La nuova funzionalità più interessante di macOS Monterey arriverà mai?

Apple continua a sostenere che Controllo universale arriverà su macOs Monterey a fine autunno, ma il tempo stringe e ancora non lo abbiamo visto

macos monterey

Tra circa due settimane sarà inverno a Cupertino (e da noi) e mentre il cambio di stagione nella Bay Area di solito non comporta di solito molto altro se non indossare una felpa con cappuccio leggermente più pesante, il cambio di stagione rappresenta anche una data di scadenza per una delle la maggior parte delle promesse primaverili.

Diverse funzionalità di iOS 15 e macOS Monterey annunciate a giugno non sono arrivate al momento del lancio dei due sistemi operativi. SharePlay è arrivato solo con iOS 15.1, le funzionalità di iCloud+ sono ancora in versione beta e le carte d’identità digitali sono state rimandate al 2022. Apple afferma sostiene però ancora che Controllo universale sarà pronto per fine autunno e ciò significa che, teoricamente, abbiamo ancora due settimane di un mese prima di Apple mantenga la promessa di portare sui nostri Mac una delle migliori e più promettenti feature di macOS Monterey.

Certo, due settimane sono tante, ma il fatto è che Apple deve ancora rilasciare una versione beta di macOS o iPadOS che supporti questa nuova funzionalità, che se non è nemmeno pronta per essere presentata in anteprima, come farà a esserlo in versione definitiva entro il 21 dicembre?

L’attesa è la parte più difficile

ADV
Siemens Industria 4.0

Industria 4.0: una guida per integrare funzione IT e reparti di produzione

Riuscire a far parlare tra loro sistemi e apparati dei mondi IT e OT è la chiave per sbloccare la trasformazione digitale nell’industria. Per farlo, è necessario cominciare a far parlare tra loro le persone di questi due domini di competenza. Scopri di più >

Controllo universale è una funzionalità che promette agli utenti di più Mac, iPad o entrambi di “unirli” insieme per un’esperienza di utilizzo più fluida. Non si tratta della semplice condivisione dello schermo come quella offerta da Sidecar in macOS Catalina, che consente a un iPad di agire come un secondo display per un Mac. Controllo universale permette invece a tutti questi dispositivi di essere controllati dagli stessi dispositivi di input e di condividere gli appunti e trascinarli da un device all’altro come se fossero lo stesso dispositivo.

In un certo senso, Controllo universale è il culmine di diverse funzionalità che Apple ha implementato in macOS e iOS da un po’ di tempo a questa parte. Si pensi ad esempio agli Appunti universali, che si basano in parte sulla tecnologia di AirDrop nel drag-and-drop cross-device. Anche la condivisione del dispositivo di input, che consente di controllare più Mac, o Mac e iPad, da un’unica tastiera e mouse, utilizza probabilmente la tecnologia di accesso remoto per trasmettere sequenze di tasti e gesti del trackpad ad altri dispositivi. Ma mettere insieme tutte queste caratteristiche è complicato. E Apple ha ragione a essere cauta.

La vostra pazienza sarà ricompensata

Nell’ultimo decennio Apple ha distribuito le nuove versioni di iOS e macOS indipendentemente dal fatto che tutte le loro funzionalità fossero pronte o meno per tutti. Ultimamente invece Apple è diventata molto più disciplinata, scegliendo di ritardare le funzionalità quando non funzionano.

È una decisione saggia. Sento ancora infatti persone che si lamentano di nuove funzionalità di macOS e iOS che sono state fornite inizialmente non funzionanti, anche se da allora sono state aggiornate e ora non hanno problemi. Ecco perché stiamo attendendo così tanto per Controllo universale. Apple sa di avere tra le mani una feature molto importante e vuole distribuirla a tutti i suoi utenti nel migliore dei modi (o almeno speriamo).

Questa funzione, come annunciato fin dall’inizio, essenzialmente non avrà un’interfaccia utente. Dovreste essere quindi in grado di posizionare un dispositivo accanto a un altro, quindi spingere il puntatore del mouse del vostro Mac sullo schermo adiacente, dove verrà visualizzato. Ovviamente, in background, i vostri dispositivi stanno controllando la vicinanza tramite rete wireless e la direzione in cui scegliete di “spingere” il puntatore fuori dal bordo dello schermo rivelerà se il dispositivo vicino si trova a sinistra o a destra.

Sembra semplice, ma ci vuole uno sforzo enorme per far sembrare una cosa del genere naturale e pressoché immediata. Sarebbe molto più semplice far premere un pulsante agli utenti, trovare un dispositivo nelle vicinanze, confermarlo facendo clic, andare sull’altro dispositivo e fare clic per confermare, trascinare per indicare la disposizione dei dispositivi e via di questo passo. Ma sarebbe un metodo vecchio e superato e penso che Apple faccia bene a volere che questa funzione sia meno “pratica” e più intuitiva.

Non so se Controllo universale arriverà a tutti entro il primo giorno d’inverno, anche in forma beta, ma sono a dir poco entusiasta delle possibilità che offrirà. Ho un MacBook Air M1 che tengo chiuso a pochi metri da me per la maggior parte del tempo, ma sarebbe bello se potessi controllarlo facilmente dalla stessa tastiera e trackpad che uso per il mio iMac. Di recente stavo viaggiando con un MacBook Air e un iPad Pro da 12,9 pollici e pensavo a come sarebbe stato utile e funzionale utilizzare entrambi questi dispositivi con una sola tastiera e trackpad, pur lasciando che il mio iPad rimanesse un iPad e non solo un monitor esterno per il Mac.

Controllo universale è una feature ambiziosa. Si basa su una tecnologia che Apple propone da anni su macOS e iOS e promette di rendere la vita molto più semplice e meno laboriosa con più dispositivi Apple. È fastidioso dover aspettare sei mesi da quando è stata annunciata? Lo è sicuramente, ma come dice un vecchio detto, le cose buone arrivano a chi sa aspettare. E quindi aspettiamo.

Se questo articolo ti è stato utile, e se vuoi mantenerti sempre aggiornato su cosa succede nell’industria ICT e ai suoi protagonisti, iscriviti alle nostre newsletter:

CWI: notizie e approfondimenti per chi acquista, gestisce e utilizza la tecnologia in azienda
CIO:
approfondimenti e tendenze per chi guida la strategia e il personale IT
Channelworld: notizie e numeri per distributori, rivenditori, system integrator, software house e service provider

Iscriviti ora!