedente.

Dal 30 luglio in poi chi vorrà passare a Windows 10 dovrà acquistare una nuova licenza 

Dal momento del lancio di Windows 10 l’assistente digitale personale Cortana ha risposto a oltre 6 miliardi di domande, mentre dallo scorso 29 luglio le persone giocano con una frequenza mai vista prima; sono state registrate infatti oltre 9 miliardi di ore trascorse a giocare su PC e altri device con Windows 10. Le applicazioni che accompagnano Windows 10 come Photos, Groove Music, e Movies&TV contano milioni di utenti attivi ogni mese, inclusi più di 144 milioni di persone che utilizzano Photos.

Il Windows Store continua inoltre a crescere ogni giorno con nuove app della Universal Windows Platform, quali Facebook, Instagram, e Facebook Messenger e app UWP aggiornate come Vine, Hulu, Netflix and Twitter, per non dimenticare giochi per PC molto popolari come Rise of the Tomb Raider e Quantum Break.

Questi dati ufficiali di Microsoft arrivano qualche giorno dopo le ultime stime più conservative di NetApplications, che aveva previsto il raggiungimento di 300 milioni di dispositivi con Windows 10 a fine giugno e un numero attuale di device pari a 259 milioni. Microsoft, che nel corso dell’estate rilascerà il ricco aggiornamento Anniversary Update, può insomma ritenersi soddisfatta dell’andamento di Windows 10, che nel prossimo mese potrebbe raggiungere il 20% di market share tra tutti i sistemi operativi desktop.

(aggiornamento 13/05: il prezzo di Windows 10 Home indicato nell’articolo è stato modificato da 135 a 149 euro. Ci scusiamo per l’errore commesso)

 

WHITEPAPER GRATUITI