La crescita di Windows 10 è rallentata in modo significativo in settembre, ma entro la fine del mese il nuovo sistema operativo era utilizzato da circa 110 milioni di utenti. Secondo i dati rilasciati daNet Applications, l’user share di Windows 10 (ovvero la misura degli utenti unici che utilizza il sistema operativo quando è online) è arrivato a quota 6,6% nel mese di settembre, crescendo di 1,4 punti percentuali, contro la crescita record di 4,8 punti percentuali di agosto.

Microsoft ha rilasciato Windows 10 il 29 luglio, quindi settembre è il secondo mese completo per l’aggiornamento da Windows 7 o Windows 8.1.

pc windowsWindows 10 ha rappresentato il 7,3% di tutti i dispositivi Windows nel mese di settembre, un numero leggermente superiore della quota user share perché Windows alimentato “solo” il 90,5% dei sistemi conteggiati da Net Applications. Nel mese di settembre, la quota di Windows 10 di tutti i dispositivi di Windows è salita di 1,6 punti percentuali.

Gli ultimi dati diffusi da Microsoft sul download Windows 10 risalgono alla fine di agosto, quando la società ha dichiarato che il sistema operativo era installato su 75 milioni di dispositivi in tutto il mondo.

Nonostante il rallentamento, Windows 10 ha ottenuto migliori prestazioni di Windows 7 durante un periodo analogo. Nel 2009, l’allora nuovo sistema operativo aveva raggiunto una quota del 6,2% di tutti i personal computer Windows nel secondo mese dal lancio, più di un punto sotto Windows 10 nello stesso momento post-lancio.

Con circa 110 milioni di dispositivi con sistema operativo Windows 10, Microsoft è vicina alla quota del 7%, ovvero all’obiettivo di installare il sistema operativo su 1,5 miliardi di dispositivi entro la metà del 2018.