Ecco perché Windows 10 assomiglia molto a Windows 7

Con l'arrivo di Windows 11 il 5 ottobre, Windows 10 potrebbe finire la sua carriera proprio come ha fatto Windows 7, come una sorta di vicolo cieco.

windows 10

Windows 10, originariamente presentato come una rottura rivoluzionaria rispetto al passato di Windows nel modo in cui veniva offerto agli utenti, potrebbe finire la sua onorata carriera nei prossimi anni un po’ come Windows 7. Sì, proprio Windows 7, l’immagine sputata della “tradizione” nella storia dei sistemi operativi di Microsoft.

Benvenuto Windows 11

Il catalizzatore per il passaggio di Windows 10 è il suo successore, Windows 11, il cui debutto è previsto per il 5 ottobre. Windows 11 avrà un proprio modello di manutenzione ottimizzato (un aggiornamento delle funzionalità all’anno con 36 mesi di supporto), che sostituirà quello vecchio di Windows 10.

Quando ha introdotto Windows 11 a giugno, Microsoft si è impegnata a dire ai clienti che avrebbe comunque rilasciato un aggiornamento delle funzionalità di Windows 10, denominato 21H2, questo autunno. “Continueremo a supportarvi durante l’utilizzo di Windows 10”, scriveva Wangui McKelvey, direttore generale di Microsoft 365, in un post del 24 giugno sul blog dell’azienda. La società ha anche detto ai suoi clienti che Windows 10 continuerà a ricevere supporto fino a ottobre 2025.

ADV
HP Wolf Security

Il perimetro aziendale oggi passa dalla casa dei dipendenti

Metà dei dipendenti usa il PC anche per scopi personali e il 30% lascia che venga utilizzato da altri famigliari. La tua cybersecurity è pronta per le sfide del lavoro remoto? LEGGI TUTTO >>

Windows 10 21H2 condividerà gli attributi degli ultimi due aggiornamenti della seconda metà dell’anno che Microsoft ha rilasciato, in quanto includerà poche nuove caratteristiche o funzionalità; così poche che verrà distribuito utilizzando i meccanismi di aggiornamento mensile anziché richiedere una sostituzione completa del sistema operativo.

Al di là di questi indicatori di continuità, Microsoft è rimasta a bocca chiusa su come supporterà Windows 10 per i prossimi quattro anni. Limiterà gli aggiornamenti alle correzioni di sicurezza mensili? Ci saranno nuove funzionalità nei futuri aggiornamenti dopo il feature update 21H2? Non lo sappiamo.

Microsoft dovrà fare qualcosa perché il supporto rimanente dovuto ai clienti si estende oltre il supporto fornito da eventuali aggiornamenti rilasciati o annunciati. Windows 10 21H2 Enterprise, salvo eventuali modifiche ai criteri di supporto di Windows 10, andrà in pensione a maggio 2024. Windows 10 21H2 Home e 21H2 Pro saranno supportati fino a maggio 2023.

windows 10

Se non vuole rilasciare aggiornamenti delle funzionalità dopo il 21H2 di quest’anno, tutto ciò che deve fare Microsoft è spostare le scadenze di supporto per le varie SKU a ottobre 2025. Né c’è nulla che impedisca a Microsoft di continuare a rilasciare aggiornamenti, anche se tali aggiornamenti offrono solo una manciata (o meno) di nuove funzionalità o caratteristiche, per colmare quel divario di supporto. In tal caso, l’aggiornamento finale Enterprise/Education sarebbe l’23H1, mentre l’ultimo aggiornamento Home/Pro potrebbe essere l’24H1 ed entrambi sarebbero supportati fino all’autunno del 2025.

Ciao, Windows 7!

Ma non è quello che ci aspettiamo che Microsoft faccia. Francamente, ciò andrebbe contro gli interessi dell’azienda. Quando termina il supporto per un suo prodotto, Microsoft in genere termina lo sviluppo su quel prodotto. Quando Microsoft ha lanciato un nuovo Internet Explorer (IE), ad esempio, ha continuato a correggere le versioni precedenti, ma non ha continuato ad aggiungere funzionalità alla vecchia edizione. I clienti dovevano eseguire l’aggiornamento alla versione più recente per avere le nuove feature.

Questo è ciò che accadrà quasi sicuramente a Windows 10. Perché Microsoft dovrebbe fare diversamente? Al momento della presentazione estiva di Windows 11, Windows 10 era morto, o almeno in un vicolo cieco, avendo raggiunto la massima quantità possibile di funzionalità integrate. Qualsiasi sforzo di sviluppo sarebbe stato dedicato a Windows 11, non al 10.

Per i prossimi quattro anni, Windows 10 riceverà aggiornamenti di sicurezza il secondo martedì di ogni mese. Ma funzionalità nuove? Altamente improbabile. Questo è esattamente il modello utilizzato per Windows 7 tra la fine del 2009 e l’inizio del 2020 ed è anche il modello storico di manutenzione del sistema operativo che Microsoft ha applicato fino al debutto di Windows 10 a metà del 2015.

Ironia della sorte, saranno questi prossimi anni che il metodo di manutenzione di Windows 10 diventerà ciò che alcuni utenti commerciali richiedevano anche prima del lancio del sistema operativo sei anni fa. Microsoft ha dato loro ciò che volevano sotto forma dell’edizione LTSB (Long-term Servicing Branch), successivamente modificata in LTSC.

Con il lancio di Windows 11, Microsoft si è piegata il più possibile alle pressioni commerciali, riducendo i rilasci di aggiornamento delle funzionalità a uno all’anno ed estendendo il supporto Enterprise/Education a 36 mesiPer coloro ancora insoddisfatti del modo in cui funziona la manutenzione di Windows, la soluzione semplice sarà quella di rimanere con Windows 10 e la sua nuova manutenzione simile a Windows 7 fino all’autunno del 2025 e, se Microsoft fornirà un supporto esteso come previsto da molti, fino al 2028.

Se questo articolo ti è stato utile, e se vuoi mantenerti sempre aggiornato su cosa succede nell’industria ICT e ai suoi protagonisti, iscriviti alle nostre newsletter:

CWI: notizie e approfondimenti per chi acquista, gestisce e utilizza la tecnologia in azienda
CIO:
approfondimenti e tendenze per chi guida la strategia e il personale IT
Channelworld: notizie e numeri per distributori, rivenditori, system integrator, software house e service provider

Iscriviti ora!

AUTOREGregg Keizer
FONTEComputerworld
Gregg Keizer
Senior Reporter a Computerworld.com Gregg Keizer segue per l'edizione americana di Computerworld i sistemi Windows, Office, l'utilizzo aziendale di tecnologie e prodotti Applei browser e le applicazioni web. Lo trovate su Twitter come @gkeizer. Pubblichiamo le traduzioni dei suoi articoli in virtù dell'accordo di licenza con l'editore americano IDG Communications.