Microsoft ritira (per ora) il Windows 10 October 2018 Update

La distribuzione del Windows 10 October 2018 Update è momentaneamente sospesa a causa di un bug che potrebbe cancellare file e cartelle.

Windows 10 October 2018 Update

Microsoft sta frenando la distribuzione dell’aggiornamento Windows 10 October 2018 Update, l’aggiornamento di funzionalità disponibile da alcuni giorni (ma non ancora in modalità automatica). Nelle ultime ore infatti si stanno moltiplicando sul web le segnalazioni di utenti che, dopo l’installazione dell’update, si sono ritrovati di fronte all’eliminazione dal loro PC di una cospicua quantità di dati. In alcuni casi mancavano i profili utente e intere cartelle piene di file e il rollback dell’upgrade non è stato in grado di recuperare i file andati persi. Microsoft ha così deciso di interrompere temporaneamente la distribuzione a causa proprio di questo problema (che non è certo piccolo).

“Abbiamo sospeso l’implementazione Windows 10 October 2018 Update (versione 1809) per tutti gli utenti mentre analizziamo i rapporti isolati di utenti che hanno sottolineato la scomparsa di file e cartelle dopo l’installazione dell’aggiornamento”, si legge sulla pagina di supporto di Microsoft per la build 1809.

Fortunatamente, il problema è stato trovato prima del lancio di massa dell’update. Mentre infatti i più impazienti hanno potuto installare manualmente l’aggiornamento dal 2 ottobre tramite Windows Update, la distribuzione automatica dell’update sarebbe dovuta partire domani (martedì 9 ottobre) in concomitanza dell’abituale Patch Tuesday. “Se avete già scaricato manualmente il supporto di installazione dell’aggiornamento, non installatelo e attendete una nuova versione”, suggerisce il sito di supporto.

La distribuzione interrotta dell’aggiornamento non è tuttavia di alcuna consolazione per i primi utenti colpiti dal bug della cancellazione dei dati. Microsoft consiglia di rivolgersi al servizio clienti locale se l’aggiornamento di ottobre 2018 ha cancellato dei file.

Fare un backup è sempre cosa buona e giusta

“Ci sono tonnellate di rapporti su Feedback Hub sulla perdita di dati durante l’aggiornamento e non ne esce certo un quadro incoraggiante”, ha commentato su Twitter Rafael Rivera di Thurrott.com, pubblicando screenshot risalenti addirittura a tre mesi fa. I membri di Windows Insider che testano le build di anteprima delle imminenti versioni di Windows 10 utilizzano il Feedback Hub per segnalare bug e altri problemi che incontrano. Rivera osserva che, mentre ha trovato molte relazioni su questo problema, il tutto è passato quasi sotto silenzio, almeno fino ad adesso.

Questo problema porta alla ribalta l’importanza di eseguire il backup dei dati ogni volta che si esegue l’aggiornamento a una nuova versione di Windows 10. Gli update non sono tanto problematici quanto quelli dell’era pre-Windows 10, ma quando si modifica e si aggiorna il cuore di un sistema operativo c’è sempre una certa percentuale di rischi intrinseci. Quando Microsoft inizierà a distribuire su larga scala il Windows 10 October 2018 Update, questo particolare bug dell’eliminazione dei dati verrà corretto, ma sarà comunque consigliabile (e caldamente) eseguire il backup dei dati prima di effettuare l’aggiornamento.

Un consiglio però andrebbe dato anche a Microsoft. Il prompt di aggiornamento di Windows 10 non sottolinea mai i rischi insiti nell’installazione dei feature update come quello di ottobre e non rende evidente che si verificherà un “intervento chirurgico” molto invasivo per il sistema. Dal messaggio che compare in fase di installazione sembra infatti che l’utente debba solo aspettare un po’ più del solito per l’installazione e il riavvio di Windows 10, per poi essere ricompensato con cose nuove e interessanti. E a essere onesti è proprio quello che accade nella grande maggioranza dei casi.

A meno che qualcosa non vada però storto e un bug non cancelli enormi quantità di file. Come dimostra infatti il disastroso aggiornamento di questi giorni, c’è sempre una certa quantità di rischio insita nei feature update di Windows 10 e Microsoft deve renderne consapevoli gli utenti. I suggerimenti per l’upgrade hanno già un testo personalizzato e quindi tutto ciò che Microsoft dovrebbe fare è aggiungere la scritta “Prima di procedere, è consigliabile eseguire un backup dei dati” (o qualcosa del genere). Una manciata di parole in più può evitare parecchi grattacapi, soprattutto agli utenti meno esperti che, fidandosi ciecamente di Microsoft, mai si aspetterebbero che un aggiornamento tanto pubblicizzato possa arrecare simili e irreparabili danni.

WHITEPAPER GRATUITI

  • Computerworld Speciale Industria 4.0
    white paper

    Computerworld Italia – Speciale Industria 4.0

    Un PDF da scaricare per leggerlo comodamente su pc o tablet e avere sotto mano e in un unica soluzione le notizie, le analisi e gli approfondimenti sulla trasformazione in atto nel settore manifatturiero, da più parti definita "quarta rivoluzione industriale".
  • white paper

    Computerworld Italia – Speciale GDPR

    Un PDF da sfogliare online o scaricare per leggerlo comodamente su pc o tablet, per avere sotto mano e in un unica soluzione le notizie, le analisi e gli approfondimenti su come le aziende devono affrontare l'arrivo del GDPR.
  • white paper

    Computerworld Italia – Speciale Data Center

    Un PDF da sfogliare o scaricare su pc o tablet per avere sotto mano le notizie, le analisi e gli approfondimenti sulle principali tendenze dei Data Center: integrazione con il Cloud, approccio software-defined, ottimizzazione delle prestazioni energetiche e molto altro