Symantec ha confermato la vendita delle sue attività di enterprise security a Broadcom con un accordo da 10,7 miliardi di dollari. La transazione, che è stata approvata dal consiglio di amministrazione di Symantec, dovrebbe concludersi entro la fine dell’anno e vedrà il brand “Symantec” passare sotto il nome di Broadcom.

Il business della sicurezza informatica consumer, che include sicurezza dei dispositivi, software per la protezione delle identità e la privacy di singoli utenti e piccole imprese, rimarrà di proprietà dell’azienda. Secondo Symantec si tratta di un segmento stabile, prevedibile e che può crescere generando importanti guadagni e flusso di cassa.

Sbloccando il valore della sicurezza aziendale, stiamo facendo avanzare in modo significativo la nostra strategia di trasformazione e posizionando la nostra attività business di sicurezza informatica consumer, Norton LifeLock, per il successo”, ha dichiarato Daniel H. Schulman, presidente del consiglio di amministrazione di Symantec.

Con un mercato ampio e in crescita, i prodotti Norton LifeLock rispondono al crescente bisogno di sicurezza informatica dei consumatori”, ha affermato Rick Hill, presidente e CEO ad interim di Symantec. “Nel primo trimestre dell’anno fiscale 2020, il nostro segmento Consumer Cyber Safety ha rappresentato il 90% del fatturato operativo totale di Symantec”.

Secondo il CEO, la cessione delle attività enterprise a Broadcom consentirà a Symantec di focalizzarsi sulla linea di prodotti consumer Norton LifeLock, con maggiori investimenti di marketing e sviluppo di prodotti per la privacy dei consumatori e la conseguente crescita della base abbonati e delle entrate annuali per utente. Inoltre, la cessione a Broadcom permetterà al business enterprise security di crescere e competere su una piattaforma aziendale con una portata di vendita e distribuzione mondiale in grado di servire i clienti esistenti.

È stato un onore per me lavorare con i dipendenti di ogni area dell’azienda. Posso onestamente dire che non ci sono persone più capaci e preparate di questi dirigenti, manager e dipendenti”, ha aggiunto Hill. “Mentre lavoriamo per chiudere la transazione con Broadcom, restiamo impegnati a proteggere i nostri clienti e concentrati sull’eccellenza operativa”.

La notizia arriva a tre mesi di distanza dalle dimissioni del CEO Greg Clark, che è stato sostituito ad interim da Richard Hill.

Nel 2017, Broadcom ha acquisito Brocade, produttore di apparecchiature di rete, con un accordo da 5,5 miliardi di dollari.