L’ambiente cross-platform Marzipan di Apple non arriverà quest’anno

Il progetto Marzipan di Apple ipotizzato a fine 2017 da Mark Gurman non arriverà quest'anno e, a meno che non siate sviluppatori, potreste non notare nemmeno il cambiamento quando questo avverrà.

marzipan

Se attendete con interesse e curiosità la prossima WWDC di Apple per scoprire finalmente la nuova strategia cross-platform di Apple per unire gli ecosistemi iOS-macOS, mettetevi il cuore in pace. Probabilmente non arriverà fino al prossimo anno e a meno che non siate sviluppatori impegnati in entrambi i sistemi operativi di Cupertino, potreste non notare nemmeno il cambiamento quando questo avverrà.

Le voci di una strategia multipiattaforma per le app macOS e iOS erano nate nientemeno che da Mark Gurman di Bloomberg, che nel dicembre dello scorso anno scriveva un articolo per illustrare i piani di Apple per offrire agli utenti un modo “di utilizzare un singolo set di app che funzionino ugualmente bene su tutta la famiglia di dispositivi Apple: iPhone, iPad e Mac.”

Conosciuto con il nome in codice di Marzipan, secondo Gurman questo ambiente di sviluppo multipiattaforma avrebbe permesso agli sviluppatori di “creare una singola applicazione in grado di funzionare tramite touch o mouse/trackpad a seconda che sia in esecuzione su iPhone e iPad o su Mac”.

Tuttavia, non sembra che questa “rivoluzione” di Apple arriverà entro quest’anno. Il noto blogger e sviluppatore John Gruber ha quasi escluso la speranza che la WWDC 2018 sarà il trampolino di lancio per questo “progetto dell’interfaccia multipiattaforma”. La novità che Apple comunque annuncerà non si chiamerà innanzitutto Marzipan (un nome effettivamente poco in stile Apple), ma soprattutto non sarà realmente multipiattaforma, almeno non nel modo in cui la maggior parte delle persone si aspetterebbe che fosse.

Come spiega Gruber, “l’idea generale è che piuttosto che scrivere codice procedurale classico (per esempio, creare un pulsante, configurare il pulsante e posizionare il pulsante nell’interfaccia di un’app), lo sviluppatore dichiari il pulsante e i relativi attributi utilizzando un’altra forma”.

Ciò farebbe molto per unificare l’esperienza di sviluppo e creare un punto di unione importante tra l’UIKit di iOS e l’AppKit di macOS, ma non significa necessariamente che saremo in grado di eseguire app iOS su Mac. Il sistema descritto da Gruber è progettato per incoraggiare gli sviluppatori a creare app multipiattaforma dando loro strumenti che rendano più semplice farlo, ma non offrono un modo per eseguire la vostra app iOS preferita su un Mac.

Resta il fatto che il 2019 si preannuncia come un anno molto importante per i Mac. Tra il lancio del nuovo Mac Pro modulare e ora questo nuovo framework per la progettazione di app, sviluppatori e consumatori hanno più di un motivo per essere entusiasti. Potrebbe però volerci un po’ perché il tutto arrivi a compimento.

Che impatto avrà questa novità per gli utenti Apple? Quando Gurman scrisse del progetto Marzipan, molti di noi si erano immaginati un sistema operativo simile all’esperienza multipiattaforma come quella Android-Chrome OS di Google, ovvero avviare un Chromebook e vedersi di fronte un Google Play Store con accesso completo a tutte le app Android da scaricare e installare come si fa con uno smartphone. Se però molte app si adattano bene a un’esperienza di utilizzo su laptop, la maggior parte non lo fa e si tratta quindi di un’esperienza riuscita a metà.

L’approccio di Apple è stato molto più equo e non c’è motivo di pensare che questo nuovo progetto possa cambiarlo. Le app che supportano entrambi i sistemi operativi possono già essere collegate e sincronizzate usando Continuity e Handoff (anche se con risultati alterni) e ciò dimostra come Apple voglia che i due ambienti interagiscano comunque l’uno con l’altro senza interruzioni e ostacoli. Se un giorno tutto ciò si concretizzerà in un unico dispositivo a cavallo di entrambi i mondi, resta da vedere, ma Marzipan (o come si chiamerà la novità di Apple) non sarà nulla di tutto ciò.

SOURCEIDGNS.com
CWI.it
Con 12 milioni di lettori in 47 paesi, Computerworld è la fonte di informazione e aggiornamento per tutti coloro che progettano, implementano o utilizzano la tecnologia in azienda.

WHITEPAPER GRATUITI

  • Computerworld Speciale Industria 4.0
    white paper

    Computerworld Italia – Speciale Industria 4.0

    Un PDF da scaricare per leggerlo comodamente su pc o tablet e avere sotto mano e in un unica soluzione le notizie, le analisi e gli approfondimenti sulla trasformazione in atto nel settore manifatturiero, da più parti definita "quarta rivoluzione industriale".
  • white paper

    Computerworld Italia – Speciale GDPR

    Un PDF da sfogliare online o scaricare per leggerlo comodamente su pc o tablet, per avere sotto mano e in un unica soluzione le notizie, le analisi e gli approfondimenti su come le aziende devono affrontare l'arrivo del GDPR.
  • white paper

    Computerworld Italia – Speciale Data Center

    Un PDF da sfogliare o scaricare su pc o tablet per avere sotto mano le notizie, le analisi e gli approfondimenti sulle principali tendenze dei Data Center: integrazione con il Cloud, approccio software-defined, ottimizzazione delle prestazioni energetiche e molto altro