Il feedback sui social media nei confronti di Windows 10 ha visto comprensibilmente un enorme escalation dal 29 luglio e Adobe lo ha raccolto in un’analisi appena pubblicata andando a vedere come, dallo scorso mercoledì a oggi, il pubblico social abbia accolto il nuovo sistema operativo di Microsoft. L’analisi di Adobe si è basata su quanto osservato in diversi blog e nelle principali piattaforme social come Facebook, Instagram, Reddit, Tumblr e Twitter, rivelando un crescente scetticismo post 29 luglio nei confronti di Windows 10.

L’analisi di Adobe, basata sul oltre 3 milioni di commenti, ha raccolto gli stati d’animo degli utenti elencandoli sotto categorie come ammirazione, rabbia, anticipazione, disgusto, gioia, tristezza e sorpresa. Il 29 luglio Windows 10 ha raccolto il 49% di gioia e ammirazione, le due categorie più positive in assoluto. Il 30 luglio però questa percentuale è calata al 40%. La tristezza inoltre era solo al 29% il primo giorno del rilascio di Windows 10, per poi salire il giorno dopo al 35%.

adobe-buzz-index-for-win10-100600062-large.idge

Adobe ha attribuito a questi cambiamenti di umore dopo solo 24 ore a diversi fattori tra cui i primi bug scovati dagli utenti, i problemi in fase di installazione e di aggiornamento da Windows 7 e Windows 8.1, alcune pratiche di Microsoft non troppo chiare e persino un malware di tipo ramsomware diffusosi nei giorni scorsi tramite una falsa email da parte di Microsoft che invita proprio ad aggiornare a Windows 10.

Ad aver avuto il maggior impatto sulla percezione negativa degli utenti sono stati soprattutto i bug, anche se Adobe non è scesa nel dettaglio per descrivere quali problemi in particolare abbiano disturbato i nuovi utenti di Windows 10. Un quinto di questo indice di insoddisfazione è poi derivato dalla decisione di Microsoft di rendere Edge il browser web di default, tanto che moltissimi utenti hanno preferito continuare con Chrome o Mozilla come facevano prima dell’aggiornamento al nuovo sistema operativo.