Windows 10 1803 è enterprise-ready a tempo di record

L'intervallo di 45 giorni tra il lancio dell’aggiornamento di funzionalità di Windows 10 1803 per gli utenti consumer e l'annuncio del suo stato enterprise-ready è stato il più breve di sempre nella storia di Windows 10.

Windows 10 1803

Microsoft ha annunciato nelle scorse ore che l’aggiornamento di funzionalità di Windows 10 1803 è pronto per le aziende, facendo così segnare la transizione più veloce per un feature update del sistema operativo dalla release consumer a quella enterprise-ready.

Windows 10 1803 (detto anche Windows 10 April Update) è stato ufficialmente rilasciato il 30 aprile e l’intervallo di 45 giorni tra il lancio e la sua certificazione enterprise-ready è stato il più breve nella storia di Windows 10. La dichiarazione di idoneità aziendale ha infatti infranto il record precedente, fissato dall’aggiornamento 1709 86 giorni dopo il suo debutto nell’ottobre 2017.

Microsoft ha attribuito un tale progresso anche all’intelligenza artificiale. “Il nostro approccio in chiave A.I. ci ha permesso di individuare rapidamente i problemi durante l’implementazione dell’aggiornamento delle funzionalità, e come risultato, ci ha anche permesso di procedere più rapidamente in modo responsabile”, ha affermato John Cable di Microsoft. “Tra l’altro l’aggiornamento dell’aprile 2018 è ufficialmente la versione più veloce di Windows 10 ad aver raggiunto 250 milioni di dispositivi e lo ha fatto in meno della metà del tempo impiegato dal Fall Creators Update dello scorso autunno”.

Un altro motivo per la tempistica più breve è stata una progressiva e generale riduzione dei problemi e dei bug di Windows 10 con gli ultimi aggiornamenti soprattutto per la stabilità dei driver, storicamente il principale punto debole nella migrazione di Windows 10 alla versione più recente.

Solo perché Microsoft ha dato il via libera al passaggio delle aziende verso Windows 10 1803, non significa comunque che le organizzazioni debbano eseguire immediatamente l’aggiornamento. Lo stesso Cable ha dichiarato che “gli amministratori IT possono decidere quando distribuire l’update su larga scala una volta convalidato che le app, i dispositivi e l’infrastruttura della propria organizzazione funzionano bene con questa versione.”