Windows 10 Pro rappresenta un vicolo cieco per le aziende: lo afferma un report di Gartner firmato dagli analisti Stephen Kleynhans e Michael Silver. “Riducendo il supporto e limitando l’accesso alle funzionalità di gestione aziendale, riteniamo che Microsoft continuerà a posizionare Windows [10] Pro come una versione non appropriata per le aziende“, ha dichiarato Stephen Kleynhans, vicepresidente della ricerca di Gartner ed esperto di Windows.

In termini di caratteristiche, funzionalità e prezzo Windows 10 Pro rappresenta una via di mezzo tra la versione consumer Home e la versione Enterprise. Poiché le versioni Enterprise di Windows non sono mai state disponibili ai produttori di computer, la versione Pro – a volte, come in Windows 7, etichettata come “Professional” – è stata il sistema operativo generalmente preinstallato sui nuovi PC aziendali. Spetta ppi alle aziende aggiornarli alla versione Enterprise.

Ma anche se Pro o Professional hanno una lunga storia nelle aziende, le iniziative prese da Microsoft nella sua campagna di migrazione a Windows 10 portano a una separazione sempre più netta tra Pro ed Enterprise. Secondo Kleynhans, il divario è diventato incolmabile.

L’ultima novità sono state le modifiche introdotte al supporto di Windows 10. Lo scorso anno Microsoft ha annunciato un’estensione di sei mesi del supporto di Windows 10 1511, l’aggiornamento di novembre 2015, “per aiutare gli utenti che stanno ancora completando la transizione a Windows as a service”. A febbraio Microsoft ha aggiunto le versioni 1609, 1703 e 1709 – rilasciate, rispettivamente, a metà 2016, aprile 2017 e ottobre, alla lista di supporto estesa, fornendo a ciascuna 24 mesi di supporto, anziché i soliti 18.

Alcuni clienti hanno richiesto un’estensione del supporto standard di 18 mesi per le versioni di Windows 10”, aveva dichiarato all’epoca un dirigente di Microsoft.

C’è stato un problema: solo Windows 10 Enterprise (e Windows 10 Education) poteva ricevere i sei mesi di supporto supplementare. Agli utenti che eseguivano Windows 10 Pro era ancora richiesto di effettuare l’aggiornamento a una SKU (stock-keeping unit) successiva entro 18 mesi per continuare a ricevere patch di sicurezza e altre correzioni di bug.

Windows 10 Enterprise 1709, per esempio, e la sua “manutenzione supplementare” gratuita, esauriranno il supporto nell’ottobre 2019. Per Windows 10 Pro 1709, invece, il supporto terminerà il 9 aprile 2019.

Anche se l’estensione del supporto di sei mesi si è conclusa con l’aggiornamento 1803, distribuito alla fine del mese scorso, nel loro report Kleynhans e Silver affermano che Microsoft sta trattando Windows Pro come un cittadino di seconda classe.

I clienti che attualmente utilizzano Windows 10 Pro dovrebbero continuare a monitorare gli annunci sul ciclo di vita di Microsoft, perché alla fine dovranno investire budget in Windows 10 Enterprise”, hanno scritto gli analisti nella lista di suggerimenti alle aziende.

C’è un altro componente dell’attuale strategia del supporto di Windows 10, qualcosa che la società ha etichettato come “assistenza supplementare a pagamento“, che è fuori portata per chi utilizza Windows 10 Pro. Il supporto extra, che Microsoft venderà a un prezzo non divulgato, è disponibile solo per i clienti Enterprise ed Education.

L’assistenza supplementare a pagamento aggiunge 12 mesi ai 18 mesi forniti gratuitamente.

Le estensioni e l’opzione di supporto a pagamento si applicano solo alle versioni Enterprise e Education“, hanno spiegato Kleynhans e Silver nel loro report “Plan and Budget for Short Windows and Office Support Cycles Based on Microsoft’s February 2018 Announcements“, pubblicato da Gartner il mese scorso. “I clienti che utilizzano Windows 10 Pro continueranno a vedere la fine del supporto dopo 18 mesi. In questo modo Microsoft sta ulteriormente rafforzando il fatto che si aspetta che i clienti aziendali passino all’edizione Enterprise di Windows 10”.