Windows 8 e Windows 8.1 hanno superato per la prima volta Windows XP come percentuale di installato sui PC di tutto il mondo. Il sorpasso è avvenuto a maggio secondo l’ultimo report di Net Applications. Un dato che farà certamente felice Microsoft, non solo per il continuo e ormai inarrestabile calo di Windows XP (che comunque continua a rappresentare una buona fetta dell’ecosistema Windows), ma anche perché l’aumento di installazioni di Windows 8 e 8.1 è di buon auspicio in vista di Windows 10. Le percentuali riportate da Net Applications indicano un 18,06% di Windows 8/8.1 contro un 16,03% di Windows XP.

Ricordiamo, giusto per rinfrescare un po’ la memoria, che Windows XP è stato lanciato da Microsoft nel 2001 e il suo supporto da parte di Redmond è cessato più di un anno fa. Stiamo insomma parlando di un sistema operativo “giurassico”, considerando che al suo debutto Apple non avrebbe annunciato l’iPhone per altri cinque anni e che Google era ben lontano dal diventare ciò che è adesso. Dallo scorso aprile, con la fine del supporto di Microsoft, la percentuale di utenti di Windows XP è andata calando costantemente fino a dimezzarsi.

what-editions-power-windows-pcs-100588416-large.idge

Nel frattempo Windows 8 e 8.1 hanno fatto segnare il mese scorso la loro più alta percentuale di sempre, con la versione 8.1 rilasciata nel 2013 che rappresenta il 78% contro il 22% di Windows 8. A farla da padrone invece è ancora Windows 7, che a maggio poteva contare su un market share di oltre il 63%, mentre la sparuta presenza di Windows Vista è ormai prossima a estinguersi (siamo ormai a poco più del 2%).

Questi ultimi dati, come già accennato in precedenza, saranno visti di buon occhio da Microsoft. Più alta infatti è la percentuale di installazioni di Windows 7, 8 e 8.1, più elevata è anche la probabilità che questi utenti si aggiornino a Windows 10 gratuitamente entro il primo anno dall’uscita del nuovo sistema operativo di Redmond, che ricordiamo avere in mente l’ambizioso progetto di portare Windows 10 su un miliardo di dispositivi entro la fine di luglio 2018.

Contando che mancano ancora due mesi all’arrivo di Windows 10 sul mercato e che da qui al 29 luglio la percentuale di installato di Windows XP si abbasserà ulteriormente, il grande piano di Microsoft inizia decisamente con il piede giusto.