A fine gennaio Microsoft ha rilasciato la tanto promessa versione preview di OneDrive for Business per OS X con cui, per la prima volta, si può mettere finalmente da parte il browser per accedere ai documenti aziendali e sincronizzare i file per un utilizzo offline su un Mac.

L’applicazione richiede la sottoscrizione a Office 365 per le aziende e può rimpiazzare in molti casi l’interfaccia utente del browser, l’unica disponibile prima di oggi per accedere ai file di OneDrive in ambiente OS X. La versione preview di OneDrive for Business per Mac si integra con il Finder sul modello di Dropbox e iCloud Drive. Però, diversamente da queste alternative e dalla versione consumer di OneDrive, OneDrive for Business si focalizza interamente sui documenti condivisi internamente dai dipendenti di un’azienda o tra loro e utenti esterni “invitati” alla condivisione, avendo così le stesse funzioni del client di OneDrive for Business per Windows 7, Windows 8 e Windows 8.1.

Una volta aggiunto al Finder, OneDrive for Business funziona come ogni altra cartella in locale o come qualsiasi client cloud sul modello di Dropbox, offrendo il drag-and-drop e l’apertura del file con un click come succede di solito in OS X. Computerworld ha provato brevemente OneDrive for Business su un Mac ed è riuscita in tutta facilità a sincronizzare localmente una libreria di Office 365 su un MacBook Pro, a caricare documenti nel cloud e ad aprire con il Finder quelli già esistenti.

Di contro né il client Windows, né quello OS X di OneDrive for Business permettono agli utenti di condividere cartelle; questa operazione infatti deve essere ancora fatta da un browser. Gli utenti di Office 365 Small Business, Midsize Business Enterprise hanno 1 TB di a disposizione per lo storage online, anche se a questi clienti Microsoft ha già in mente di offrire nel corso dell’anno uno spazio illimitato.

Contemporaneamente all’uscita di OneDrive for Business per OS X, Microsoft ha rilasciato anche una versione rinnovata di OneDrive per iOS, la cui principale novità consiste nel poter accedere da un’unica app ai file personali e a quelli di lavoro. OneDrive for Business per Mac richiede OS X 10.9.5 o successivo (Mavericks e Yosemite) e può essere scaricato dal sito di Microsoft. L’app gratuita per iOS è invece disponibile sull’App Store di Apple.