Microsoft ha rilasciato oggi un nuovo update per la versione preview di Windows 10, ma ha avvisato gli utenti che hanno una scheda grafica o chipset AMD di stare in guardia: potrebbero subire “crash frequenti” mentre utilizzano il nuovo browser Edge.

La Build 10122 segue la precedente di tre settimane: un tempo tre volte più lungo degli intervalli tra le build 10074 e la precedente, ma più breve della media di 29 giorni che ha tenuto dallo scorso autunno, quando ha inziiato a diffondere le versioni preview al pubblico. Due mesi fa, Microsoft aveva promesso di aumentare il ritmo di aggiornamento, e da allora ne ha rilasciato uno ogni 16 giorni, in media.

Gabriel Aul, general manager dello sviluppo nel gruppo Sistemi Operativi di Microsoft, ha elencato i miglioramenti della build 10122, ma prima ha evidenziato un bug importante.

“Se state usando una scheda grafica AMD, o un computer con chipset integrato AMD, probabilmente incorrerete in frequenti bug utilizzando Microsoft Edge, ha scritto in un post su un blog aziendale. Edge è il nome ufficiale del nuovo browser precedentemente conosciuto con il nome di Project Spartan, che in realtà viene ancora chiamato così in questa build. “Stiamo lavorando con AMD su una nuova versione dei driver che dovrebbero risolvere il problema, e aggiorneremo questo post non appena saranno rilasciati”.

Leggi anche: Edge: Microsoft dice addio ad Active X

Nel frattempo, gli utenti possono evitare il problema passando al percorso di aggiornamenti “lento”, che include update meno frequenti e più consolidati e che appunto “salterà” la build 10122.

La nuova finestra "Apri file" di Windows 10.

La nuova finestra “Apri file” di Windows 10.

Aul ha poi illustrato numerose modifiche a Windows 10, compresi alcuni miglioramenti del menu Start e della schermata Start, una nuova “pagina di tab” in Edge e una nuova modalità che il sistema utilizzerà per mappare un certo tipo di file all’applicazione associata.

Aul ha anche sottolineato che, in futuro, gli aggiornamenti dovrebbero limitarsi a mettere a punto i dettagli del nuovo sistema operativo, ma non apportare più grandi cambiamenti. “Da qui in avanti si vedrà un minor numero di nuove funzionalità o grandi cambiamenti, e molto più tuning, miglioramenti nella stabilità e una maggior pulizia dei dettagli”, ha concluso Aul.