Windows Vista, il sistema operativo di Microsoft che ha debuttato sul mercato a inizi 2007 e che è considerato tra i maggiori flop di sempre del colosso di Redmond, è sceso a una quota di mercato insignificante, essendo ormai installato solo su 2 PC su 100. È quanto riportato dall’analisi mensile di Net Applications, secondo la quale a fine luglio Vista occupa solo il 2% nel mercato globale dei sistemi operativi (non solo Windows ma anche Linux e Mac OS X).

Il declino di Vista è cominciato già nell’ottobre del 2009, quando la sua percentuale di diffusione a solo due anni dall’uscita era ferma al 20%. Non a caso quello stesso mese ha visto il lancio di Windows 7, ovvero il sistema operativo che sotto molti punti di vista ha rappresentato un’importante ancora di salvataggio per Microsoft.

Un anno dopo Vista scendeva al 15%, per poi crollare nel 2011 sotto il 10% dell’intero mercato. Da quel momento in poi Vista si è trascinato stancamente, con cali piccoli ma costanti che però, dopo quattro anni, hanno portato questa sfortunata release di Microsoft a un triste ma inevitabile 2%. Alcune stime prevedono inoltre che ad aprile del prossimo anni questa percentuale scenderà al di sotto del 1%.

Persino il precedente CEO di Microsoft Steve Ballmer ha definito Windows Vista come “la cosa di cui mi pento maggiormente”

Dopotutto i problemi a cui è andato incontro Vista sono ormai risaputi. Tanto per cominciare è arrivato sul mercato con almeno due anni di ritardo, ma che dire di tutti i problemi di driver riscontrati da milioni di utenti nell’aggiornamento da Windows XP o dell’odiatissimo User Account Control (UAC)? Persino il precedente CEO di Microsoft Steve Ballmer, in un’intervista di due anni fa a ZDNet, definiva Vista come “la cosa di cui mi pento maggiormente”.

Non è inoltre un caso che i circa 30 milioni di utenti attuali di Windows Vista (appunto il 2% del miliardo e mezzo di possessori di un PC Windows stimati da Microsoft) non siano stati scelti per usufruire dell’aggiornamento gratuito a Windows 10, come invece è successo per gli utenti di Windows 7 e Windows 8.1. Per Microsoft comunque non è una cattiva cosa che Vista sia oggi installato su così pochi PC, anche perché il supporto di sicurezza al sistema operativo di ormai otto anni fa terminerà ufficialmente il 17 aprile del 2017, ovvero tra 20 mesi.

Chi ancora utilizza Vista può però fare un piccolo salto di gioia: il loro sistema operativo resta infatti ancora più popolare di Linux, fermo a un market share del 1,7%. Non che sia un grande vanto, ma è sempre qualcosa.